Text Size
Lunedì, Agosto 02, 2021
Scienza e Futuro Il micromotore alimentato dal vapore acqueo

Il pianeta fatto di acqua bollente, il terremoto di Marte e le contrazioni lunari

A 40 anni luce di distanza sembra esserci un pianeta fatto di acqua bollente. Gli astronomi lo avevano individuato tre anni fa ma solo ora, grazie al telescopio spaziale Hubble, sono emersi part...

Le inquietanti profezie di Padre Pio sui tempi futuri

Pochi conoscono che anche Padre Pio fece dele profezie sulla fine del mondo. Ma quali sono questi messaggi profetici di Padre Pio? Eccoli di seguito elencati tratti dal libro “I grandi Profeti” di R...

I giganteschi flussi di particelle cariche della nostra galassia, consigli per vedere il cielo di Gennaio ed il successo cinese della missione spaziale Chang’e 2

Che il centro della Via Lattea, la nostra Galassia, fosse alquanto turbolento era ben noto da tempo. Ma non che da quelle zone fuoriuscissero giganteschi flussi  di particelle cariche, veri e prop...

La prima stampante 3D che crea i tessuti umani artificiali

Una stampante in 3D potrà essere utilizzata per ricreare tessuti umani artificiali capaci di sostituire le cellule danneggiate. La stampante – costruita su misura da Gabriel Villar, autore princi...

Akakor, l'antica città degli Dei

Antichissime città perdute nel cuore delle foreste brasiliane custodiscono segreti legati alla discesa di esseri di altri mondi. L’avventura del giornalista tedesco Karl Brugger ha inizio in un bar ...

L'enigma dei neutrini,la materia oscura nel Sistema Solare e le nuove teorie dei pianeti adottati

Ancora una volta i neutrini non si fanno trovare. A rimanere delusi sono ora i ricercatori di Icecube, un grande telescopio costruito al polo sud. Stavano cercando di misurare il passaggio di alcu...

  • Il pianeta fatto di acqua bollente, il terremoto di Marte e le contrazioni lunari


    Publish In: News Astronomia
  • Le inquietanti profezie di Padre Pio sui tempi futuri


    Publish In: Profezie passate e future
  • I giganteschi flussi di particelle cariche della nostra galassia, consigli per vedere il cielo di Gennaio ed il successo cinese della missione spaziale Chang’e 2


    Publish In: News Astronomia
  • La prima stampante 3D che crea i tessuti umani artificiali


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Akakor, l'antica città degli Dei


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • L'enigma dei neutrini,la materia oscura nel Sistema Solare e le nuove teorie dei pianeti adottati


    Publish In: News Astronomia

Il micromotore alimentato dal vapore acqueo

Un micromotore alimentato dal vapore acqueo

Un film polimerico in grado di muoversi, accartocciandosi e distendendosi ripetutamente, e di generare elettricità sfruttando il vapore acqueo presente nell'ambiente è stato realizzato da un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology, diretti da Mingming Ma, che ne riferisce in un articolo pubblicato su “Science”.

Nel creare il nuovo materiale, Ma e colleghi si sono ispirati alla struttura a rete del derma animale, in cui le rigide fibre di collagene rinforzano una rete elastica di microfibrille composte dalla proteina elastina per formare un materiale robusto e flessibile. Il film che hanno progettato, e che ha uno spessore di soli 20 micrometri, è costituito da una rete intrecciata di due polimeri dalle caratteristiche differenti. Uno dei polimeri, il polipirrolo (PPy), forma una matrice rigida ma flessibile che serve da supporto strutturale, mentre l'altro polimero, il poliolo-borato, è un gel che si gonfia quando assorbe acqua. In presenza di un gradiente di umidità nell'ambiente, ovvero di variazioni di concentrazione di molecole d'acqua, la combinazione delle differenti caratteristiche dei due polimeri trasforma il nuovo materiale in un attuatore efficace, ovvero in un dispositivo che trasforma una forma di energia in un'altra.

Se la pellicola viene collocata su di un piano umido, il polipirrolo assorbe l'umidità, deformando tutta la struttura. In questo modo però la superficie della pellicola si allontana dal piano umido e inizia a cedere l'umidità accumulata all'ambiente, tornando a distendersi e avvicinandosi nuovamente al piano umido. A questo punto, la pellicola comincerà nuovamente a deformarsi e grazie a questo fenomeno ciclico, se lasciata libera, inizierà a spostarsi sul piano. Queste contrazioni e distensioni alternate possono anche essere sfruttate per trasformare la pellicola nell'attuatore di un'apparecchiatura, così da muovere per esempio l'arto meccanico di un minirobot.

Come attuatore il nuovo materiale dimostra di avere una grande efficienza: un frammento di pellicola del peso di 25 milligrammi può sollevare un carico pari a 380 volte il suo peso, o può essere usato come “nastro” trasportatore, spostando un carico pari a dieci volte il suo peso.

In alternativa, l'energia meccanica generata dal materiale può anche essere convertita in energia elettrica mediante accoppiamento del film polimerico con un materiale piezoelettrico, che converte stress meccanici in una carica elettrica. Questo sistema può generare una potenza media di 5,6 nanowatt, che possono essere usati in dispositivi microelettronici, per esempio sensori di temperatura e umidità. A una scala ancora più piccola, il film potrebbe alimentare sistemi microelettromeccanici, o MEM, per la nanoelettronica.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit