Text Size
Domenica, Agosto 09, 2020
Scienza e Futuro Scienziati italiani dimostrano che le piante apprendono e ricordano

Le verità nascoste dietro il terremoto in Giappone

Il terremoto che ha colpito il Giappone di magnitudo 8,9 ha provocato un enorme tzunami con onde alte oltre 10 metri e la preoccupante esplosione del reattore N°1 della centrale nucleare di Fukushi...

Resoconto Tecnologia Aliena dei Grigi

Prefazione Ormai, dal famoso crash avvenuto a Roswell , si sono fatte numerose ricerche su questi alieni che ci vengono a trovare per i loro scopi e gli scienziati, grazie sopratuto alle notevoli sc...

La ricomparsa del Blob acquatico dall'aspetto gelatinoso

[National Geographic] Un animale marino dall’aspetto gelatinoso, una sorta di “blob oceanico” descritto per la prima volta nel 1900, è stato riavvistato dopo oltre un secolo da un gruppo di scien...

Gli 8 Ufo filmati durante un lancio satellitare russo

Diversi Ufo sono stati avvistati durante il lancio Proton Briz-M che trasportaba un satellite per telecomunicazioni il 17 maggio 2012 dal cosmodromo di Baikonur in Kazakhstan. Nel video si vedono al...

Stella "super centrifuga", "parcheggi spaziali" e materia strana

Una super centrifuga cosmica. Così è stata definita una stella nana bianca che presenta caratteristiche record: è piccola circa la metà rispetto al nostro pianeta, ma possiede una massa superiore a qu...

Ultime ipotesi sulla materia oscura, l'anello più grande e la storia di un asteroide

La materia oscura diventa ancora più oscura. Se prima si discuteva quale potesse essere la sua vera natura, non ultima l’ipotesi che si tratti di un mare di microscopiche particelle, ora se ne mette i...

  • Le verità nascoste dietro il terremoto in Giappone


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Resoconto Tecnologia Aliena dei Grigi


    Publish In: Le Prove
  • La ricomparsa del Blob acquatico dall'aspetto gelatinoso


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Gli 8 Ufo filmati durante un lancio satellitare russo


    Publish In: Le Prove
  • Stella "super centrifuga", "parcheggi spaziali" e materia strana


    Publish In: News Astronomia
  • Ultime ipotesi sulla materia oscura, l'anello più grande e la storia di un asteroide


    Publish In: News Astronomia

Scienziati italiani dimostrano che le piante apprendono e ricordano

LE PIANTE sono in grado di apprendere e di conservare memoria delle informazioni. Lo dimostra per la prima volta un esperimento realizzato al Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale - Linv dell'Università di Firenze e descritto in un articolo pubblicato sull'ultimo numero della rivista scientifica Oecologia (Experience teaches plants to learn faster and forget slower in environments where it matters").

Stefano Mancuso, responsabile del Linv, assieme ai ricercatori della University of Western Australia Monica Gagliano, Michael Renton e Martial Depczynski, ha sottoposto a stimoli di varia natura alcune piante di Mimosa pudica, un arbusto che chiude le sue foglioline non appena viene disturbato, dimostrando l'abilità di distinguere tra i diversi stimoli e di memorizzare le informazioni per lunghi periodi di tempo.

"La Mimosa pudica è una piccola pianta di origine tropicale, ormai abbastanza comune anche alle nostre latitudini, che è stata a lungo studiata per la sua reazione a stimoli che la disturbano", ha raccontato Stefano Mancuso, associato di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree del Dipartimento di Scienze delle produzioni agroalimentari e dell'ambiente dell'ateneo fiorentino. "La sua reazione immediata e visibile ci ha permesso di studiare le risposte a vari tipi di sollecitazioni, sia pericolose, come il contatto con un insetto, che inoffensive", ha aggiunto.

"Abbiamo addestrato le piante a ignorare uno stimolo non pericoloso, la caduta del vaso in cui sono coltivate da un'altezza di 15 centimetri, ripetendo l'esperienza. Dopo alcune ripetizioni - ha spiegato il ricercatore le piante di mimosa non hanno più chiuso le foglie, risparmiando tra l'altro energia. Allevando le piante in due gruppi separati, con disponibilità di luce diverse, è stato possibile dimostrare infatti che quelle coltivate a livelli luminosi inferiori, e quindi con meno energia, apprendono più in fretta di quelle che ne hanno di più. Come se non volessero sprecare risorse. Le piante hanno mantenuto memoria delle esperienze per oltre 40 giorni". E ha concluso: "Dobbiamo ancora capire come e dove i vegetali conservino queste informazioni e come facciano a richiamarle quando è necessario. Per farlo applicheremo ad altri tipi di piante, in particolare quelle carnivore, le tecniche utilizzate per studiare il comportamento degli animali".


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit