Text Size
Mercoledì, Agosto 04, 2021
News Astronomia L'ossigeno di Rhea, prima misurazione dell'atmosfera di una Super Terra e il progetto segreto Nasa X-37B

Secondo lo scienziato russo Andrei Finkelstein, incontreremo gli alieni nel 2031

Lo scienziato russo Andrei Finkelstein, uno dei maggiori studiosi del Paese, è sicuro: nel 2031 scatterà l'incontro con forme di vita extraterrestre. C'è la vita su altri pianeti, e sicuramente in ...

L'atterraggio Ufo fotografato in Canada

Di atterraggi UFO ci sono stati molti testimoni con frequenza crescente in varie sedi in tutto il mondo che dimostra  come una presenza  aliena su questo pianeta diventa sempre più evidente. La fo...

L'importanza dei filamenti stellari, la strana storia di Vesta ed il possibile ritorno in funzione del telescopio spaziale Kepler

La distribuzione in massa delle stelle è chiamata Funzione Iniziale di Massa (IMF è l’acronimo inglese) ed è una caratteristica importante di tutte le galassie, non solo della nostra. Derivare la ...

Il mistero di Waffle Rock, la pietra di 250 milioni di anni fa

È uno dei più grandi enigmi e ancora conosciuti dell’America, e sono molti i motivi per cui la Waffle Rock è considerata un mistero. L’intricata rete di motivi geometrici è talmente regolare ch...

Il buco nero super massiccio vicino a noi, la creazione di una cometa artificiale e la pioggia di ferro sulla Terra causata da esplosioni di Supernovae

I buchi neri supermassicci sono giganti cosmici, con masse che vanno da qualche milione fino a miliardi di volte quella del Sole. Si pensa che al centro di quasi tutte le galassie ce ne sia uno...

Il mistero sulla scoperta del lago di Vostok in Antartide

Nel duemila molti quotidiani italiani, come “Il Corriere della Sera” del 30 gennaio 2000, riferivano che sotto la coltre ghiacciata dell’Antartide era stata rinvenuta il lago di Vostok. Qui alcuni m...

  • Secondo lo scienziato russo Andrei Finkelstein, incontreremo gli alieni nel 2031


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'atterraggio Ufo fotografato in Canada


    Publish In: Le Prove
  • L'importanza dei filamenti stellari, la strana storia di Vesta ed il possibile ritorno in funzione del telescopio spaziale Kepler


    Publish In: News Astronomia
  • Il mistero di Waffle Rock, la pietra di 250 milioni di anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il buco nero super massiccio vicino a noi, la creazione di una cometa artificiale e la pioggia di ferro sulla Terra causata da esplosioni di Supernovae


    Publish In: News Astronomia
  • Il mistero sulla scoperta del lago di Vostok in Antartide


    Publish In: Uomini e Misteri

L'ossigeno di Rhea, prima misurazione dell'atmosfera di una Super Terra e il progetto segreto Nasa X-37B

Ancora novità dalla Cassini, da anni impegnata nello studio di Saturno e delle sue lune. I dati raccolti dalla sonda dal 2005 ad oggi hanno rivelato che Rea, il secondo per grandezza tra tutti i satelliti del pianeta, possiede un’atmosfera molto tenue. E in questa atmosfera sono presenti molecole di ossigeno. La presenza di ossigeno sarebbe una conseguenza dell’intenso campo magnetico di Saturno, nel quale sono intrappolate una miriade di particelle.


Quando il campo magnetico del pianeta investe Rea, le particelle colpiscono la superficie ghiacciata del satellite, spezzando i legami chimici e liberando molecole di ossigeno. Il rilascio di ossigeno dalla superficie è considerato un elemento utile per creare condizioni favorevoli alla vita. Ma non nel caso di Rea: la quantità di ossigeno liberata è troppo bassa, sul satellite fa troppo freddo, si parla di temperature a quasi meno 200 gradi, e manca l’acqua allo stato liquido, elemento ritenuto fondamentale per l’eventuale sviluppo di forme di vita.

Gli scienziati però non demordono e scommettono su di un'altra luna di Saturno, Encelado. Nuove immagini riprese sempre dalla Cassini hanno evidenziato delle fratture nel ghiaccio da dove sembra fuoriuscire vapore d’acqua. Potremmo essere di fronte alla conferma che sotto la crosta ghiacciata si nasconde un oceano di acqua liquida.


L’ATMOSFERA DELLA SUPER-TERRA
E’ un pianeta che viene definito super-Terra: non perché abbia qualcosa di particolarmente eccezionale ma perché, pur essendo di tipo roccioso come la Terra, la supera sia dal punto di vista della massa che delle dimensioni. C’è però un primato che rende effettivamente speciale GJ 1214b, questa la sua sigla identificativa: di questo pianeta, in orbita intorno a una stella a 40 anni luce da noi, è stato possibile analizzare l’atmosfera. E’ la prima volta che gli astronomi riescono a studiare l’involucro gassoso che avvolge un pianeta di questo tipo. Dall’analisi dei dati si è potuto stabilire che in quella lontana atmosfera potrebbero esserci vapor d’acqua oppure nubi gassose, costituite in prevalenza da idrogeno. Il risultato è stato ottenuto grazie agli strumenti che si trovano presso il Very Large Telescope, in Cile. Il pianeta, orbitando intorno alla sua stella, si trova a passarle davanti lungo la nostra linea di vista: possiamo quindi osservare una piccola frazione della luce stellare che passa attraverso lo strato atmosferico del pianeta stesso. Studiando come agisce questa sorta di filtro naturale sulla radiazione della stella che arriva fino a noi, è stato possibile ottenere le informazioni cercate. Sicuramente più facile a dirsi che a farsi.


MINI SHUTTLE DA COMBATTIMENTO?
A vederlo sembra uno shuttle in miniatura il nuovo prototipo top-secret sviluppato dalla NASA e poi ceduto al Pentagono. n è un veicolo di prova, ha raggiunto l’orbita terrestre lo scorso aprile e tornerà a terra questo fine settimana. Della sua missione non si sa molto altro, a parte che la permanenza alle alte quote, ha sfiorato i 300 km di altezza, è servita a testare nuove tecnologie e, soprattutto, che è un velivolo del tutto autonomo. X-37B, infatti, sta facendo tutto da solo, senza la necessità di un pilota umano nemmeno per la delicata fase di atterraggio. Se tutto andrà bene, questo sarà il primo mezzo nella storia del programma spaziale americano ad effettuare un rientro completamente automatizzato. Anche se, più che all’esplorazione spaziale questo prototipo sembra destinato a scopi militari, la tecnologia d’avanguardia di cui è frutto avrà notevoli ricadute anche per l’astronautica, quella fatta di obiettivi scientifici e non bellici


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit