Text Size
Martedì, Ottobre 22, 2019
Uomini e Misteri Il misterioso volto gigante scoperto in una remota isola del Canada

La scienza dimostra che il pensiero animale è più simile a quello dell'uomo di quello che si pensa.

Santino era un misantropo con il vizio di tirare sassi ai turisti. Via via che la sua fama di personaggio poco socievole si diffondeva, era costretto a escogitare modi sempre più ingegnosi per te...

Il misterioso oggetto metallico ritrovato sulle rive del fiume Mures

A 50 km a sud di Cluj-Napoca, ex-capitale della Transilvania, nel centro della Romania, a 2 km ad est di Aiud , in una cava di sabbia alle rive del fiume Mures, un gruppo di operai portò alla luce nel...

Nuku Hiva ed il mistero delle raffigurazioni in pietra degli "antichi visitatori" non umani

Senza dubbio, il significato originale e lo scopo di una grande quantità di opere d’arte preistoriche sfugge alla nostra comprensione. Spesso, quello che era stato considerato come il frutto d...

Ufo filmato in Australia

Arriva dall'Australia l'ultimo avvistamento di un presunto Ufo, datato 7 dicembre , che sta interessando tutta la comunità ufologica e che, almeno sul web, ha riaperto il dibattito tra coloro i quali ...

Scoperta una nana bruna a 27 gradi di temperatura, l'ultima missione della STARDUST e il suono di Saturno

Appena 27 gradi: meno di quanto fanno registrare i nostri termometri nelle calde giornate d'estate. E' la temperatura superficiale di una nana bruna che dista da noi 63 anni luce. Per gli astronomi...

Tutti insieme a guardare Giove, altre prove di vita su Marte

Domenica scorsa Padova ha vissuto un pomeriggio all’insegna delle stelle. Mentre nell’aula Magna dell’Università 200 astronomi provenienti da 45 Paesi diversi dichiaravano chiuso l’ Anno Internazion...

  • La scienza dimostra che il pensiero animale è più simile a quello dell'uomo di quello che si pensa.


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il misterioso oggetto metallico ritrovato sulle rive del fiume Mures


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Nuku Hiva ed il mistero delle raffigurazioni in pietra degli "antichi visitatori" non umani


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Ufo filmato in Australia


    Publish In: Le Prove
  • Scoperta una nana bruna a 27 gradi di temperatura, l'ultima missione della STARDUST e il suono di Saturno


    Publish In: News Astronomia
  • Tutti insieme a guardare Giove, altre prove di vita su Marte


    Publish In: News Astronomia

Il misterioso volto gigante scoperto in una remota isola del Canada


Un misterioso volto gigante è stato individuato sulla scogliera di una remota isola canadese, parte del Pacific Rim National Park Reserve.

In realtà, si tratta di una riscoperta, in quanto l’enigmatico volto era già stato osservato nel 2008 da un kayaker, mentre remava nei pressi di Reeks Island, una delle numerose isole che formano l’arcipelago del Broken Group.

A ri-scoprire il misterioso volto è stato Hank Gus, della Tseshaht First Nation,  il queale aveva sentito parlare del “volto nella roccia”. Gus ha cercato la scultura per due anni.

Poi, poche settimane fa, ha finalmente trovato il tesoro nascosto, ha preso il suo telefono cellulare e a immortalato l’enigmatico volto scolpito sulla scogliera.

reeks-island

«È abbastanza visibile dal mare, ed è alquanto grande», ha spiegato Gus a CTN News. Secondo alcune stime, il volto sarebbe lungo circa 2,10 metri. «Si trova a circa 12 metri dal livello del mare e a circa 8 metri dalla cima della scogliera. Si trova in un luogo di difficile accesso».

Quando il kayaker individuò il volto nel 2008, immediatamente mandò delle foto all’agenzia governativa Parks Canada, ma i tecnici non furono in grado di individuare la posizione precisa. Così, facendo l’isola parte del territorio della First Nation, i tecnici contattarono l’ufficio amministrativo di Tseshaht.

La domanda che un po’ tutti si pongono è se il volto è opera di una qualche antica cultura canadese ancora sconosciuta o se si tratta di una bizzarra scultura operata dalla natura, quindi del tutto casuale.

In problema è che il luogo della curiosa formazione è difficilmente raggiungibile e quindi risulta difficile poter condurre ulteriori indagini sul sito.

Gus ha spiegato che il volto è molto simile ad una scultura in legno che si trova sulla porta dell’amministrazione di Tseshaht. «Gli somiglia in maniera impressionante. Il suo nome è Ugi ed è il simbolo del vento. C’è un possibile riferimento alla storia dei nostri antenati», azzarda Gus.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit