Text Size
Sabato, Settembre 23, 2017
Uomini e Misteri Immortalata l'ultima luce che emette il corpo al momento della morte

I misteriosi scheletri radioattivi di Mohenjo Daro

A Mohenjo Daro, antica sede di una civiltà, situata sulla riva destra del fiume Indo, nell’attuale regione pakistana del Sindh, a 300 km a nord-nord-est di Karachi, di cui non si conoscono le cause ...

La mappa dell’atmosfera di un pianeta esterno al Sistema Solare, la mostra sulo spazio a Padova e la scoperta di 2 nuove particelle all' LHC

Arriva la mappa più precisa dell’atmosfera di un pianeta esterno al Sistema Solare. L’ha ottenuta, e pubblicata sulla rivista Science, il gruppo di ricerca coordinato da Kevin B. Stevenson, del di...

Lo strano oggetto di piccole dimensioni non identificato che decolla, si esibisce e atterra a Denver ripreso anche da Fox Tv

Di seguito sono riportate le testimonianze da Fox Tv e da KDVRSiamo venuti a conoscenza di questi avvistamenti da un uomo che vive nell'area metropolitana, che non vuole essere identificato e ci ha ...

Scoperti i primi pianeti extragalattici,le comete del sistema solare e i cambiamenti di Giove

Tra i pianeti della nostra galassia c’è forse un intruso. Lo hanno individuato gli astronomi all’interno del gruppo di Helmi, un insieme di stelle con orbite anomale. Probabilmente il gruppo è ciò ...

Il progetto SyNapse,il primo cervello elettronico è già realtà

Un circuito che imita le funzioni del sistema nervoso: è il progetto SyNapse, appena presentato da Ibm. I futuri sistemi cognitivi rivoluzioneranno la scienza grazie a una capacità di calcolo e memo...

La spaventosa astronave aliena di forma cubica filmata vicino al Sole

Lo Skywatcher e Youtuber Paranormal Crucible ha pubblicato immagini interessanti, relative ad alcune anomalie riguardanti oggetti misteriosi, che si sono manifestati vicino al Sole, registrate at...

  • I misteriosi scheletri radioattivi di Mohenjo Daro


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La mappa dell’atmosfera di un pianeta esterno al Sistema Solare, la mostra sulo spazio a Padova e la scoperta di 2 nuove particelle all' LHC


    Publish In: News Astronomia
  • Lo strano oggetto di piccole dimensioni non identificato che decolla, si esibisce e atterra a Denver ripreso anche da Fox Tv


    Publish In: Le Prove
  • Scoperti i primi pianeti extragalattici,le comete del sistema solare e i cambiamenti di Giove


    Publish In: News Astronomia
  • Il progetto SyNapse,il primo cervello elettronico è già realtà


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La spaventosa astronave aliena di forma cubica filmata vicino al Sole


    Publish In: Le Prove

Immortalata l'ultima luce che emette il corpo al momento della morte

Al momento della morte una onda di luce fluorescente azzurra si sprigiona dalla cellule e, da una cellula all’altra, si propaga nell’intero organismo: lo ha scoperto una ricerca internazionale che per la prima volta ha fotografato ‘l’onda della morte’.

Descritta sulla rivista PLoS Biology, l’onda azzurra della morte è stata fotografata in un organismo semplice, come un minuscolo verme, dal gruppo coordinato dal britannico University College London.

È un passo importante per comprendere come la morte cellulare si diffonda in tutto il corpo, anche nel caso di organismi complessi come l’uomo, dal momento che i meccanismi cellulari nei mammiferi sono simili a quelli dei vermi.

La scommessa di questa ricerca, ha detto il coordinatore del lavoro, David Gems, è indentificare i geni che controllano l’invecchiamento e le malattie collegate.

Quando le singole cellule muoiono si innesca una reazione chimica a catena che porta alla rottura dei componenti cellulari e a un accumulo di detriti molecolari. Ma se queste reazioni sono ben comprese a livello cellulare, si sa molto poco invece, su come la morte raggiunge tutte le cellule dell’organismo.

Il sopraggiungere della morte è stato osservato al microscopio in uno degli organismi più semplici e studiati nei laboratori di biologia e genetica: il minuscolo verme Caenorhabditis elegans.

La morte appare come un’onda fluorescente azzurra che si diffonde in tutte le cellule. Un effetto, questo, che dipende da una sostanza chiamata acido antranilico e la sua diffusione avviene tramite il calcio, che agisce come un messaggero di cellula in cellula.

Inizialmente si sospettava che la fonte della fluorescenza blu fosse una sostanza chiamata lipofuscina, che emette luce di un colore simile ed è anch’essa collegata all’invecchiamento perché si accumula con l’età, causando danni molecolari. Ma poi è stato osservato che la lipofuscina non è coinvolta.

I ricercatori hanno anche provato a bloccare il percorso chimico che propaga la morte cellulare, ma sono riusciti a ritardare solo la morte indotta da uno stress come un’infezione e non la morte per vecchiaia.

Ciò suggerisce che la morte dovuta a un’infezione è più facile da rallentare perché è innescata da un numero minore di processi, mentre la morte dovuta all’invecchiamento è più difficile da ritardare perché entrano in gioco numerosi processi che agiscono in parallelo e che sono più difficili da contrastare.

Video


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
www.prestitionline.it
jeux gratuit