Text Size
Martedì, Febbraio 20, 2018
Uomini e Misteri La Sonoluminescenza, l'energia sconociuta del futuro

Le 5 lune di Plutone, la sonda Voyager 1 ai confini del sistema solare ed il primo telescopio spaziale privato

Sarà anche piccolo, più piccolo della nostra Luna, ma non è per le dimensioni che Plutone può considerarsi superiore a Mercurio, Venere, Marte e perfino alla Terra. Pur essendo un pianeta nano, ha...

Il lancio del telescopio spaziale NuSTAR,la diffusione dei pianeti simili al nostro e l'avvio al grandissimo telescopio europeo E-LT

Tutto liscio per NuSTAR (Nuclear Spectroscopic Telescope array), che ha preso il volo verso  l’orbita terrestre. Alle 12:00 a.m. EDT (circa le 18:00  in Italia) è partito dall’atollo Kwajalein , ne...

Il contrasto tra la matematica ed i ricordi

Matematica e ricordi non vanno d’accordo. O almeno, così è per una struttura cerebrale detta corteccia posteromediale (PMC), una regione che ha un ruolo fondamentale nelle attività introspettive e c...

L'incredibile foto scattata su Marte dal Mars Opportunity di un Ufo

In una delle foto di Mars Opportunity su Marte è stato ripreso qualcosa di insolito. L'ingegnere della Nasa Mark Lemmon, un membro del team rover da Texas A & M University, Texas, che ha fatto l...

L'alieno avvistato mentre scendeva da un Ufo in El Dorado in Argentina

Come riferiscono vari quotidiani argentini, tra cui le TV Eju.tv e Notivision,  i residenti del distretto di El Dorado, che si trova vicino alla città di Santa Cruz,  hanno assistito all’atterraggio...

Gli ologrammi colorati in luce bianca

Una nuova tecnica consente di produrre ologrammi multicolori in cui i colori restano gli stessi anche cambiando direzione di vista, come nell'oggetto originale Una nuova tecnica che sf...

  • Le 5 lune di Plutone, la sonda Voyager 1 ai confini del sistema solare ed il primo telescopio spaziale privato


    Publish In: News Astronomia
  • Il lancio del telescopio spaziale NuSTAR,la diffusione dei pianeti simili al nostro e l'avvio al grandissimo telescopio europeo E-LT


    Publish In: News Astronomia
  • Il contrasto tra la matematica ed i ricordi


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'incredibile foto scattata su Marte dal Mars Opportunity di un Ufo


    Publish In: Le Prove
  • L'alieno avvistato mentre scendeva da un Ufo in El Dorado in Argentina


    Publish In: Le Prove
  • Gli ologrammi colorati in luce bianca


    Publish In: Scienza e Futuro

La Sonoluminescenza, l'energia sconociuta del futuro

a sonoluminescenza è un processo fisico in cui l'energia sonora viene trasformata in luce, generata da una bolla, posta all'interno di un fluido, colpita da un suono. Nonostante il fenomeno fosse noto sin dai primi anni Trenta del XX secolo, solo dal 1988 si iniziò a studiarlo con ricerche mirate.

La parola sonoluminescenza vuol dire luce dal suono ed è derivata dal latino sonus, che vuol dire suono, e dal greco lumos, luce.

Il fenomeno consiste semplicemente in una piccola bolla di gas in un fluido che collassa rapidamente e può essere classificato in due modi differenti: SonoLuminescenza a Bolle Multiple (SLBM) e SonoLuminescenza a Bolla Singola (SLBS).

Nel 1933, N. Marinesco e J. J. Trillat trovarono che una lastra fotografica era stata annebbiata dall'immersione in un liquido che era stato agitato dagli ultrasuoni: venivano scoperte le SLBM. Un anno più tardi, H. Frenzel e H. Schultes, dell'Università di Colonia, riuscirono a riprodurre una luce debole ma visibile nell'acqua utilizzando gli ultrasuoni. I due studiosi cercarono di spiegare il fenomeno da loro osservato suggerendo che fosse un fenomeno elettrico causato dal moto delle bolle, quindi lasciarono perdere i loro studi, in quanto, in quei tempi di guerra, non erano utili alla marina.

Le SLBM sono molto difficili da studiare: emettono luce per pochi nanosecondi e sono in costante movimento; le ricerche erano pertanto limitate dagli intervalli temporali e spaziali tipici di queste nubi di bolle. Nel 1988, però, H. G. Flynn realizzò un modello teorico del moto acustico della bolla. Con queste informazioni D. F. Gaitan trovò le condizioni richieste per ottenere la sonoluminescenza da una bolla singola, SLBS. La cosa che colpisce maggiormente di questa "nuova" scoperta è il fatto che la temperatura che si riesce a raggiungere all'interno della bolla è più alta persino del Sole stesso.

Una SLBS è molto più facile da studiare, poiché è una bolla singola, stazionaria, ad essere intrappolata in una boccetta. Questa bolla può essere estremamente stabile e incandescente per diversi minuti, rendendo possibile studiare sia la bolla stessa, sia la luce emessa. Subito dopo la sua scoperta, Gaitan perse qualsiasi interesse nella sonoluminescenza, e la ricerca venne proseguita dal dr. Seth Putterman all'UCLA. Putterman ha pubblicato diversi articoli sull'argomento e determinato molte delle caratteristiche note della SLBS. Una bolla singola è molto più brillante di un SLBM rendendo gli studi spettrali più semplici.

Di seguito un video (in lingua inglese) che mostra questa straordinaria scoperta conosciuta da pochi

 

 

 


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit