Text Size
Sabato, Luglio 31, 2021
News Astronomia Le mini lune occasionali della Terra, l'anello F di Saturno ed il dibattito ancora acceso sulla materia oscura

Il misterioso Codice Astronomico Borbonikus Azteco che racconta l'antica storia di Marte

In una illustrazione del Codice Astronomico Borbonikus (Borbonicus) Azteco vengono visualizzati eventi catastrofici avvenuti su Marte in un lontano passato, durante la convergenza della stella c...

Conseguenze della tempesta solare prevista dalla Nasa per il 2012

Uno degli aspetti previsti dalla Nasa per il 2012 è molto preoccupante, di fatti, la tempesta solare prevista, sarà in grado di spegnere letteralmente il nostro pianeta facendolo regredire di almeno 1...

I nomi delle lune di Plutone, il mistero dei potenti lampi radio e cosa succede attorno ai buchi neri giganti

Nessuna delle lune di Plutone verrà chiamata Vulcano, con buon pace dei fan di Star Trek. Ma andiamo con ordine: Plutone è uno dei pianeti nani del nostro sistema solare. Sino a due anni fa si cono...

L'enigma dell'antico manufatto ritrovato in Egitto che mostra gli avanzati livelli tenologici del passato

Negli ultimi anni, numerose scoperte di enigmatici artefatti hanno portato un numero sempre crescente di studiosi a sostenere che gli antichi egizi erano forniti di conoscenze tecnologiche molto p...

Scontro futuro tra la nostra galassia e quella di Andromeda

Una degli avvenimenti che non tutti sanno è che il nostro Sistema Solare gira intorno al centro della nostra galassia e, di conseguenza, la nostra galassia con tutte le sue stelle e pianeti, che sono ...

Il mistero della pioggia color sangue di Kerala in India di possibile origine extraterrestre

La Pioggia rossa in Kerala è un fenomeno che è stato osservato sporadicamente dal 25 luglio al 23 settembre 2001 nello stato indiano meridionale di Kerala. Si verificarono violenti acquazzoni nei qu...

  • Il misterioso Codice Astronomico Borbonikus Azteco che racconta l'antica storia di Marte


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Conseguenze della tempesta solare prevista dalla Nasa per il 2012


    Publish In: Profezie passate e future
  • I nomi delle lune di Plutone, il mistero dei potenti lampi radio e cosa succede attorno ai buchi neri giganti


    Publish In: News Astronomia
  • L'enigma dell'antico manufatto ritrovato in Egitto che mostra gli avanzati livelli tenologici del passato


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Scontro futuro tra la nostra galassia e quella di Andromeda


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Il mistero della pioggia color sangue di Kerala in India di possibile origine extraterrestre


    Publish In: Uomini e Misteri

Le mini lune occasionali della Terra, l'anello F di Saturno ed il dibattito ancora acceso sulla materia oscura

Non solo la Luna: la Terra avrebbe altri piccoli, occasionali compagni di viaggio. Si tratta di asteroidi di pochi metri che si avvicinano e restano gravitazionalmente imbrigliati, costretti ad accompagnare il nostro pianeta per qualche tempo prima di allontanarsene.  Piccoli, con orbite che prevalentemente si trovano al di là di quella della Luna, sono estremamente difficili da osservare ma, stando ai risultati di un nuovo studio, condotto da Mikael Granvik dell’Università di Helsinki, sarebbero più abbondanti di quanto si pensasse. Le simulazioni al computer rivelano che, in media, questi oggetti si comporterebbero come delle mini-lune per alcuni mesi, prima di andare nuovamente alla deriva, svincolandosi dalla Terra. Individuarli è particolarmente difficoltoso, non solo per via delle dimensioni ridotte ma anche perché possono essere confusi con frammenti di spazzatura spaziale.  5 dei 6 oggetti esaminati dal gruppo di Granvik si sono  rivelati essere stadi di razzi, ma l’ultimo era effettivamente un asteroide, una mini-luna rimasta con noi per circa un anno a partire dal luglio del 2006. Con le missioni spaziali che sono approdate su asteroidi ben più lontani, la prospettiva di raggiungere una mini-luna, in poche settimane se non in pochi giorni sarebbe molto allettante. Non resta che aguzzare la vista e individuarle.

I CAPRICCI DI UN ANELLO


Anche nella imponente e spettacolare famiglia degli anelli di Saturno c’è una pecora nera: disordinato e ribelle, è l’anello F. Scoperto nel 1979 grazie alla sonda Pioneer 11, è il più esterno degli anelli maggiori: largo appena qualche centinaio di chilometri, è estremamente sottile e viene di continuo “spettinato” da due piccole lune che si trovano in orbita dalle sue parti: Prometeo e Pandora.  Che questa grande scia circolare di frammenti di ghiaccio e roccia cambiasse forma in continuazione, lo si sapeva fin da quando è stato scoperto, ma su alcuni aspetti si comincia a far luce solo ora. Sembra che le interazioni gravitazionali  con Prometeo generino al suo interno degli addensamenti, come palle di neve che si formano e poi si disgregano facendo variare la capacità dell’anello di diffondere la luce, rendendolo quindi più o meno brillante.

LA MATERIA (OSCURA) DELLA DISCORDIA
La materia oscura c’è o non c’è? Un nuovo studio rende la questione ancora più ingarbugliata. La materia oscura sarebbe formata da qualcosa che non emette luce ma fa sentire la sua presenza per via delle perturbazioni gravitazionali che esercita sulle stelle visibili. Ancora non sappiamo di cosa è fatta: forse da miriadi di stelle spente o forse da enormi insiemi di particelle. Il nuovo studio, condotto in Cile e guidato dagli italiani Christian Moni Bidin e Giovanni Carraro, contraddice questo scenario. I risultati dimostrano che, almeno per quanto riguarda le vicinanze della nostra galassia, le perturbazioni nei movimenti delle stelle possono essere spiegati senza ricorrere alla presenza della materia oscura. I sostenitori della sua esistenza non sono però convinti e affermano che lo studio va approfondito prima di giungere alle conclusioni. E, come sempre accade, tra i due litiganti ecco spuntare il terzo incomodo, ovvero quei pochi ma determinati ricercatori convinti che sia tutto un equivoco. Per loro le perturbazioni nei moti delle stelle sarebbero solo la dimostrazione che la legge di attrazione gravitazionale va riscritta quando si considerano grandi distanze. E così, prorpio quando sembrava che il giallo della materia oscura fosse vicino alla soluzione, tutto si torna a complicarsi.




blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit