Text Size
Lunedì, Agosto 02, 2021
Oopart Archeomisteri Il dito e la mano fossile di 100 milioni di anni

Gravity Probe B e la defomazione dello spazio-tempo attorno alla Terra

Lo spazio-tempo attorno alla Terra è leggermente deformato, proprio come previsto dalla teoria della relatività generale di Einstein. A dimostralo, misurando l'entità di questa deformazio...

Gli ufo fotografati dalla sonda Rosetta sulla cometa Churyumov-Gerasimenko

Due noti ricercatori ufo del C.UFO.M.(Centro Ufologico Mediterraneo), appena sono pervenute le prime immagini dalla sonda spaziale Rosetta relative alla cometa Churyumov-Gerasimenko, certamente no...

Ancora sorsprese nel nostro Sistema Solare,l'acqua salata nel cuore di encelado ed i rischi degli astronauti nello spazio

Parlando in termini astronomici, se la Terra è la nostra casa, il Sistema solare ne è appena il giardino e, nonostante ciò, la sua esplorazione per noi è tutt’altro che terminata. Basta poi affacc...

"Così faremo nascere una stella in laboratorio"

ROMA - Sta per nascere una stella. In laboratorio. Il progetto di innescare una fusione nucleare per crearne una, qui sulla Terra, va avanti dal 2010 e gli ostacoli che ne impediscono la realizza...

L'evoluzione dei telescopi, dal cannocchiale allo Spitzer

Lo strumento usato da Galileo per osservare il cielo era un oggetto semplice. Si trattava di un telescopio rifrattore che aveva due lenti ai due estremi di due tubi, di cui uno entrava nell'altro. ...

Il dito e la mano fossile di 100 milioni di anni

Homo "Cambrianensis"... Vi starete di certo chiedendo cosa possa significare questo termine, la risposta è ovvia: niente! Nello studio delle ere geologiche si definisce "cambriano" lo strato in cui ...

  • Gravity Probe B e la defomazione dello spazio-tempo attorno alla Terra


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Gli ufo fotografati dalla sonda Rosetta sulla cometa Churyumov-Gerasimenko


    Publish In: Le Prove
  • Ancora sorsprese nel nostro Sistema Solare,l'acqua salata nel cuore di encelado ed i rischi degli astronauti nello spazio


    Publish In: News Astronomia
  • "Così faremo nascere una stella in laboratorio"


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'evoluzione dei telescopi, dal cannocchiale allo Spitzer


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Il dito e la mano fossile di 100 milioni di anni


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Il dito e la mano fossile di 100 milioni di anni

Homo "Cambrianensis"... Vi starete di certo chiedendo cosa possa significare questo termine, la risposta è ovvia: niente! Nello studio delle ere geologiche si definisce "cambriano" lo strato in cui si hanno i primordi della vita terrestre, in effetti, questo "homo cambrianensis" potrebbe essere un'ipotetica specie umana i cui reperti si evidenziano come testimonianza di civiltà in epoche in cui nemmeno i mammiferi, o addirittura i primati, esistevano o si erano anche di poco sviluppati; del resto, se l'epiteto "cambrianensis" di un ipotetico passato nell'era cambriana mi può essere obiettato, facilmente si potrebbero confutare tutti quei nomignoli curiosi come homo di "Neanderthal" o di "Cro magnon" dati a resti improbabili di fossili per giustificare la teoria di Darwin.
Nelle esposizioni che seguono andremo a conoscere alcune incongruenze con le linee di sviluppo classiche dell'evoluzione umana...

Un reperto molto interessante è stato ritrovato al di sopra della zona del circolo artico, precisamente nell'isola di Axel Heiberg nell'artico canadese. Il reperto, scovato fra le vecchie collezioni di fossili dell'isola, sembra essere un dito fossile umano, molto simile ad altre dita fossili del periodo cretaceo in Texas trovate dal Dr. Carl Baugh. La particolarità di questo ritrovamento è che il dito fossile è stato trovato in un era geologica, quella cretacea, in cui i dinosauri stavano da poco scomparendo.

L'età del fossile, che è conosciuto col nome "DM93-083", ha infatti un'età ci circa 100-110 milioni di anni.
Dopo un'analisi attenta ai raggi-x si è scoperto che il fossile presenta all'interno una zona più scura, che essendo meno densa delle parti esterne tende a far passare i raggi-x e scurendo così l'immagine. Tale parte interna più scura da una conferma all'interpretazione di un osso e midollo fossilizzati e una parte molle più esterna, confermando l'ipotesi si possa trattare di un dito umano.
Un altro dito fossile simile è stato trovato da un proprietario terriero durante dei lavori di costruzione di una strada, precisamente in un filone calcareo della Walnut cretaceus formation del Commanche Peak. Il reperto, anch'esso trovato in uno strato di roccia del cretaceo, risulta essere ben conservato indicando una sepoltura dell'essere a cui apparteneva quasi subitanea dopo la morte.



Una mano fossile umana venne ritrovata in Colombia, precisamente a Bogotà. Il reperto era appartenente alla collezione Gutierrez. Particolarità del reperto è che la roccia che la contiene ha un'età di circa 100-130 milioni di anni, facendola dunque datare, come le dita fossili precedenti, nel periodo del cretaceo.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit