Text Size
Martedì, Agosto 03, 2021
Scienza e Futuro Darpa e l'elmetto del futuro

Rapiti dagli alieni: l'incredibile caso di Antonio Villas Boas

La data: 22 febbraio 1958 Il soggetto: Antonio Villas Boas. La posizione: Il Chirurgo Dott. Olavo T. Fontes, Rio De Janeiro. La dichiarazione dei testimoni: Dott. Olav...

I vortici di luce,la nana bianca più vicina e le nuvole luminescenti

La scoperta è di quelle che possono rivoluzionare l’astrofisica e la tecnologia che usiamo ogni giorno. La luce, o meglio la radiazione elettromagnetica, possiede una ulteriore proprietà, la vort...

Il misterioso caso dell'incidente del passo di Djatlov

Alcuni ragazzi avevano formato un gruppo per intraprendere un'escursione sugli sci di fondo attraverso gli Urali settentrionali, nell'oblast' di Sverdlovsk (Свердло́вская о́бласть). Il gruppo, gu...

Il forte cover-up sugli Ufo della Nasa e delle altre agenzie spaziali

Negli ultimi due anni, una quantità impressionante di funzionari altamente qualificati, si è fatto avanti per parlare di vita aliena e l’esistenza di oggetti volanti non identificati, che non sono ...

L'ufo discoidale fotografato a Sofia in Bulgaria

Il prestigioso centro ufologico MUFON (Mutual Ufo Network) ha pubblicato il rapporto di un avvistamento UFO avvenuto sopra la capitale della Bulgaria, Sofia. Il testimone ha raccontato al centro u...

Le Profezie di Mamma Shipton

Di origini contadine è un'altra figura del tutto particolare del Cinquecento: Ursula Sonthiel (1488-1561), più nota come Mamma Shipton. La tradizione vuole che essa fosse la figlia di una fattucchiera...

  • Rapiti dagli alieni: l'incredibile caso di Antonio Villas Boas


    Publish In: Le Prove
  • I vortici di luce,la nana bianca più vicina e le nuvole luminescenti


    Publish In: News Astronomia
  • Il misterioso caso dell'incidente del passo di Djatlov


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il forte cover-up sugli Ufo della Nasa e delle altre agenzie spaziali


    Publish In: Le Prove
  • L'ufo discoidale fotografato a Sofia in Bulgaria


    Publish In: Le Prove
  • Le Profezie di Mamma Shipton


    Publish In: Uomini e Misteri

Darpa e l'elmetto del futuro

Ecco l'elmetto con i sensori Comanderà soldati "a distanza"Il prototipo dell'elmetto

L'dea è semplice: se ogni singolo aspetto delle sensazioni umane, dalla percezione alle emozioni fino al comportamento è regolato dall'attività del cervello, allora è sufficiente stimolare quest'ultimo per indirizzare al meglio un militare durante un'azione di guerra. Già ma cos'è il "meglio"? Una risposta l'ha data la Darpa (Defense Advanced Research Projects Agency), il dipartimento che si occupa dei progettazione e ricerca per la difesa degli Stati Uniti.  Il "meglio", secondo gli alti comandi, consisterebbe nel poter infondere nei militari, quando necessario, un impulso al cervello per ridurre o aumentare gli stati d'ansia, lo stress, la miglior capacità possibile di osservare e trarre deduzioni durante un'attività, sentire meno dolore se feriti, rimanere svegli a lungo e intervenire sul militare in modo psichiatrico. Il mezzo sarebbe un elmetto, che, oltre che a proteggere la testa del soldato, abbia al suo interno queste potenzialità e faccia da interfaccia con un computer che posto a distanza adeguata possa interagire con il cervello. Una sorta di "controllo a distanza" delle menti degli uomini e delle donne inviati sui fronti più pericolosi, che pone non pochi interrogativi etici.

Fino ad oggi, al di fuori del mondo militare, molte sono le limitazione che rallentano le possibilità di stimolare il cervello per trattare malattie e controllare i processi di informazioni che passano per i circuiti dell'encefalo. La DBS, ad esempio, ossia la stimolazione profonda del cervello, viene utilizzata per limitare i problemi creati dal Parkinson, ma richiede un intervento chirurgico per impiantare elettrodi e batterie nel paziente. La TMS invece, che è utilizzata su chi, con problemi di depressione o allucinazioni, non reagisce alle medicine, non richiede interventi chirurgici, ma necessita di una stimolazione su  una piccola area del cervello, circa un centimetro per lato, e da lì non si deve uscire per ottenere gli effetti e, oltretutto, non riesce a stimolare i circuiti profondi del cervello dove risiedono molti circuiti importanti per il problema (tant'è che alcuni ricercatori la considerano niente più che un placebo).

"Al fine di oltrepassare queste limitazioni, abbiamo messo a punto un nuovo sistema tecnologico che invia ultrasuoni al cervello che stimolano i suoi circuiti senza interventi chirurgici. Inoltre il sistema ha una capacità che è almeno 5 volte superiore come qualità di intervento rispetto alla TMS", spiega William Tyler, della School of Life Sciences all'Arizona State University e che lavora per la Darpa. I risultati di tali ricerche sono ormai così avanzati che la Darpa vuole applicarli ai militari americani impegnati in azioni di guerra.

L'idea è di inserire in un casco tutti gli strumenti necessari per stimolare il cervello del combattente a seconda delle esigenze. I prototipi di tali caschi sono già sul tavolo della Darpa. Essi presentano una miniaturizzazione del sistema di trasmissione degli ultrasuoni e mostrano la possibilità di colpire i centri nervosi del cervello del militare senza che questi debba rimanere immobile. "Con questo elmetto, il soldato potrà ricevere informazioni di qualunque genere, sarà protetto come nessun altro elmetto ha fatto finora, ma soprattutto potrà essere stimolato in modo neurologico affinché i suoi centri nervosi rimangano in allerta per tutto il tempo necessario di un'azione di guerra senza momenti di riposo, potrà riceve stimoli per avere un comportamento da "uomo senza paura" e se l'azione di guerra lo porterà ad avere stati d'ansia pericolosi, questi potranno essere cancellati. E in caso venga ferito, gli si potrà limitare il dolore.

Fonte: repubblica.it


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit