Text Size
Venerdì, Maggio 14, 2021
Scienza e Futuro L'immortalità sempre più vicina: individuate i tre elementi chiave per "spegnere" l'invecchiamento

Il lancio del modulo Bean. La casa spaziale gonfiabile

La NUOVA "casa" abitabile, a disposizione degli astronauti, verrà lanciata in orbita il prossimo 8 aprile: si chiama Beam (Bigelow Expandable Activity Module) ed è un modulo gonfiabile che verrà ...

Gavrinis, il mistero dei tumuli risalenti al neolitico (3500 a.c.) con messaggi in matematica avanzata

Siamo in Bretagna, golfo di Morbihan una zona molto ricca di menhir. Due isolette circondate da correnti impetuose: Er Lannic e Gavrinis. Qui, in cima ad una collinetta, la madre di tutti i ...

L'Ufo a forma di sigaro fotografato mentre entrava nel vulcano Osorno in cile

Relazione di un  Testimone: Ero su una barca vicino alle cascate Petrohué in Cile e ho fatto qualche foto del vulcano Osorno.Una foto mostrava un UFO incandescente a forma di sigaro, che sembra entr...

I Grigi tipo 1

Grigio "Classico"Altezza: 1.20 circaProvenienza: Sistema Stellare Zeta ReticuliPelle : grigio chiaro, liscia come quella di un delfino. In alcuni casi può apparire grinzosa o più bitorzoluta.Muscolatu...

Il Display multiview 3D autostereoscopico: un altro passo in avanti verso gli schermi 3D senza lenti

Non servono gli occhiali per vedere le immagini tridimensionali prodotte da un nuovo schermo descritto sulle pagine di “Nature” in un articolo firmato da David Fattal, dei Laboratori Hewlett-Packard ...

Lo straordinario video dell'Ufo che seguiva una cometa nei cieli russi

Il 29 Giugno sui cieli russi, a San Pietroburgo, è stato avvistato l'ennesimo ufo. Il testimone è rimasto molto sorpreso dell'avvistamento in quanto è avvenuto in modo inconsueto. Il testimone stava...

  • Il lancio del modulo Bean. La casa spaziale gonfiabile


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Gavrinis, il mistero dei tumuli risalenti al neolitico (3500 a.c.) con messaggi in matematica avanzata


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • L'Ufo a forma di sigaro fotografato mentre entrava nel vulcano Osorno in cile


    Publish In: Le Prove
  • I Grigi tipo 1


    Publish In: Razze Aliene
  • Il Display multiview 3D autostereoscopico: un altro passo in avanti verso gli schermi 3D senza lenti


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Lo straordinario video dell'Ufo che seguiva una cometa nei cieli russi


    Publish In: Le Prove

L'immortalità sempre più vicina: individuate i tre elementi chiave per "spegnere" l'invecchiamento


ROMA - Se in natura vi sono animali che invecchiano pochissimo e vivono molto più a lungo dell'uomo, la causa sta nella stabilità delle reti genetiche, cioè tutta la catena di azioni regolata dai geni che determina il comportamento delle cellule, e nella loro resistenza allo stress. E' questa la conclusione dello studio, pubblicato sulla rivista Scientific reports, che fornisce una spiegazione matematica della diversa longevità nel regno animale, indicando in tre parametri gli elementi chiave su cui intervenire per "spegnere" l'invecchiamento: una rete di connessioni genetiche efficaci, la grandezza del genoma (cioè tutto il materiale genetico di un organismo) e un efficiente sistema di riparazione dei danni al Dna.

Una conclusione cui gli studiosi, coordinati dall'azienda biotech Gero in collaborazione con uno dei massimi esperti del campo, Robert Shmookler Reis, sono arrivati utilizzando un modello matematico del normale invecchiamento e partendo dalla constatazione che alcuni animali, come la talpa nuda o un particolare riccio di mare, non mostrano quasi segni di invecchiamento.

Studiando la stabilità della rete genetica con diverse equazioni matematiche, i ricercatori hanno scoperto che nelle normali circostanze in cui si vive, le reti genetiche sono naturalmente instabili. Nel tempo accumulano tante anomalie che a loro volta causano una minore e progressiva resistenza allo stress e un aumento della mortalità con l'avanzare degli anni.
Gli animali che invecchiano poco non solo hanno reti genetiche più stabili, ma anche più resistenti allo stress.

Ciò dimostra che esistono due diverse dinamiche di invecchiamento, regolate da questi tre parametri e dalla stabilità delle reti genetiche. Se il tasso di riparazione è alto o le connessioni della rete genetica abbastanza basse, allora la rete di comando rimane stabile e la mortalità indipendente dal tempo trascorso, allo stesso modo in cui avviene negli animali che non invecchiano. Se il sistema di riparazione invece non è abbastanza efficiente, allora le reti genetiche diventano instabili, e iniziano ad accumularsi errori nella regolazione del genoma, con un processo che porta ad un invecchiamento rapido e un aumento di mortalità.

Negli esseri umani e molte altre specie il tasso di mortalità aumenta con l'età. Le funzioni riproduttive, rigenerative e di resistenza allo stress si riducono con il passare degli anni. Secondo il modello sviluppato nello studio, la durata della vita può quindi essere aumentata "ritoccando" o "violando" uno di questi tre parametri. Per i ricercatori bisogna approfondire il legame tra la stabilità della rete genetica e l'invecchiamento per aprire la strada a nuove terapie per le malattie legate all'età.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit