Text Size
Venerdì, Maggio 14, 2021
Scienza e Futuro Ecco come l'agenzia americana IARPA si proietta nel futuro

Raymond Kurzweil e il backup del cervello

Raymond Kurzweil RAY Kurzweil porta un cognome che si può leggere sulle tastiere durante i concerti rock, sul Wall Street Journal, accanto alla definizione "genio sempre al lavoro", o su Fo...

Le misteriose impronte del Diavolo

L'inverno del 1885 fu eccezionalmente severo per il sudovest dell'Inghilterra, regione ...

Come in Minority Report, il pc senza mouse: la demo

Il futuro è già qui e costa appena 69,99 dollari, vale a dire circa 55 euro. Con questa cifra potremo dire addio al mouse e controllare il nostro computer come Tom Cruise in Minority Report. Tutto...

L'incredibile Ufo avvistato a Brema che ha causato la cancellazione dei voli

Dagli anni ’50 l’esistenza degli Ufo ha inquietato o eccitato (a seconda delle personali reazioni) la fantasia popolare, con tanto di avvistamenti rivelatisi poi delle bufale. Al punto che ormai s...

EmDrive, il motore "impossibile" che ci porterà tra le stelle

Nel mese di agosto dello scorso anno, la NASA creò scalpore nella comunità scientifica per la pubblicazione di una relazione che sosteneva che un motore che apparentemente contraddice le leggi della...

Per la scienza ufficiale questa statuetta non dovrebbe esistere

                Nel 1889 a Nampa nell'Idaho, durante i lavori di scavo di un pozzo, a 90 metri di profondità, venne trovata una statuetta di creta, raffigurante una piccola figura umana...

  • Raymond Kurzweil e il backup del cervello


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le misteriose impronte del Diavolo


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Come in Minority Report, il pc senza mouse: la demo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'incredibile Ufo avvistato a Brema che ha causato la cancellazione dei voli


    Publish In: Le Prove
  • EmDrive, il motore "impossibile" che ci porterà tra le stelle


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Per la scienza ufficiale questa statuetta non dovrebbe esistere


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Ecco come l'agenzia americana IARPA si proietta nel futuro

Per essere assunti alla Iarpa potrebbe essere sufficiente scrivere nel curriculum la vostra  buona idea. In che senso buona? Un'idea "che possa  portare alla nazione (Usa, ndr) un vantaggio schiacciante in termini di intelligence". Perché quello che fanno alla Intelligence Advanced Research Projects Activity è prevedere il futuro: rivoluzioni, catastrofi e crisi economiche, in modo da poter giocare d'anticipo. Così, dopo aver lanciato a luglio il programma Open Source Indicators, con lo scopo di raccogliere quante più informazioni possibili lasciate dagli utenti nella Rete (da un twit all'acquisto di un prodotto), la Iarpa rilancia con altri programmi con cui intende "essere il futuro", per citare lo slogan della stessa agenzia.


È il caso di Foresight and Understanding from Scientific Exposition ( Fusa), con cui l'agenzia statunitense si mette alla ricerca"capacità tecniche emergenti in giro per il mondo". Scopo del progetto è infatti quello di mettere a punto un  di sistema automatico e continuo di raccolta dati, basato sulle informazioni presenti nei lavori scientifici, tecnici e nelle pubblicazioni dei brevetti. Un metodo in grado di leggere velocemente i dati accumulati nel resto del mondo e nelle diverse lingue, per poi catalogarli in campi di applicazione, come potrebbe essere per esempio quello dedicato all'intelligenza artificiale o ai sistemi per il riconoscimento facciale o di luoghi.

Finder Program , per esempio, è pensato proprio per mettere a punto un efficace programma digeolocalizzazione per immagini. Come riporta The Atlantic Wire, un programma come questo aiuterebbe non poco una spia che deve individuare esattamente il luogo in cui si trova una persona a partire da una fotografia.

Ma tra le intenzioni dell'agenzia di intelligence statunitense c'è anche qualcosa di decisamente più fantasioso, come il Synthetic Holographic Observation (Sho) Program, con cui la Iarpa intende realizzare dei sistemi di visualizzazione di ologrammi 3d, fruibili da più persone e possibilmente a occhio nudo. Lo scopo? Secondo quanto riporta Wired.com, costruire un sistema che permetta agli operatori di intelligence di collaborare tra loro in modo interattivo.

Infine, nei programmi della Iarpa c'è spazio anche per droni silenziosi. Con il Great Horned Owl (Gho)l'agenzia intende infatti mettere in cassaforte sistemi che permettano ai velivoli comandati in remoto di eseguire le operazioni di sorveglianza e ricognizione indisturbati. Il rumore è infatti uno dei fattori che causa l'insuccesso di numerose missioni.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit