Text Size
Lunedì, Ottobre 16, 2017
Uomini e Misteri La ricomparsa del Blob acquatico dall'aspetto gelatinoso

Storie di reincarnazione: Cameron Macaulay, il bambino che visse due volte

Mamma, sono nato due volte A 6 anni ha ricordi precisi. Un'altra madre, un'altra casa, un cane. Che però non aveva mai «visto». Poi un viaggio su un'isola. E la «scoperta»: quel piccolo ...

Gli incredibili fasci luminosi che precedono l'apparizione e la sparizione degli Ufo

In questi ultimi tempi accadono misteriosi fenomeni nei cieli di tutto il globo e spesso vediamo comparire strane sfere luminose, oggetti che cadono dal cielo, sfere incandescenti e raggi laser spa...

Gli ologrammi colorati in luce bianca

Una nuova tecnica consente di produrre ologrammi multicolori in cui i colori restano gli stessi anche cambiando direzione di vista, come nell'oggetto originale Una nuova tecnica che sf...

Le nuove immagini ad alta risoluzione di Mercurio, i pianeti abitabili attorno alle nane bianche e l'enigma del'asteroide Vesta

Mercurio ci mostra tutti i dettagli grazie alle immagini ravvicinate della Messenger. La sonda della NASA ha cominciato a studiare il primo pianeta del Sistema solare, e in poco tempo ha già fornit...

Il 2012 secondo la Nasa

Ormai molti di noi conoscono le varie profezie e previsioni su quello che dovrebbe accadere il 21 Dicembre 2012, ma come risponde ufficialmente la Nasa ai tanti interrogativi su questa data? Di seguit...

Il mistero risolto per 596 Scheila, scoperta una Terra super densa e il progetto SETI non ascolta più

All’inizio era un asteroide come tanti, poi lo scorso dicembre per 596 Scheila è arrivata la notorietà. Inaspettatamente luminoso, avvolto da una nube diffusa che rifletteva la luce solare e con du...

  • Storie di reincarnazione: Cameron Macaulay, il bambino che visse due volte


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Gli incredibili fasci luminosi che precedono l'apparizione e la sparizione degli Ufo


    Publish In: Le Prove
  • Gli ologrammi colorati in luce bianca


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le nuove immagini ad alta risoluzione di Mercurio, i pianeti abitabili attorno alle nane bianche e l'enigma del'asteroide Vesta


    Publish In: News Astronomia
  • Il 2012 secondo la Nasa


    Publish In: Profezie passate e future
  • Il mistero risolto per 596 Scheila, scoperta una Terra super densa e il progetto SETI non ascolta più


    Publish In: News Astronomia

La ricomparsa del Blob acquatico dall'aspetto gelatinoso


[National Geographic] Un animale marino dall’aspetto gelatinoso, una sorta di “blob oceanico” descritto per la prima volta nel 1900, è stato riavvistato dopo oltre un secolo da un gruppo di scienziati nelle profondità della baia di Monterey, in California.

Una creatura semi-trasparente e dalla forma che ricorda quella di un girino, non più grande di una decina di centimetri, circondata da una sorta di “casa” fatta di proteine e cellulosa larga ben più di un metro.

Si tratta di un larvaceo – un tipo di tunicato – che produce questi involucri usa-e-getta per intrappolare piccole particelle alimentari che galleggiano nell’acqua e filtrarle verso l’interno.

Quando i filtri si intasano, l’animale si disfa della sua casa e ne forma una nuova, a volte nel giro di poche ore.

Ad avvistarlo è stato un sottomarino a comando remoto (ROV) guidato dagli scienziati del Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI).

Per un tunicato una decina di centimetri è una dimensione ragguardevole: gli altri animali di questo subphylum non superano di molto il centimetro, anche se negli oceani svolgono un ruolo importante trasportando i nutrienti fino in profondità (soprattutto grazie alle “case” di cui si liberano).

Gli scienziati hanno confermato che questo è il secondo avvistamento della specie Bathochordaeus charon, chiamata così in onore del traghettatore mitologico Caronte, che si pensava trasportasse le anime dei defunti attraverso il fiume Stige.

La descrizione della specie risale a un articolo del 1900, basata su un campione raccolto negli anni precedenti. Non è da escludersi che questa creatura così schiva sia comparsa nei radar anche altre volte, ma per gli scienziati non è stato semplice arrivare a vedere un esemplare da vicino.

Al punto che molti si chiedevano se la specie fosse sopravvissuta o se perfino non fosse mai esistita, mentre altri ipotizzavano si trattasse semplicemente di una variante di un’altra specie già nota.

Poi la scoperta: i ricercatori hanno avvistato una di queste creature sullo schermo mentre guidavano il ROV Ventana. Hanno direzionato il sottomarino in modo che catturasse il molliccio animale in una rete, un compito decisamente complicato.

Poi, arrivati in superficie, si sono accorti che corrispondeva in tutto e per tutto alla descrizione di Bathochordaeus charon risalente al 1900. “Esiste!” ha detto ai suoi colleghi Rob Sherlock del MBARI. La scoperta è stata da poco pubblicata in un articolo.

Ripercorrendo gli archivi video di altre missioni, gli scienziati hanno poi identificato altri 12 animali che, si sospetta, possano appartenere a questa stessa specie.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit