Text Size
Domenica, Agosto 18, 2019
Uomini e Misteri Dalla Siria fino all'Arabia Saudita, il mistero delle "ruote di pietra"

La misura del tempo più preciso a livello galattico,le ombre su Giove di Io, Callisto e Europa e la posizione dei pianeti abitabili che Kepler non riesce a vedere

Dopo un lungo dibattito, gli scienziati hanno preso una decisione in merito alla misura del tempo di dimezzamento dell’isotopo radioattivo del ferro 60Fe. Con questo parametro, il cui valore è ora ...

Real mistery: l'immagine di un angelo ripresa nei boschi di Georgia in America

In un bosco di Georgia, in America, una telecamera era stata nascosta per filmare eventuali trasgressori che entravano nella proprietà in quanto il proprietario vedeva delle luci di tanto in tanto n...

Edgar Mitchell, l'astronauta che confermò la visita degli alieni

Una delle testimonianze più autorevoli suglu Ufo proviene proprio da chi nello spazio c'è andato davvero in missione. Il suo nome è Edgar "Ed" Dean Mitchell (Hereford, 17 settembre 1930) è un astrona...

La Galassia più lontana nell'Universo, la fine della missione del satellite Planck ed i nuovi scatti della sonda Cassini su Titano

Un viaggio lungo quasi come l’età dell’universo stesso: 13 miliardi e 100 milioni di anni. Così tanto ha impiegato la luce della più distante galassia mai scoperta finora per arrivare alla Terra. ...

La spaventosa astronave aliena di forma cubica filmata vicino al Sole

Lo Skywatcher e Youtuber Paranormal Crucible ha pubblicato immagini interessanti, relative ad alcune anomalie riguardanti oggetti misteriosi, che si sono manifestati vicino al Sole, registrate at...

La scoperta della 14ma luna di Nettuno, la nube che incontra un buco nero e la breve 2da passeggiata di Parmitano nello spazio

Piccola e sfuggente era sempre passata inosservata anche se, come ha ironicamente dichiarato Mark Showlter del SETI Institute “Chiunque avrebbe potuto scoprirla”. È un piccolo oggetto in orbita in...

  • La misura del tempo più preciso a livello galattico,le ombre su Giove di Io, Callisto e Europa e la posizione dei pianeti abitabili che Kepler non riesce a vedere


    Publish In: News Astronomia
  • Real mistery: l'immagine di un angelo ripresa nei boschi di Georgia in America


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Edgar Mitchell, l'astronauta che confermò la visita degli alieni


    Publish In: Le Prove
  • La Galassia più lontana nell'Universo, la fine della missione del satellite Planck ed i nuovi scatti della sonda Cassini su Titano


    Publish In: News Astronomia
  • La spaventosa astronave aliena di forma cubica filmata vicino al Sole


    Publish In: Le Prove
  • La scoperta della 14ma luna di Nettuno, la nube che incontra un buco nero e la breve 2da passeggiata di Parmitano nello spazio


    Publish In: News Astronomia

Dalla Siria fino all'Arabia Saudita, il mistero delle "ruote di pietra"


Vengono considerate dagli archeologi come la versione mediorientale delle Linee di Nazca, i famosi pittogrammi giganti tracciati sul suolo del deserto del Perù.

Gli archeologi impegnati nello studio hanno definito queste strutture circolari “Ruote di Pietra”.

Ne hanno contate migliaia e presentano una grandissima varietà di disegni, con una caratteristica in comune: quella di presentarsi come un cerchi con dei raggi che partono dal centro.

Ora, con l’ausilio della mappatura satellitare e delle fotografie aerea eseguite in Giordania, i ricercatori stanno acquisendo nuove informazioni su queste misteriose formazioni, le quali sembrano avere origine in un passato molto antico.

“Le strutture in pietra che stiamo osservando in Giordania risultano molto più numerose, molto più grandi in estensione e molto più antiche delle Linee di Nazca”, spiega David Kennedy, coordinatore della ricerca e prefessore di storia antica presso la University Of Western Australia.

Lo studio di Kennedy rivela che queste ruote fanno parte di una varietà di strutture che occupano un territirio vastissimo e che sono composte da pareti e altri elementi sconosciuti che si snodano per centinaia di metri, senza avere alcun utilizzo pratico apparente.

L’unico modo per accorgersi delle ruote è attraverso le fotografie aeree della zona e a Google Earth, in quanto le strutture sono praticamente invisibili da terra. “Per migliaia di anni carovane di uomini hanno camminato per questi territori senza rendersi mai conto dell’esistenza di queste strutture”, spiega Kennedy.

Ma a cosa servivano?

Il ricercatore e la sua equipe sono molto perplessi circa l’utilizzo di queste antiche strutture. Il problema è che nessuna di queste ruote è stata finora oggetto di scavo, cosa che rende molto complicato comprendere lo scopo per il quale sono state realizzate.

Dallo studio delle immagini, gli archeologi ipotizzano che si possa trattare di antiche abitazioni o di cimiteri, ma per Kennedy nessuna di queste ipotesi è convincente.

“Ci troviamo di fronte a costruzioni che sono state realizzate nel corso di centinaia di anni, quindi deve esserci una qualche tradizione culturale che spingeva le persone a costruire queste strane strutture circolari”.

A che epoca risalgono?

Il mancato scavo delle ruote rende problematica anche la collocazione cronologica delle strutture. Alcune di esse sembrano risalire alla preistoria, con una datazione che si spinge fino ai 9 mila anni fa, mentre quelle più recenti potrebbero risalire a non più tardi di 2 mila anni fa.

Ma per il professor Kennedy la domanda più intrigante rimane quella sul reale utilizzo di queste curiose strutture: “Il vero mistero è: a che servivano?”, e soprattutto: chi le ha costruite?


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit