Text Size
Domenica, Giugno 20, 2021
Scienza e Futuro L'esoscheletro parziale da indossare come un paio di stivali

La Casa Bianca risponde alla petizione sugli Ufo

Washington (Usa), 8 nov. (LaPresse/AP) - La Casa Bianca ha detto di non aver prova che le creature extraterrestri esistano. L'insolita dichiarazione arriva in risposta di due petizioni firmate rispe...

Uomini alti 7 metri e mezzo, il mistero dei giganti in India

              Le recenti attività di esplorazione nella regione settentrionale dell’India hanno portato alla luce resti scheletrici di un essere umano di dimensioni fenomenali. La scop...

La colonizzazione umana dello spazio: un sogno possibile?

La colonizzazione dello spazio è sempre stato un sogno umano, ma è possibile colonizzare lo spazio con le conoscenze attuali? Il problema più importante da affrontare nel viaggio spaziale, sono le ...

L'ossigeno di Rhea, prima misurazione dell'atmosfera di una Super Terra e il progetto segreto Nasa X-37B

Ancora novità dalla Cassini, da anni impegnata nello studio di Saturno e delle sue lune. I dati raccolti dalla sonda dal 2005 ad oggi hanno rivelato che Rea, il secondo per grandezza tra tutti i sa...

La presenza di vapore acqueo in un esopianeta,Michio Kaku e la conferma delle sue teorie dei multiversi e la scoperta di una galassia in miniatura

Gli studi sui pianeti extrasolari non sono mirati solamente alla ricerca di una “Terra 2.0″ ovvero un pianeta roccioso simile al nostro che orbiti attorno a una stella simile al Sole a una distan...

Lo strano oggetto che non dovrebbe esistere. L'enigmalite

John J. Williams, un ingegnere elettrico, nel 1998 ha fatto una scoperta davvero curiosa: un piccolo oggetto che sembrava un connettore elettrico a tre punte che spuntava dal terreno. Dopo aver ...

  • La Casa Bianca risponde alla petizione sugli Ufo


    Publish In: Le Prove
  • Uomini alti 7 metri e mezzo, il mistero dei giganti in India


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La colonizzazione umana dello spazio: un sogno possibile?


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • L'ossigeno di Rhea, prima misurazione dell'atmosfera di una Super Terra e il progetto segreto Nasa X-37B


    Publish In: News Astronomia
  • La presenza di vapore acqueo in un esopianeta,Michio Kaku e la conferma delle sue teorie dei multiversi e la scoperta di una galassia in miniatura


    Publish In: News Astronomia
  • Lo strano oggetto che non dovrebbe esistere. L'enigmalite


    Publish In: Oopart Archeomisteri

L'esoscheletro parziale da indossare come un paio di stivali

Milioni di anni di bipedismo hanno plasmato lo scheletro umano per raggiungere un’ottima efficienza biomeccanica. Eppure c'è ancora un ampio margine di miglioramento, secondo Steven Collins della Carnegie Mellon University a Pittsbourgh e colleghi dell’Università del North Carolina a Chapel Hill, che hanno realizzato un esoscheletro da indossare come un paio di stivali, che consente di ridurre l’energia spesa durante la locomozione del 7 per cento.

Gli "stivali" meccanici che facilitano la camminata

Il nuovo esoscheletro in una fase dei test

Si tratta di un risparmio apparentemente modesto, ma va paragonato a quello di analoghi dispositivi che funzionano con una fonte di energia esterna. Il prototipo di Collins e colleghi, descritto in un articolo su "Nature", invece si basa esclusivamente su forze elastiche, immagazzinando grazie a una serie di molle parte dell’energia comunicata dal movimento del corpo, in particolare del polpaccio, e restituendola al momento opportuno, assecondando la spinta del piede.

“L’idea di partenza era che invece di aggiungere una nuova fonte di energia per aiutare la camminata avremmo potuto costruire un esoscheletro che semplicemente rendesse l'apparato biomeccanico della camminata più efficiente dal punto di vista energetico”, ha spiegato Collins.

Gli "stivali" meccanici che facilitano la camminata

Test del nuovo esoscheletro su tapis roulant

Il risultato è un calo netto del metabolismo muscolare, cioè dell’energia richiesta all’organismo per produrre il movimento.  “Per i primi 10 minuti di utilizzo, la sensazione è che il movimento sia più viscoso, ma poi non si avverte più nulla: è come se l’esoscheletro venisse integrato dal corpo,”, ha sottolineato Gregory S. Sawicki, coautore dello studio. “Quando lo si toglie poi si capisce quanto il sistema elastico dell’esoscheletro aiuti la spinta durante la camminata”.

Una volta terminata la fase di sviluppo del dispositivo, il nuovo esoscheletro potrà avere diverse applicazioni, per esempio come protesi per aiutare la deambulazione in persone colpite da una paralisi parziale.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit