Text Size
Venerdì, Maggio 14, 2021
Scienza e Futuro La pelle artificiale superelastica per i futuri robot

Interazioni tra umani ed alieni, il convegno ufo avvenuto con successo a Roma

“Un bel convegno ufo davvero. Non ci sono altri termini – si legge nella nota stampa - per definire l’evento ufologico dell’anno a Roma intitolato “Interazioni tra umani ed alieni”. Un susseguirsi...

La batteria di Baghdad:l'uomo conosceva l'energia elettrica già 2000 anni fa

Con il termine Batteria di Baghdad si indica un manufatto creato durante la dinastia dei Parti (150 a.C.–226 d.C.), in Persia, e probabilmente scoperto nel 1936 vicino al villaggio di Khujut Rabu, pre...

Limite dell'Universo Conosciuto

Fin dall'inizio dei tempi l'uomo, scrutando il cielo, si è sempre chiesto quanto effettivamente l'Universo fosse grande.La risposta probabilmete non l'avremo mai, ma,grazie alle notevoli scoperte scie...

Le tecnologie segrete sperimentali basate sugli UFO

Il controllo della gravità e della propulsione avanzata e’ ritenuto attualmente appannaggio della fantascienza o della tecnologia di un futuro ancora molto lontano. L’autore della collana di libr...

L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane

E’ stato un lampo di raggi gamma lunghissimo, durato quasi sei ore quello avvenuto lo scorso 25 settembre e studiato da un team internazionale di ricercatori guidato da Luigi Piro, dell’INAF. Un’et...

Brain to Brain, il primo esperimento che ha collegato 2 cervelli da un continente all'altro

  Un'interfaccia che mette in comunicazione diretta il cervello di due ratti, trasferendo informazioni dall'uno all'altro. A realizzarla è stato un gruppo di neuroscienziati della Duke University ...

  • Interazioni tra umani ed alieni, il convegno ufo avvenuto con successo a Roma


    Publish In: La Nostra Storia
  • La batteria di Baghdad:l'uomo conosceva l'energia elettrica già 2000 anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Limite dell'Universo Conosciuto


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Le tecnologie segrete sperimentali basate sugli UFO


    Publish In: Le Prove
  • L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane


    Publish In: News Astronomia
  • Brain to Brain, il primo esperimento che ha collegato 2 cervelli da un continente all'altro


    Publish In: Scienza e Futuro

La pelle artificiale superelastica per i futuri robot

SI ILLUMINA e cambia colore se viene sfiorata, è elastica al punto che riesce ad allungarsi fino al 500%, percepisce il tatto e la pressione: è la pelle hi-tech che si ispira al polpo e che in futuro potrebbe rivestire i robot, illuminandosi se il loro contatto con l'uomo non è abbastanza delicato, o rendendoli mimetici all'occorrenza. Descritta sulla rivista Science, è stata realizzata dal gruppo coordinato da Robert Shepherd, dell'americana Cornell University, in collaborazione con l'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) di Genova. 

"Ci siamo ispirati alla pelle del polpo e abbiamo ottenuto un materiale con proprietà tattili e iper-elastico, al punto che può essere deformato del 500% e tornare all'aspetto originario", ha detto Barbara Mazzolai, dell'Iit, che è fra gli autori della ricerca e recentemente è entrata nella classifica internazionale delle donne geniali della robotica insieme a un'altra italiana, Cecilia Laschi, della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. La pelle artificiale, ha proseguito, è un punto di partenza che potrebbe portare a sviluppi imprevedibili. Il primo riguarda la possibilità che i robot del futuro possano avere una pelle come questa, tanto che i ricercatori l'hanno già utilizzata per rivestire un braccio robotico.

"Quando il braccio si piega il materiale si deforma e cambia colore, inoltre risponde alla stimolazione tattile e permette di controllare la pressione", ha spiegato la ricercatrice. La pelle hi-tech che imita quella del polpo è fatta di silicone al suo interno sono 'incastonati' elettrodi di idrogel e particelle di solfuro di zinco, rame e manganese. A seconda della miscela, la pelle brilla di colori diversi: si illumina in blu se prevale il rame  e di giallo se invece domina il manganese. È un altro passo lungo la strada che punta "a rendere i robot sempre più sicuri nell'interazione con l'uomo", ha osservato ancora. Si possono immaginare anche robot mimetici, insieme a nuovi dispositivi biomedici, una nuova generazione di sensori, fino a tessuti 'cangianti' al servizio della moda o di mobili 'sensibili'


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit