Text Size
Martedì, Luglio 27, 2021
News Astronomia La Luna si è ristretta, la stella con i sette pianeti e la salute umana nello spazio

Bob Dean spiega Nibiru

 Robert Dean è stato impegnato nel campo della ricerca sugli UFO per gli ultimi 40 anni. Cominciò la sua ricerca mentre era in servizio attivo nell'esercito degli Stati Uniti, in cui militò per 27 an...

Nuova attività Ufo fotografata sul vulcano Popocatepeti in Messico

Il vulcano Popocatepeti torna a far parlare di sè, infatti è stata rilevata della nuova attività Ufo proprio vicino al vulcano messicano. Nel video seguente vengono mostrati 2 ufo fotografati dalla ...

Le forme dell'Universo

Che forma ha il nostro universo? La rivista americana The New Scientist ha raccolto alcune ipotesi emerse da studi e simulazioni effettuati negli ultimi anni. Ed ecco che anche se siamo concentrati ad...

Rapiti dagli alieni: il caso di Bridget Grant

Bridget Grant sembra una normalissima casalinga, eppure tiene conferenze affollate in mezzo mondo. Perchè? Le sue esperienze straordinarie sono giunte fino in America creando scalpore. Bridget è...

Il mistero della donna a cui crescono peli di metallo

Di fronte a certe notizie c’è da iniziare a credere in coloro che lanciano da anni l’allarme mutazioni genetiche. Molti esempi si stanno manifestando sia nel mondo animale che in quello umano spec...

Il 2012 e la profezia delle api di Einstein

Pochi sanno che, oltre a essere famoso per la fisica, Einstein è famoso anche per una frase da lui detta che è quasi profetica. Secondo il celebre scienziato, dal momento che l'ultima ape scompare dal...

  • Bob Dean spiega Nibiru


    Publish In: Le Prove
  • Nuova attività Ufo fotografata sul vulcano Popocatepeti in Messico


    Publish In: Le Prove
  • Le forme dell'Universo


    Publish In: News Astronomia
  • Rapiti dagli alieni: il caso di Bridget Grant


    Publish In: Le Prove
  • Il mistero della donna a cui crescono peli di metallo


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il 2012 e la profezia delle api di Einstein


    Publish In: Profezie passate e future

La Luna si è ristretta, la stella con i sette pianeti e la salute umana nello spazio

La Luna si è ristretta di 200 metri. Non in questi ultimi giorni ma nel corso dell’ultimo miliardo di anni. E nello stesso lunghissimo lasso di tempo le sono pure comparse delle rughe, o per essere più precisi delle scarpate lungo la sua superficie. Ce lo fa sapere la NASA, grazie a nuove immagini e nuovi dati ottenuti dalla sonda Lunar Reconaissance Orbiter.


Non c’è però da temere per la salute del nostro satellite: restringimento e rughe sono solo le naturali conseguenze del suo raffreddamento. Sorprende piuttosto che questi effetti si siano sviluppati nell’ultimo miliardo di anni, quando ormai si riteneva che la Luna avesse da tempo spento i suoi bollori e raggiunto un freddo stato di quiete. Evidentemente gli effetti del raffreddamento sono andati avanti più del previsto. E forse continuano ancora oggi.

Sapere che la Luna, da un punto di vista geologico, è rimasta attiva sino a tempi recenti è di grande aiuto per risalire con esattezza alla sua struttura interna e determinare una volta per tutte come si è formata. Informazioni utili a loro volta per ricostruire il passato del sistema solare e le condizioni che hanno portato alla comparsa della vita sul nostro pianeta. Ben venga quindi qualche metro in meno e qualche ruga in più sul volto della nostra pallida compagna celeste.

TUTTI INTORNO ALLA STELLA
La stella e i sette pianeti: detta così sembra un po’ una fiaba spaziale la nuova scoperta effettuata grazie agli strumenti dello European Southern Observatory, presso La Silla, in Cile. La stella, che è simile al nostro Sole, si trova a 137 anni luce da noi ed è una delle 400 che gli astronomi de La Silla tengono sotto controllo da anni. Il motivo è appunto individuare intorno ad esse nuovi pianeti extrasolari da aggiungere alla lista dei già quasi 500 scoperti fino ad oggi. Ciò che rende speciale questa scoperta è proprio il numero: 5 pianeti confermati più 2 la cui presenza è molto probabile. Un totale di 7 che, stando alle stime delle dimensioni, non possono certo definirsi pianeti nani. I primi cinque sono giganti gassosi, paragonabili a Nettuno. Il sesto, il più esterno, avrebbe una massa ancora maggiore, più simile a Saturno. Il settimo, se confermato, sarebbe il più piccolo, il più vicino alla stella e con una massa simile a quella della Terra. Una famiglia decisamente legata, perché i sette descrivono orbite molto strette intorno alla stella. Questo affollamento di pianeti li costringerà, prima o poi, a delle “litigate” gravitazionali. Sarà quindi molto interessante monitorare l’evoluzione a lungo termine di questo sistema planetario.

SALUTE SPAZIALE
Che il lavoro dell’astronauta richieda un fisico molto forte lo si sapeva. Ora però è stato condotto uno studio medico approfondito analizzando, oltre ai dati attuali, anche i resoconti medici risalenti all’epoca della stazione orbitante russa MIR, relativi al periodo compreso fra il 1988 e il ’99. A distanza di tanto tempo, solo di recente è stata concessa la consultazione dei rapporti. I risultati dello studio dimostrano che il fisico umano non potrebbe sostenere un viaggio di molti mesi, per raggiungere Marte ad esempio, a meno di non prendere misure di cui oggi non disponiamo. Il problema principale è l’indebolimento di cuore, muscoli e ossa: gli esercizi fisici che gli astronauti fanno attualmente non sarebbero sufficienti. I suggerimenti spaziano dal predisporre una navetta in stile 2001 Odissea nello Spazio, che simuli la forza di gravità sfruttando la forza centrifuga, alla creazione di una pillola che blocchi la perdita di massa muscolare e ossea. Quel che è certo è che bisognerà attendere ancora un po’ prima di imbarcarci in lunghe avventure spaziali.




blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit