Text Size
Mercoledì, Giugno 16, 2021
Oopart Archeomisteri Chichen Itza e il mistero della piramide nascosta all'interno i un'altra piramide.

Ufo avvistati sempre più spesso in Argentina

In Argentina c’è una zona, situata a un centinaio di chilometri dalla città di Atucha, i cui cieli sono teatro di misteriosi fenomeni. Negli ultimi tempi capita sempre più spesso che strani oggett...

Cristopher Robinson il veggente dei nostri giorni

Christopher Robinson è nato in Inghilterra nell’ aprile del 1951. Durante i suoi primi 10 anni di vita si dice che abbia avuto gravi problemi al cuore. Durante un intervento chirurgico gli  è stata pe...

Il caso delle Supernovae 1A, la prima Super Terra sondata da Spitzer ed il satellite disperso Envisat

Supernovae di tipo Ia. Sono stelle molto distanti che esplodono, aumentando la loro luminosità al punto da diventare vibili ai telescopi quando prima non lo erano. Gli astronomi le considerano una...

EmDrive, il motore "impossibile" che ci porterà tra le stelle

Nel mese di agosto dello scorso anno, la NASA creò scalpore nella comunità scientifica per la pubblicazione di una relazione che sosteneva che un motore che apparentemente contraddice le leggi della...

Il Cern riesce a intrappolare l'antimateria per 16 minuti

Dopo i risultati ottenuti a novembre sempre a Ginevra e ad aprile negli Usa, un altro passo avanti: anti-idrogeno catturato per il tempo record di mille secondi ROMA - Si sta "stringendo ...

Lo strano oggetto che non dovrebbe esistere. L'enigmalite

John J. Williams, un ingegnere elettrico, nel 1998 ha fatto una scoperta davvero curiosa: un piccolo oggetto che sembrava un connettore elettrico a tre punte che spuntava dal terreno. Dopo aver ...

  • Ufo avvistati sempre più spesso in Argentina


    Publish In: Le Prove
  • Cristopher Robinson il veggente dei nostri giorni


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il caso delle Supernovae 1A, la prima Super Terra sondata da Spitzer ed il satellite disperso Envisat


    Publish In: News Astronomia
  • EmDrive, il motore "impossibile" che ci porterà tra le stelle


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il Cern riesce a intrappolare l'antimateria per 16 minuti


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Lo strano oggetto che non dovrebbe esistere. L'enigmalite


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Chichen Itza e il mistero della piramide nascosta all'interno i un'altra piramide.

Una piramide nell’altra, e poi un’altra ancora: gli archeologi hanno scoperto che il tempio di Kukulkan, nel sito archeologico di Chichen Itza (nella penisola dello Yucatan) nascondeva un’ulteriore terza piramide dentro le prime due.

«È come una matrioska. Sotto la più grande ne abbiamo un’altra e poi un’altra ancora», ha dichiarato al Guardian Rene Chavez Seguro, a capo del progetto.

La piramide pre-colombiana, alta 30 metri, nascondeva infatti al proprio interno una seconda piramide, di 20 metri; dentro quest’ultima, gli archeologi hanno scoperto un’ulteriore piramide, di 10 metri, avvistata utilizzando una tecnica di scanning non invasiva.

Il tempio in onore di Kukulkán, il dio serpente piumato, fu realizzato come un sistema di bambole russe, presumibilmente in tre fasi: la piramide più piccola e più interna, appena scoperta, tra il 550 e l’800; quella intermedia, tra l’800 e il 1000; quella esterna tra il 1050 e il 1300.

tomografiapiramide

“El Castillo” (com’è soprannominato il sito) sarebbe dunque stato costruito in fasi diverse. I motivi potrebbero essere i più disparati, dalla normale erosione dei materiali al cambio di regime.

La seconda piramide era stata individuata dopo il 1931, mentre la terza, più piccola e non perfettamente centrata rispetto alle altre, è stata trovata ora grazie a una tecnica di scansione non invasiva delle strutture.

L’accumulo di edifici sopra e intorno a quelli vecchi poteva dipendere da varie ragioni, come il deterioramento dei precedenti o il cambio di leadership politica.

Inoltre, lo scorso anno inoltre, si è scoperto che il tempio di Kukulkán è costruito sopra a un cenote, ossia una voragine (sinkhole) naturale piena d’acqua dolce. La nuova struttura scoperta sorge proprio in direzione del bacino.

Non è chiaro se i Maya sapessero della presenza del pozzo, ma il fatto che le piramidi siano state costruite direttamente sopra di esso, e che Kukulkán fosse anche associato all’acqua nella mitologia precolombiana, fanno pensare che la posizione possa essere stata scelta di proposito.

La scoperta è particolarmente importante perché aiuta a gettare luce sulla civiltà dei Maya, prima che arrivassero popoli stranieri dal Messico centrale.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit