Text Size
Venerdì, Agosto 23, 2019
Uomini e Misteri Immortalata l'ultima luce che emette il corpo al momento della morte

Meteorite in indonesia, nuovi vettori spaziali Nasa e i premi Nobel

Un’esplosione nel cielo dell’Indonesia ci ha ricordato che la Terra non è invulnerabile. A provocarla, lo scorso 8 ottobre, è stato un asteroide di circa 10 metri, scoppiato in volo a un altezza di 20...

Il perchè i pianeti del sistema stanno su piani diversi,la prima gigantesca mappa galattica e la fine del pianeta ucciso dalla sua stella

Perché i pianeti del sistema solare stanno su piani leggermente diversi e non sullo stesso piano? La domanda è più che lecita. Le stelle si formano da enormi nubi di gas e polveri. Ciò che resta d...

I Grigi tipo 1

Grigio "Classico"Altezza: 1.20 circaProvenienza: Sistema Stellare Zeta ReticuliPelle : grigio chiaro, liscia come quella di un delfino. In alcuni casi può apparire grinzosa o più bitorzoluta.Muscolatu...

Le foto scattate da google earth che mostrano una base aliena in Antartide ed un Ufo sotterrato nei ghiacci

Nelle foto scattate dal satellite dal colosso mondiale Google, le sorprese non cessano. In un foto satellitare di google earth sull'antartide si vedono delle specie di boccaporti di entrata e di usc...

Le misteriose piramidi scoperte in Antartide

                          Può essere possibile che in Antartide vi fosse abbastanza caldo nel recente passato per aver ospitato una civiltà antica? Ancora più sconcertante è la question...

Le stelle più brillanti osservate da Hubble, la mappa 3D navigabile online e le tracce di un nuovo pianeta nel nostro sistema solare

Raramente capita di studiare una singola stella, poiché si presta maggiore attenzione alle strutture che sono in grado di formare. C’è da dire che quando le stelle si raggruppano riescono a creare ...

  • Meteorite in indonesia, nuovi vettori spaziali Nasa e i premi Nobel


    Publish In: News Astronomia
  • Il perchè i pianeti del sistema stanno su piani diversi,la prima gigantesca mappa galattica e la fine del pianeta ucciso dalla sua stella


    Publish In: News Astronomia
  • I Grigi tipo 1


    Publish In: Razze Aliene
  • Le foto scattate da google earth che mostrano una base aliena in Antartide ed un Ufo sotterrato nei ghiacci


    Publish In: Le Prove
  • Le misteriose piramidi scoperte in Antartide


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le stelle più brillanti osservate da Hubble, la mappa 3D navigabile online e le tracce di un nuovo pianeta nel nostro sistema solare


    Publish In: News Astronomia

Immortalata l'ultima luce che emette il corpo al momento della morte

Al momento della morte una onda di luce fluorescente azzurra si sprigiona dalla cellule e, da una cellula all’altra, si propaga nell’intero organismo: lo ha scoperto una ricerca internazionale che per la prima volta ha fotografato ‘l’onda della morte’.

Descritta sulla rivista PLoS Biology, l’onda azzurra della morte è stata fotografata in un organismo semplice, come un minuscolo verme, dal gruppo coordinato dal britannico University College London.

È un passo importante per comprendere come la morte cellulare si diffonda in tutto il corpo, anche nel caso di organismi complessi come l’uomo, dal momento che i meccanismi cellulari nei mammiferi sono simili a quelli dei vermi.

La scommessa di questa ricerca, ha detto il coordinatore del lavoro, David Gems, è indentificare i geni che controllano l’invecchiamento e le malattie collegate.

Quando le singole cellule muoiono si innesca una reazione chimica a catena che porta alla rottura dei componenti cellulari e a un accumulo di detriti molecolari. Ma se queste reazioni sono ben comprese a livello cellulare, si sa molto poco invece, su come la morte raggiunge tutte le cellule dell’organismo.

Il sopraggiungere della morte è stato osservato al microscopio in uno degli organismi più semplici e studiati nei laboratori di biologia e genetica: il minuscolo verme Caenorhabditis elegans.

La morte appare come un’onda fluorescente azzurra che si diffonde in tutte le cellule. Un effetto, questo, che dipende da una sostanza chiamata acido antranilico e la sua diffusione avviene tramite il calcio, che agisce come un messaggero di cellula in cellula.

Inizialmente si sospettava che la fonte della fluorescenza blu fosse una sostanza chiamata lipofuscina, che emette luce di un colore simile ed è anch’essa collegata all’invecchiamento perché si accumula con l’età, causando danni molecolari. Ma poi è stato osservato che la lipofuscina non è coinvolta.

I ricercatori hanno anche provato a bloccare il percorso chimico che propaga la morte cellulare, ma sono riusciti a ritardare solo la morte indotta da uno stress come un’infezione e non la morte per vecchiaia.

Ciò suggerisce che la morte dovuta a un’infezione è più facile da rallentare perché è innescata da un numero minore di processi, mentre la morte dovuta all’invecchiamento è più difficile da ritardare perché entrano in gioco numerosi processi che agiscono in parallelo e che sono più difficili da contrastare.

Video


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit