Text Size
Giovedì, Settembre 16, 2021
News Astronomia Lo scoppio anomalo delle Supernove, preoccupazione per il cargo Progress e la polvere riportata da Hayabusa

Nefilim e Anunnaki - i Giganti del passato

L'appellativo Nefilim (in Ebraico הנּפלים), presente nell' Antico Testamento (Torah), in diversi libri non canonici del Giudaismo e in antichi scritti cristiani, si riferisce ad un popolo creato dall'...

La scoperta di due stanze segrete nella tomba di Tutankhamon

[La Stampa] Potrebbe essere l’ultimo segreto del faraone-bambino, Tutankhamon, il più celebre della storia egiziana. È quasi certo che ci siano due camere nascoste dietro i muri della tomba del...

Akakor. Mito e leggenda di un antico popolo sotterraneo del Rio delle Amazzoni

Grandi Maestri hanno portato agli uomini la luce della conoscenza fondando un nuovo popolo e costruendo tre grandi città di pietra: Akanis e Akakor Akahim. I nomi indicano l'ordine della...

GMES: il sistema europeo per monitorare la Terra

Il Global Monitoring for Enviroment and Security (GMES) e un'iniziativa dell'Agenzia Spaziale Europea e della Commissione Europea creata nel 2001 durante l'incontro di Gothenburg e finalizzata al forn...

L'allarme degli scienziati: si avvicina l'era dei topi XL

UN inquietante segnale era arrivato poche settimane fa dalla Gran Bretagna. Grossi ratti che, soprattutto nelle regioni meridionali del Paese come Berkshire e Oxfordshire, sembrano immuni a ogni ...

Il mistero sulla scoperta del lago di Vostok in Antartide

Nel duemila molti quotidiani italiani, come “Il Corriere della Sera” del 30 gennaio 2000, riferivano che sotto la coltre ghiacciata dell’Antartide era stata rinvenuta il lago di Vostok. Qui alcuni m...

  • Nefilim e Anunnaki - i Giganti del passato


    Publish In: Le Prove
  • La scoperta di due stanze segrete nella tomba di Tutankhamon


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Akakor. Mito e leggenda di un antico popolo sotterraneo del Rio delle Amazzoni


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • GMES: il sistema europeo per monitorare la Terra


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • L'allarme degli scienziati: si avvicina l'era dei topi XL


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il mistero sulla scoperta del lago di Vostok in Antartide


    Publish In: Uomini e Misteri

Lo scoppio anomalo delle Supernove, preoccupazione per il cargo Progress e la polvere riportata da Hayabusa

Nell’Universo ci sono anche stelle che esplodono a modo loro. Sono una classe particolare di supernovae, quelle che gli astronomi classificano come di tipo Ia. Come le altre supernovae, quando esplodono emettono in pochi secondi miliardi di volte la luminosità del Sole. Ma mentre le altre scoppiano in modo simmetrico, come una gigantesca bolla che si espande allo stesso modo in tutte le direzioni e con la stessa velocità, le supernovae di tipo Ia si comportano diversamente.


Un team di ricercatori ha infatti scoperto che in queste stelle il punto di innesco dell’esplosione non si trova proprio al centro ma in una posizione spostata. Ne risulta così un’esplosione asimmetrica. Perché? Lo abbiamo chiesto a Stefano Benetti dell’INAF, uno degli italiani coinvolti nella ricerca:

“Ancora non lo sappiamo esattamente. Pensiamo che all’interno della stella si possano creare delle instabilità termodinamiche e dei forti rimescolamenti di materia che favorirebbero l’accensione di quella che possiamo definire una bomba termonucleare cosmica non propriamente nel centro di massa della stella.”

Perché è importante sapere come esplodono queste supernovae?

“Noi abbiamo dimostrato con la nostra ricerca che queste supernovae esplodono con lo stesso meccanismo e rilasciano la stessa quantità di luce. Possono allora essere utilizzate come fari cosmici, nel senso che quando scopriamo queste supernovae possiamo determinarne la distanza, quindi possiamo poi dedurre la forma dell’Universo e la sua evoluzione sia passata che futura.”

BUONA LA SECONDA
Preoccupazione a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Il cargo russo Progress, guidato dal suo pilota automatico, aveva fallito il primo aggancio a causa di una interferenza. A bordo del cargo c’erano cibo, carburante e nuovi vestiti, tutti rifornimenti che dovevano assolutamente giungere agli astronauti della Stazione. Agendo a distanza, i tecnici hanno comunque individuato la causa dell’interferenza, poi hanno riprogrammato un secondo attracco, riuscito senza problemi. L’incidente ha suscitato molto clamore tra la stampa, ma rientrava nei casi previsti: il cargo ha infatti eseguito automaticamente le manovre richieste dopo un aggancio fallito, rimanendo così sotto controllo in attesa del nuovo aggancio.

C’E’ POLVERE
Buone notizie dalla capsula rilasciata dalla sonda giapponese Hayabusa. Al suo interno sono state trovate particelle di polvere. La sonda aveva il compito di raccogliere campioni della superficie dell’asteroide Itokawa, ma la missione è stata colpita da una serie continua di problemi e contrattempi che ne hanno allungato di alcuni anni la durata. Alla fine la sonda è tornata casa, ma senza la certezza di essere riuscita nel suo intento. Ora sappiamo che nella sua capsula ci sono delle particelle: nelle prossime settimane si stabilirà se si tratta proprio di granelli dipolvere dell’asteroide o semplice polvere della nostra atmosfera.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit