Text Size
Mercoledì, Ottobre 18, 2017
Uomini e Misteri Gli strani scheletri giganti trovati in Ecuador

Il Toro di Stanford, un sistema per colonizzare lo spazio

Un Toro di Stanford è un progetto di habitat spaziale proposto nel 1975 da uno studio della NASA presso la Stanford University, capace di ospitare approssimativamente 10.000 residenti permanenti. Ha l...

Leggere nel pensiero e altro ancora, ecco il vicino futuro secondo IBM

LEGGERE nel pensiero, generare da soli l'energia della propria abitazione, ritirare al bancomat con una lettura della retina o un comando vocale: idee in apparenza  prese da un film di fantascienza ...

L'importanza dei filamenti stellari, la strana storia di Vesta ed il possibile ritorno in funzione del telescopio spaziale Kepler

La distribuzione in massa delle stelle è chiamata Funzione Iniziale di Massa (IMF è l’acronimo inglese) ed è una caratteristica importante di tutte le galassie, non solo della nostra. Derivare la ...

Il triangolo maledetto

Il triangolo delle Bermude, o meno correttamente delle Bermuda, è una zona di mare di forma per l'appunto triangolare. In questa vasta zona di mare, di circa 2.500.000 km2, si sarebbero verificati dal...

EmDrive, il motore "impossibile" che ci porterà tra le stelle

Nel mese di agosto dello scorso anno, la NASA creò scalpore nella comunità scientifica per la pubblicazione di una relazione che sosteneva che un motore che apparentemente contraddice le leggi della...

Le 5 meraviglie della scienza che ci porteranno nel futuro

Strutture che sembrano provenire da altri mondi, tecnologie surreali, enormi macchinari: alcuni incredibili 'monumenti scientifici' sono stati costruiti per attuare le piu' avanzate ricerche. Ecco 5 t...

  • Il Toro di Stanford, un sistema per colonizzare lo spazio


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Leggere nel pensiero e altro ancora, ecco il vicino futuro secondo IBM


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'importanza dei filamenti stellari, la strana storia di Vesta ed il possibile ritorno in funzione del telescopio spaziale Kepler


    Publish In: News Astronomia
  • Il triangolo maledetto


    Publish In: Uomini e Misteri
  • EmDrive, il motore "impossibile" che ci porterà tra le stelle


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le 5 meraviglie della scienza che ci porteranno nel futuro


    Publish In: Uomini e Misteri

Gli strani scheletri giganti trovati in Ecuador

[Ancient Origins] Scheletri umani straordinariamente alti sono stati scoperti in un’area della foresta amazzonica tra l’Ecuador e il Perù.

La scoperta è stata realizzata dal team di ricerca guidato dall’antropologo britannico Russell Dement.

Secondo quanto riferito dal sito di notizie Cuenca Highlife, le ossa sono state spedite in un laboratorio di analisi in Germania.

Dement spiega che i sei scheletri dovrebbero risalire al 1400 o 1500 e che le altezze variano da un minino di 2,13 metri ad un massimo 2,43 metri.

«Siamo alle prime battute della nostra ricerca e sono solo in grado di fornire una panoramica generale su quello che abbiamo trovato», spiega l’antropologo. «Non voglio fare affermazioni basate su speculazioni, dato che il nostro lavoro è ancora in corso. A causa delle dimensioni degli scheletri, la nostra scoperta potrebbe avere implicazioni sia antropologiche che mediche».

Una scoperta sorprendente

Alla fine del 2013, Dement ricevette la notizia che uno scheletro anomalo era stato portato alla luce nella zona di Shuar, a circa 110 chilometri da Cuenca, in provincia di Loja, Ecuador.

Dement raggiunse il sito e recuperò la gabbia toracica e il cranio di una donna che era stata uccisa e sepolta da un’inondazione. I ricercatori stimarono che il drammatico evento fosse avvenuto circa 600 anni fa.

Poco dopo, fu ritrovato il resto dello scheletro che, una volta assemblato, raggiungeva l’altezza di 2,23 metri. La sorprendente scoperta ha indotto Dement a formare un team di ricerca, chiedendo la collaborazione di quattro studiosi dell’università tedesca di Freie e l’assistenza di una guida locale di Shuar.

Consapevole di avventurarsi in un settore controverso della ricerca antropologica, Dement era preoccupato che i ricercatori della Freie Universität gli dessero picche, dato che si trattava di “giganti”.

«A causa della natura sensazionale di questa scoperta, dobbiamo essere estremamente diligenti nella nostra ricerca, dato che le nostre conclusioni saranno accolte da un grande scetticismo iniziale», spiega Dement.

Dopo sei mesi di lavoro, il team ha rinvenuto altri cinque scheletri, tre completi e due parziali, i quali non presentavano deformazione, facendo ritenere che si trovassero in relativa buona salute.

«Gli scheletri non mostrano segni di malattie legate a problemi di crescita come le disfunzioni ormonali, fattori comuni nella maggior parte dei casi di gigantismo», continua Dement. «In tutti gli scheletri, le giunture sembrano sani e le cavità polmonari davvero grandi. Uno degli scheletri è di una donna che aveva circa 60 anni quando è morta, insolitamente più grande dei tipici casi di gigantismo».

La scoperta di Dement rafforza l’ipotesi che le leggende tramandate dalle comunità indigene della foresta amazzonica potrebbero aver preso il via da un nucleo storico, un qualche antico contatto tra gli antenati amazzoni e questi giganti dalla pelle chiara.

Secondo quanto rivela Dement, i risultati degli studi in corso alla Freie Universität saranno pubblicati entro un anno. Tra le analisi previste sulle ossa, c’è anche l’esame del DNA, che forse potrà dire qualcosa in più su questi misteriosi individui.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit