Text Size
Mercoledì, Gennaio 27, 2021
Uomini e Misteri Immortalata l'ultima luce che emette il corpo al momento della morte

La strana Luna di Saturno e le scoperte recenti di Kepler

UNA LUNA IMPOLVERATA Nei suoi 5 anni e mezzo di missione dalle parti di Saturno, la sonda Cassini ha osservato da vicino alcune delle 61 lune del pianeta con gli anelli. Le immagini ottenute il 26 ...

Linee simili a quelle di Nazca trovate in Amazzonia

La nostra Terra non smette mai di sorprenderci. Tanti misteri sono ancora sepolti, e molti che nemmeno immaginiamo. Gli ultimi della serie vengono dalla grande Terra di Amazzonia, che nel meravigl...

Il paleocontatto avvenuto 12 mila anni fa raccontato nelle pitture rupestri di Tassili n’Ajjer

Tassili n’Ajjer è un vasto altopiano situato nel deserto del Sahara, a sudest dell’Algeria, che copre una superficie di 72 mila km². Situato in uno strano paesaggio lunare di grande interesse geo...

Le mini lune occasionali della Terra, l'anello F di Saturno ed il dibattito ancora acceso sulla materia oscura

Non solo la Luna: la Terra avrebbe altri piccoli, occasionali compagni di viaggio. Si tratta di asteroidi di pochi metri che si avvicinano e restano gravitazionalmente imbrigliati, costretti ad a...

Il mistero dell’isola di Samo, in Grecia, e i suoi manufatti

Secondo l’antico geografo greco Strabone, il nome di Samo è di origine fenicia e significa ‘altitudine vicino alla costa’, probabilmente dovuta alla configurazione geografica dell’isola. L’isola ...

Le 5 lune di Plutone, la sonda Voyager 1 ai confini del sistema solare ed il primo telescopio spaziale privato

Sarà anche piccolo, più piccolo della nostra Luna, ma non è per le dimensioni che Plutone può considerarsi superiore a Mercurio, Venere, Marte e perfino alla Terra. Pur essendo un pianeta nano, ha...

  • La strana Luna di Saturno e le scoperte recenti di Kepler


    Publish In: News Astronomia
  • Linee simili a quelle di Nazca trovate in Amazzonia


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il paleocontatto avvenuto 12 mila anni fa raccontato nelle pitture rupestri di Tassili n’Ajjer


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le mini lune occasionali della Terra, l'anello F di Saturno ed il dibattito ancora acceso sulla materia oscura


    Publish In: News Astronomia
  • Il mistero dell’isola di Samo, in Grecia, e i suoi manufatti


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Le 5 lune di Plutone, la sonda Voyager 1 ai confini del sistema solare ed il primo telescopio spaziale privato


    Publish In: News Astronomia

Immortalata l'ultima luce che emette il corpo al momento della morte

Al momento della morte una onda di luce fluorescente azzurra si sprigiona dalla cellule e, da una cellula all’altra, si propaga nell’intero organismo: lo ha scoperto una ricerca internazionale che per la prima volta ha fotografato ‘l’onda della morte’.

Descritta sulla rivista PLoS Biology, l’onda azzurra della morte è stata fotografata in un organismo semplice, come un minuscolo verme, dal gruppo coordinato dal britannico University College London.

È un passo importante per comprendere come la morte cellulare si diffonda in tutto il corpo, anche nel caso di organismi complessi come l’uomo, dal momento che i meccanismi cellulari nei mammiferi sono simili a quelli dei vermi.

La scommessa di questa ricerca, ha detto il coordinatore del lavoro, David Gems, è indentificare i geni che controllano l’invecchiamento e le malattie collegate.

Quando le singole cellule muoiono si innesca una reazione chimica a catena che porta alla rottura dei componenti cellulari e a un accumulo di detriti molecolari. Ma se queste reazioni sono ben comprese a livello cellulare, si sa molto poco invece, su come la morte raggiunge tutte le cellule dell’organismo.

Il sopraggiungere della morte è stato osservato al microscopio in uno degli organismi più semplici e studiati nei laboratori di biologia e genetica: il minuscolo verme Caenorhabditis elegans.

La morte appare come un’onda fluorescente azzurra che si diffonde in tutte le cellule. Un effetto, questo, che dipende da una sostanza chiamata acido antranilico e la sua diffusione avviene tramite il calcio, che agisce come un messaggero di cellula in cellula.

Inizialmente si sospettava che la fonte della fluorescenza blu fosse una sostanza chiamata lipofuscina, che emette luce di un colore simile ed è anch’essa collegata all’invecchiamento perché si accumula con l’età, causando danni molecolari. Ma poi è stato osservato che la lipofuscina non è coinvolta.

I ricercatori hanno anche provato a bloccare il percorso chimico che propaga la morte cellulare, ma sono riusciti a ritardare solo la morte indotta da uno stress come un’infezione e non la morte per vecchiaia.

Ciò suggerisce che la morte dovuta a un’infezione è più facile da rallentare perché è innescata da un numero minore di processi, mentre la morte dovuta all’invecchiamento è più difficile da ritardare perché entrano in gioco numerosi processi che agiscono in parallelo e che sono più difficili da contrastare.

Video


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit