Text Size
Sabato, Giugno 23, 2018
Uomini e Misteri La ricomparsa del Blob acquatico dall'aspetto gelatinoso

Gli aborigeni australiani, il popolo dei sogni

l tempo del loro primo contatto con i colonizzatori europei, nel tardo XVIII secolo, i nativi australiani erano prevalentemente popoli di cacciatori-raccoglitori in possesso di una ricca cultura orale...

I misteriosi scheletri radioattivi di Mohenjo Daro

A Mohenjo Daro, antica sede di una civiltà, situata sulla riva destra del fiume Indo, nell’attuale regione pakistana del Sindh, a 300 km a nord-nord-est di Karachi, di cui non si conoscono le cause ...

Che cosa è cambiato alla Terra dal terremoto giapponese,la sonda MESSENGER in orbita su Mercurio e i primi risultati dell'asteroide Itokawa

Nono grado di magnitudine: è il livello raggiunto dal terremoto che ha colpito la parte est del Giappone. Per gli esperti la scossa, la quinta più potente dal 1900, ha causato un piccolo spostament...

Il picco solare previsto per il 2013, lo strano disco protoplanetario e le dune di Titano

Un massimo sotto tono Per il Sole è il momento di tornare al massimo della sua attività. Brillamenti e tempeste solari stanno aumentando di intensità ma chi si aspetta qualcosa di clamoroso rester...

Il mistero irrisolto delle cupole in metallo sotterranee in Siberia

La Repubblica di Yakutia (conosciuta anche come Jakutia o Sakha), si trova nella Russia nord-orientale (Siberia), a sud della tundra artica in Russia ed è conosciuta come il luogo abitato più fred...

Nuove definizioni scientifiche per Plutone, le ultime scoperte del satellite Plank ed il lato nascosto di Mercurio

Prima del 2006 Plutone era il nono pianeta del sistema Solare. Oggi questo piccolo corpo dalla forma sferica è classificato pianeta nano. Una definizione che però potrebbe non essere ancora quella...

  • Gli aborigeni australiani, il popolo dei sogni


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • I misteriosi scheletri radioattivi di Mohenjo Daro


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Che cosa è cambiato alla Terra dal terremoto giapponese,la sonda MESSENGER in orbita su Mercurio e i primi risultati dell'asteroide Itokawa


    Publish In: News Astronomia
  • Il picco solare previsto per il 2013, lo strano disco protoplanetario e le dune di Titano


    Publish In: News Astronomia
  • Il mistero irrisolto delle cupole in metallo sotterranee in Siberia


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Nuove definizioni scientifiche per Plutone, le ultime scoperte del satellite Plank ed il lato nascosto di Mercurio


    Publish In: News Astronomia

La ricomparsa del Blob acquatico dall'aspetto gelatinoso


[National Geographic] Un animale marino dall’aspetto gelatinoso, una sorta di “blob oceanico” descritto per la prima volta nel 1900, è stato riavvistato dopo oltre un secolo da un gruppo di scienziati nelle profondità della baia di Monterey, in California.

Una creatura semi-trasparente e dalla forma che ricorda quella di un girino, non più grande di una decina di centimetri, circondata da una sorta di “casa” fatta di proteine e cellulosa larga ben più di un metro.

Si tratta di un larvaceo – un tipo di tunicato – che produce questi involucri usa-e-getta per intrappolare piccole particelle alimentari che galleggiano nell’acqua e filtrarle verso l’interno.

Quando i filtri si intasano, l’animale si disfa della sua casa e ne forma una nuova, a volte nel giro di poche ore.

Ad avvistarlo è stato un sottomarino a comando remoto (ROV) guidato dagli scienziati del Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI).

Per un tunicato una decina di centimetri è una dimensione ragguardevole: gli altri animali di questo subphylum non superano di molto il centimetro, anche se negli oceani svolgono un ruolo importante trasportando i nutrienti fino in profondità (soprattutto grazie alle “case” di cui si liberano).

Gli scienziati hanno confermato che questo è il secondo avvistamento della specie Bathochordaeus charon, chiamata così in onore del traghettatore mitologico Caronte, che si pensava trasportasse le anime dei defunti attraverso il fiume Stige.

La descrizione della specie risale a un articolo del 1900, basata su un campione raccolto negli anni precedenti. Non è da escludersi che questa creatura così schiva sia comparsa nei radar anche altre volte, ma per gli scienziati non è stato semplice arrivare a vedere un esemplare da vicino.

Al punto che molti si chiedevano se la specie fosse sopravvissuta o se perfino non fosse mai esistita, mentre altri ipotizzavano si trattasse semplicemente di una variante di un’altra specie già nota.

Poi la scoperta: i ricercatori hanno avvistato una di queste creature sullo schermo mentre guidavano il ROV Ventana. Hanno direzionato il sottomarino in modo che catturasse il molliccio animale in una rete, un compito decisamente complicato.

Poi, arrivati in superficie, si sono accorti che corrispondeva in tutto e per tutto alla descrizione di Bathochordaeus charon risalente al 1900. “Esiste!” ha detto ai suoi colleghi Rob Sherlock del MBARI. La scoperta è stata da poco pubblicata in un articolo.

Ripercorrendo gli archivi video di altre missioni, gli scienziati hanno poi identificato altri 12 animali che, si sospetta, possano appartenere a questa stessa specie.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit