Text Size
Venerdì, Dicembre 06, 2019
Uomini e Misteri Il misterioso volto gigante scoperto in una remota isola del Canada

Secondo il biologo Phil Senter, l'uomo avrebbe convissuto con i dinosauri e mostra anche le prove

Stati Uniti – Incredibile scoperta al Kachina Bridge, un Monumento Naturale nel sud-est dello Utah, tra le incisioni rupestri (dette anche petroglifi o graffiti) sembra sia rappresentato un dinosauro!...

Preparatevi: l'era degli animali-robot è appena iniziata

ROMA - L'ultima novità è il robot-camaleonte, un mini-quadrupede molliccio, capace di confondersi in pochi istanti tra il fogliame di un bosco o il pietrisco di una spiaggia. Una scoperta firmata d...

L'Ufo fotografato su Google Earth a Fangliao in Taiwan

Un altro Ufo è stato "trovato" in google earth. L'ufo in questione si trova a queste coordinate di Google Earth 22 20 06.58 N 120 37 28.11 E che si trova a Fangliao in Taiwan. Certo  l'oggeto potreb...

Gli enigmatici umanoidi con lineamenti rettiliani dell'antica Mesopotamia

La cultura preistorica di Ubaid è vissuta in Mesopotamia tra il 4 mila e il 5,5 mila a.C. Come per i Sumeri, anche l’origine del popolo Ubaidiano è sconosciuta. Essi vivevano in grandi insedia...

Il meteorite marziano, nuove scoperte sul Sole e il Blackout su Marte

Torna alla ribalta il meteorite di origine marziana che proverebbe la presenza di forme elementari di vita nel passato del pianeta rosso. ALH 84001, questa la sua sigla, divenne famoso 13 anni fa, q...

I misteriosi teschi (umani?) con le corna

Parecchi teschi umani con corna sporgenti vennero scoperti in un tumulo funerario a Sayre, Bradford County, Pennsylvania, negli anni 1880. Ad eccezione delle proiezioni ossee dislocate circa due pol...

  • Secondo il biologo Phil Senter, l'uomo avrebbe convissuto con i dinosauri e mostra anche le prove


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Preparatevi: l'era degli animali-robot è appena iniziata


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'Ufo fotografato su Google Earth a Fangliao in Taiwan


    Publish In: Le Prove
  • Gli enigmatici umanoidi con lineamenti rettiliani dell'antica Mesopotamia


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il meteorite marziano, nuove scoperte sul Sole e il Blackout su Marte


    Publish In: News Astronomia
  • I misteriosi teschi (umani?) con le corna


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Il misterioso volto gigante scoperto in una remota isola del Canada


Un misterioso volto gigante è stato individuato sulla scogliera di una remota isola canadese, parte del Pacific Rim National Park Reserve.

In realtà, si tratta di una riscoperta, in quanto l’enigmatico volto era già stato osservato nel 2008 da un kayaker, mentre remava nei pressi di Reeks Island, una delle numerose isole che formano l’arcipelago del Broken Group.

A ri-scoprire il misterioso volto è stato Hank Gus, della Tseshaht First Nation,  il queale aveva sentito parlare del “volto nella roccia”. Gus ha cercato la scultura per due anni.

Poi, poche settimane fa, ha finalmente trovato il tesoro nascosto, ha preso il suo telefono cellulare e a immortalato l’enigmatico volto scolpito sulla scogliera.

reeks-island

«È abbastanza visibile dal mare, ed è alquanto grande», ha spiegato Gus a CTN News. Secondo alcune stime, il volto sarebbe lungo circa 2,10 metri. «Si trova a circa 12 metri dal livello del mare e a circa 8 metri dalla cima della scogliera. Si trova in un luogo di difficile accesso».

Quando il kayaker individuò il volto nel 2008, immediatamente mandò delle foto all’agenzia governativa Parks Canada, ma i tecnici non furono in grado di individuare la posizione precisa. Così, facendo l’isola parte del territorio della First Nation, i tecnici contattarono l’ufficio amministrativo di Tseshaht.

La domanda che un po’ tutti si pongono è se il volto è opera di una qualche antica cultura canadese ancora sconosciuta o se si tratta di una bizzarra scultura operata dalla natura, quindi del tutto casuale.

In problema è che il luogo della curiosa formazione è difficilmente raggiungibile e quindi risulta difficile poter condurre ulteriori indagini sul sito.

Gus ha spiegato che il volto è molto simile ad una scultura in legno che si trova sulla porta dell’amministrazione di Tseshaht. «Gli somiglia in maniera impressionante. Il suo nome è Ugi ed è il simbolo del vento. C’è un possibile riferimento alla storia dei nostri antenati», azzarda Gus.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit