Text Size
Domenica, Giugno 20, 2021
Scienza e Futuro La prima fotocamera digitale da 50.000 megapixel

L'oggetto non identificato filmato nella missione spaziale STS-127

In questo video ufficiale della NASA viene mostrato un oggetto non identificato che viene filmato (inavvetitamente) durante la misssione americana STS-127

Dimostrata ufficialmente dagli scienziati l'interfaccia cervello-macchina per azione complesse

La possibilità di creare interfacce cervello-macchina in grado di gestire movimenti complessi, che prevedono una successione articolata di singoli movimenti, è stata dimostrata da un gruppo di ricer...

I quattro nuovi elementi della tavola periodica e la possibilità di fuggire da un buco nero secondo Hawking

Aggiungi un posto a tavola. Anzi quattro. Le vecchia tavola periodica degli elementi è un perenne work in progress: nel 2011 erano stati aggiunti nuovi tasselli, poi lo scorso gennaio l'Unione in...

Ecco presentate dal Time le 50 migliori invenzioni del 2011

Di seguito le 50 migliori invenzioni del 2011 che un giorno ci cambieranno la vita Draco Creato dal Mit, Draco (Double-stranded RNA activated caspase oligomerizer) è un farmac...

Le pitture rupestri di antichi visitatori alieni in Italia e Algeria

Le incisioni rupestri della Val Camonica (sito UNESCO n° 94, Arte rupestre della Valcamonica) costituiscono una delle più ampie collezioni di petroglifi preistorici del mond...

Per la scienza ufficiale questa statuetta non dovrebbe esistere

                Nel 1889 a Nampa nell'Idaho, durante i lavori di scavo di un pozzo, a 90 metri di profondità, venne trovata una statuetta di creta, raffigurante una piccola figura umana...

  • L'oggetto non identificato filmato nella missione spaziale STS-127


    Publish In: Le Prove
  • Dimostrata ufficialmente dagli scienziati l'interfaccia cervello-macchina per azione complesse


    Publish In: Scienza e Futuro
  • I quattro nuovi elementi della tavola periodica e la possibilità di fuggire da un buco nero secondo Hawking


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Ecco presentate dal Time le 50 migliori invenzioni del 2011


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le pitture rupestri di antichi visitatori alieni in Italia e Algeria


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Per la scienza ufficiale questa statuetta non dovrebbe esistere


    Publish In: Oopart Archeomisteri

La prima fotocamera digitale da 50.000 megapixel

Un prototipo di fotocamera in grado di creare immagini con un dettaglio senza precedenti grazie alla sincronizzazione di 98 piccole telecamere è stato realizzato da ingegneri della Duke University e dell'Università dell'Arizona. La descrizione della tecnica utilizzata per raggiungere questa capacità di ripresa è descritta in un articolo pubblicato su “Nature”.

La nuova fotocamera – chiamata AWARE-2 – ha un angolo di ripresa orizzontale di 120° ed è in grado di catturare fino a 50 gigapixel di dati, vale a dire 50.000 megapixel, contro gli 8-40 megapixel che possono raggiungere le macchine fotografiche in commercio.

Allo stato attuale, il prototipo, realizzato grazie al sostegno finanziario della Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), è tutt’altro che maneggevole, dato che ha un ingombro di 75 × 75 × 50 centimetri, ma i ricercatori ritengono che entro cinque anni, grazie alla progressiva miniaturizzazione dei circuiti, macchine fotografiche e telecamere a gigapixel dovrebbero essere pronte per il commercio.

La superfotocamera a gigapixel che riprende i dettagli più piccoli

Immagine del traffico in una rotatoria ripresa da AWARE-2. Gli inserti sono amplificati digitalmente di un fattore 13.

Ciascuna delle microcamere acquisisce informazioni da una zona specifica del campo visivo", ha spiegato David Brady, uno dei progettisti di AWARE-2. "Un processore del computer mette insieme tutte queste informazioni in una singola immagine molto dettagliata. In molti casi la fotocamera può catturare immagini di particolari che i fotografi non possono vedere, ma che si possono notare in seguito quando viene visualizzata l'immagine."

"Tradizionalmente, per migliorare le fotografie si aggiungevano ulteriori lenti all'ottica, ma in questo modo si aumentava la complessità della macchina", ha spiegato Michael Gehm, altro progettista di AWARE-2. "Questo non è un ostacolo che riguarda solo gli esperti che si interessano di imaging. I supercomputer devono affrontare lo stesso problema: i loro processori diventano sempre più complicati, ma a un certo punto la complessità arriva a un punto di saturazione, che si traduce in un costo proibitivo."

"Invece di puntare su ottiche sempre più complesse, il nostro approccio sfrutta una serie parallela di elementi elettronici", ha detto Gehm. "Un normale obiettivo raccoglie la luce e la indirizza alle microcamere che lo circondano, proprio come una rete di computer indirizza i file alle postazioni di lavoro individuali. Ciascuna di esse ha una differente prospettiva e lavora su un piccolo pezzo del problema. Successivamente sistemiamo il tutto con una sovrapposizione, in modo da non far mancare nulla."


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit