Text Size
Martedì, Settembre 28, 2021
Scienza e Futuro Come assemblare un computer biologico

Le sonde ARTEMIS e la mappatura della Luna in 3D, il terremoto su Giove e l'orbita completata da Nettuno attorno al Sole

Ancora tre giorni e un'altra sonda ARTEMIS raggiungerà la Luna. Andrà ad aggiungersi a una sua compagna già entrata in orbita lo scorso 27 giugno. Le due si ritroveranno a girare attorno al nostro ...

L'Area 51

L' Area 51 è parte di una vasta zona militare (la Nellis Air Force Base) operativa di 26.000 km2, situata vicino al villaggio di Cuneo a circa 150 km a nord-ovest di Las Vegas, nel sud dello stato sta...

Anche l'aeroporto di Oslo è stato bloccato da un Ufo

Che cosa sia successo ancora non è chiaro a nessuno, nemmeno agli addetti. La cosa certa è che "qualcosa" ha bloccato il traffico aereo all'aeroporto di Oslo nello scorso 24 marzo, causando gravi ...

David Wilcock: scienza e profezie nel 2012

L’interesse di David Wilcock sugli argomenti metafisici, risale quasi al momento della sua nascita. Wilcock, sin dall’età di 2 anni, ricorda di aver sognato imponenti cilindri metallici che galleggiav...

Il via dell'ESA per la missione Athena, il miglior pianeta candidato per essere la prima colonia umana extrasolare e l'invito del Papa a condividere la conoscenza dell'Universo

E’ deciso: sarà Athena, un sofisticatissimo osservatorio orbitante nei raggi X che prenderà il volo nel 2028, la seconda delle grandi missioni dell’Agenzia Spaziale Europea prevista nell’ambito de...

Il segreto di Stonehenge (sembra) è stato svelato

Le recenti scoperte di un team internazionale di archeologi chiariscono, almeno in parte, il mistero che ancora oggi aleggia attorno a Stonehenge: quando fu costruito? E perchè? Secondo Henry Ch...

  • Le sonde ARTEMIS e la mappatura della Luna in 3D, il terremoto su Giove e l'orbita completata da Nettuno attorno al Sole


    Publish In: News Astronomia
  • L'Area 51


    Publish In: Le Prove
  • Anche l'aeroporto di Oslo è stato bloccato da un Ufo


    Publish In: Le Prove
  • David Wilcock: scienza e profezie nel 2012


    Publish In: Profezie passate e future
  • Il via dell'ESA per la missione Athena, il miglior pianeta candidato per essere la prima colonia umana extrasolare e l'invito del Papa a condividere la conoscenza dell'Universo


    Publish In: News Astronomia
  • Il segreto di Stonehenge (sembra) è stato svelato


    Publish In: Uomini e Misteri

Come assemblare un computer biologico

La possibilità di utilizzare batteri e filamenti di DNA come componenti modulari di un circuito apre le porte all'elaborazione digitale biologica dell'informazione

Componenti modulari per la costruzione di nuovi dispositivi digitali batterici e a DNA sono stati ottenuti da un gruppo di ricercatori dell'Imperial College di Londra, che ne danno notizia in un articolo pubblicato su Nature Communications. In particolare, lo studio ha mostrato l'effettiva possibilità di creare e assemblare porte logiche - gli elementi di base di qualsiasi circuito destinato all'elaborazione digitale dell'informazione - sfruttando batteri (E. coli) e filamenti di DNA.

Precedenti ricerche avevano già mostrato che è possibile creare porte logiche biologiche, ma l'attuale ricerca ha dimostrato che è possibile costruirle in modo che si comportino in modo del tutto simile a quello dei corrispettivi circuiti elettronici e, soprattutto, che è possibile farlo in modo perfettamente modulare: le nuove porte biologiche possono essere agevolmente collegate permettendo l'assemblaggio di processori biologici complessi. I ricercatori sono infatti riusciti a mostrare come le porte logiche biologiche possano essere collegate tra loro per formare componenti più complessi in un modo simile a quello dei componenti elettronici, a partire dalla combinazione di una porta "NOT" con una porta "AND" per ottenere il più complesso operatore "NAND".

"Le porte logiche sono gli elementi costitutivi fondamentali dei circuiti in silicio su cui si basa la nostra epoca digitale. Senza di loro, non siamo in grado di elaborare l'informazione digitale. Ora che abbiamo dimostrato che possiamo replicare queste parti utilizzando batteri e DNA, speriamo che il nostro lavoro possa condurre a una nuova generazione di processori biologici, le cui applicazioni all'elaborazione delle informazioni potrebbero essere importanti quanto i loro equivalenti elettronici", ha detto Richard Kitney.

In futuro, dispositivi di questo tipo potrebbero essere utilizzati come sensori iniettati nel flusso sanguigno per rilevare la presenza di placche aterosclerotiche, individuare e distruggere cellule tumorali, rilasciare farmaci, oppure essere impiegati per la rilevazione di inquinanti nell'ambiente.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit