Text Size
Sabato, Giugno 12, 2021
News Astronomia La nuova vita di Hubble, stella nana in arrivo e niente bombe agli asteroidi

Un linguista annuncia: “Decifrato il Codice Voynich”

Forse stavolta ci siamo… Solo pochi giorni fa, vi raccontavamo dell’ipotesi avanzata da un botanico per dare un senso all’enigmatico Codice Voynich sulla base delle raffigurazioni di fiori e piante ...

Come conosciamo la composizione di Stelle e Pianeti

Grazie alla spettroscopia astronomica possiamo individuare con la massima precisione quali elementi chimici si trovano in un corpo celeste. Anche a milioni di anni luce di distanza. Fu la scoperta di ...

L'atlante anatomico del cervello in 3D

Un atlante digitale del cervello, in 3D e ad altissima risoluzione, è stato messo a punto da ricercatori del Forschungszentrum Jülich, in Germania, e della McGill University a Montreal, che lo prese...

La foto dell'UFO scattata dal satellite Rosetta sulla cometa Comet 67P Churymov Gerasimenko

Il fenomeno Ufo ancora non cessa di stupire infatti l'ultimo più strano avvistamento è avvenuto sulla cometa che stava monitorando il satellite europeo ROSETTA chiamato Comet 67P Churymov Gerasimenk...

Le macchie solari su Proxima Centauri, gli strani anelli che ruotano nel senso opposto al pianeta j1407b e la nascita della vita generata dalla luce stellare

Dallo scorso agosto, quando è stata annunciata la scoperta di un pianeta in zona abitabile che le orbita attorno, Proxima Centauri, la stella più vicina alla Terra, è oggetto di grandissima attenzi...

Il futuro che ci aspetta: la telepresenza olografica in 3D

Fino a pochi anni fa, una videochiamata con una persona che sta dall'altra parte del mondo, oggi alla portata di chiunque abbia un computer e una connessione internet, poteva sembrare fantascienza...

  • Un linguista annuncia: “Decifrato il Codice Voynich”


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Come conosciamo la composizione di Stelle e Pianeti


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • L'atlante anatomico del cervello in 3D


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La foto dell'UFO scattata dal satellite Rosetta sulla cometa Comet 67P Churymov Gerasimenko


    Publish In: Le Prove
  • Le macchie solari su Proxima Centauri, gli strani anelli che ruotano nel senso opposto al pianeta j1407b e la nascita della vita generata dalla luce stellare


    Publish In: News Astronomia
  • Il futuro che ci aspetta: la telepresenza olografica in 3D


    Publish In: Scienza e Futuro

La nuova vita di Hubble, stella nana in arrivo e niente bombe agli asteroidi

Da quando è stato riparato e aggiornato, Hubble è di nuovo in piena forma e già sta affrontando una nuova sfida: osservare migliaia di galassie lontane per ricostruire le prime fasi della loro evoluzione.Per il telescopio orbitante si tratta di un compito meticoloso, che lo impegnerà per un totale di tre mesi e mezzo, diluiti nell’arco dei prossimi tre anni.

E’ la prima volta che si assegna un tempo di osservazione così lungo a un singolo programma di ricerca, ma del resto le galassie da osservare sono veramente tante: ben 250mila. Ma perché andare a osservare galassie così distanti? Sentiamo Adriano Fontana, tra gli astronomi dell’INAF coinvolti nella ricerca:

“La luce impiega miliardi di anni ad arrivare sino a noi da questi oggetti così lontani. Quindi noi stiamo vedendo queste galassie come erano 10-12 miliardi di anni fa.”

Che cosa sta emergendo dalle prime osservazioni di Hubble?

“Le galassie che noi vediamo nei primi dati arrivati da Hubble, e che vedremo molto meglio con i nuovi dati, sono diverse dalle galassie odierne. Sono molto più piccole, hanno una forma irregolare, non ci sono i “disegni” a spirale come la nostra Via Lattea. Queste osservazioni ci permetteranno di capire quali sono i meccanismi e le leggi fisiche che hanno portato alla loro formazione e alla successiva evoluzione e più in generale ci aiuteranno a capire come si è evoluto l’Universo in questi 13 miliardi di anni.”

Guardare lontano per guardare indietro nel tempo: non poteva esserci compito più appropriato per un telescopio spaziale che sta vivendo la sua seconda giovinezza.

NANA IN ARRIVO
Gliese 710 è una stella nana che viaggia alla velocità di 14 km al secondo, puntando proprio verso il Sistema solare. Da non confondere con i fantasiosi spauracchi del 2012, questa stella è nota agli astronomi da almeno un decennio e nonostante si stia effettivamente avvicinando possiamo dormire sonni tranquilli per almeno un altro milione e mezzo di anni. Questo il tempo necessario perché si spinga ad appena 1.3 anni luce dal Sole, ai confini del nostro Sistema nella cosiddetta nube di Oort, dove orbitano miliardi di pezzi di ghiaccio. Secondo le ultime stime, le probabilità che questo succeda sono dell’86%. Le orbite dei pezzi di ghiaccio, cioè dei nuclei di comete della nube di Oort, verrebbero sicuramente disturbate e molti di essi potrebbero venir scagliati anche verso l’interno, in direzione della Terra. Per noi si tratterebbe di conseguenze indesiderate ma non catastrofiche: il rischio di impatto aumenterebbe ma ancora non diventerebbe certezza.

NIENTE BOMBE SULL’ASTEROIDE
Nel caso che un asteroide si diriga minaccioso verso il nostro pianeta, l’ipotesi di correre ai ripari bombardandolo, come succede nel film Armageddon, è sempre meno consigliabile. Negli ultimi anni sono stati proposti vari altri piani di salvezza, più sicuri e probabilmente più efficaci. Ora i risultati di una nuova simulazione al computer allontanano ancora di più il cosiddetto metodo “bombarda e spera” dalla rosa delle soluzioni possibili. La simulazione mostra che un asteroide, una volta fatto esplodere, potrebbe ricomporsi: i singoli pezzi di roccia, infatti, potrebbero risentire della reciproca attrazione gravitazionale e tornare a raggrupparsi. L’asteroide continuerebbe sulla propria strada e noi avremmo fatto tanta fatica per niente.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit