Text Size
Venerdì, Settembre 22, 2017
Uomini e Misteri Le 10 foto misteriose con la loro storia d'orrore

Le misteriose sorgenti energetiche rilevate dal telescopio spaziale Fermi della Nasa

L’occhio umano è lo strumento per eccellenza dell’astronomia. Senza la sua capacità di percepire la luce, non potremmo ammirare stelle, pianeti e galassie. Tuttavia, gli astronomi non possono ...

Il misterioso Ufo verde avvistato in massa a Città del Capo

Quotidianamente, grazie soprattutto all’evoluzione delle reti sociali, si ricevono notizie di avvistamenti UFO (unidentified flying object, oggetto volante non identificato) che puntualmente spacca...

Il continuo problema della spazzatura spaziale, la tempesta monitorata su Saturno e l'immagine da 9 miliardi di pixel del centro della nostra galassia

Ancora una volta torna alla ribalta il problema  della spazzatura spaziale. E ancora una volta per un incidente. Ad agosto un razzo doveva portare  in orbita due satelliti per le telecomunicazioni...

Trovato un altro ingresso di una base aliena sulla Luna nel Bancroft Crater

Le immagini che vi mostriamo, sono state documentate ed elaborate dal ricercatore UFO Scott Waring, e mostrano il misterioso ingresso di una base aliena sotterranea. L’ingresso della base è ubicat...

Gli incredibili spruzzi di Europa individuati da Hubble, il pericoloso guasto della ISS e la contaminazione terrestre delle lune di Saturno e Giove

A prima vista, quelle immagini così sgranate e indistinte di Europa, una delle lune di Giove, che compaiono oggi in un articolo pubblicato su Science Express, non sembrano particolarmente interess...

Lo strano oggetto che non dovrebbe esistere. L'enigmalite

John J. Williams, un ingegnere elettrico, nel 1998 ha fatto una scoperta davvero curiosa: un piccolo oggetto che sembrava un connettore elettrico a tre punte che spuntava dal terreno. Dopo aver ...

  • Le misteriose sorgenti energetiche rilevate dal telescopio spaziale Fermi della Nasa


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il misterioso Ufo verde avvistato in massa a Città del Capo


    Publish In: Le Prove
  • Il continuo problema della spazzatura spaziale, la tempesta monitorata su Saturno e l'immagine da 9 miliardi di pixel del centro della nostra galassia


    Publish In: News Astronomia
  • Trovato un altro ingresso di una base aliena sulla Luna nel Bancroft Crater


    Publish In: Le Prove
  • Gli incredibili spruzzi di Europa individuati da Hubble, il pericoloso guasto della ISS e la contaminazione terrestre delle lune di Saturno e Giove


    Publish In: News Astronomia
  • Lo strano oggetto che non dovrebbe esistere. L'enigmalite


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Le 10 foto misteriose con la loro storia d'orrore

Il sito Egokick.com ha raccolto una serie di foto terrificanti. Il racconto dietro ognuna di loro è davvero degno di un romanzo dell’orrore. Il problema è che questo foto, presumibilmente, sono vere.
Abbiamo pensato di proporveli, foto e racconti. Chissà, magari a qualcuno passerà la voglia di scattarsi così tanti selfie…
Non sia mai che compaia un fantasma alle sue spalle!

1. L’incendio di Collywood
L'incendio di Collinwood
Questa è l’ultima foto scattata dentro la Lake View School di Collywood in Ohio. Poco dopo, infatti, un incendio distrusse la scuola uccidendo oltre cento studenti. Solo uno dei bambini presenti in questa immagine è sopravvissuto. E la sua qualità “spettrale” rimane tuttora un mistero.

2. L’ultima intervista di Charlie Noonan
L'ultima intervista di Charlie Noonan
Charlie Noonan era uno storico amatoriale e un appassionato di folclore che amava raccogliere racconti popolari durante i suoi lunghi viaggi in America. Nutriva anche un certo interesse per il paranormale. Un giorno, mentre si trovava in Oklahoma, un contadino gli raccontò una strana storia relativa a una donna che viveva da sola nella campagna. Si diceva che la donna non fosse propriamente un essere umano, ma qualcosa di completamente diverso… La gente diceva che questa figura non si separasse mai da un grande cane che le camminava sempre al fianco. Noonan, incuriosito, andò alla sua ricerca, e scomparve misteriosamente. Qualche tempo dopo la macchina fotografica di Noonan finì nelle mani del proprietario di un banco dei pegni, che riuscì a contattare la moglie dell’avventuriero. Nel rullino della macchina fotografica era stata scattata una sola immagine: questa qui.

3. L’uomo con l’ascia di New Orleans
L'uomo con l'ascia di New Orleans
Edouard Martel era un fotografo francese che viaggiava per gli Stati uniti vendendo aggiornamenti per i più comuni modelli di macchine fotografiche Kodak dell’epoca. Gli aggiornamenti che vendeva erano un timer e un espositore automatico. Spesso lasciava nascosta la sua macchina fotografica in alcuni posti discreti per poter catturare delle immagini il più pulite possibile. La figlia di Martel trovò questa foto qualche anno dopo che fu scattata. L’immagine risaliva al 28 ottobre del 1919 ed era stata realizzata a New Orleans, qualche ora prima che Martel si imbarcasse per ritornare in Francia. La sera prima, uno dei più famosi serial killer della storia degli Stati Uniti, “L’uomo con l’ascia di New Orleans” (mai catturato), compiva il suo ultimo omicidio.
Che sia sua la misteriosa ombra che appare in questa foto?

4. La tragedia dei Sorrenson
La tragedia dei Sorrenson
La famiglia Sorrenson era immigrata in America dalla Danimarca agli inizi del secolo scorso. Si stabilirono in una fattoria in Missouri. Questa è l’ultima foto dei tre figli più grandi della famiglia. Un giorno infatti i bimbi si misero a giocare nel fienile della fattoria, e si addormentarono. Il padre Niclas non aveva idea che i suoi amati figli si trovassero lì dentro quando guidò la trebbiatrice verso un mucchio di fieno. Tutti e tre i bimbi finirono smembrati.
La più piccola, Mathilde, si trovava a casa con la mamma e sopravvisse alla tragedia.

5. Il fantasma di Viola Peters
Il fantasma di Viola Peters
Viola Peters era una celebre “zitella” del villaggio di McCaysville in Georgia, negli Stati Uniti. Era molto amata dalla comunità a causa delle sue attività filantropiche. Malauguratamente nel 1935 venne assassinata da un vagabondo di nome Tom Cullin. L’uomo venne imprigionato, ma i compaesani di Viola erano così infuriati per il brutale omicidio che presero d’assalto il carcere, trascinarono via il vagabondo e lo impiccarono al ponte locale.
In questa agghiacciante fotografia, scattata da Garrett Killian, sembra proprio che il fantasma di Viola Peters osservi silenzioso la terrificante scena dalla riva del fiume.

6. Il fantasma dei tunnel di Danvers
Il fantasma dei tunnel di Danvers
Il Danvers State Hospital (formalmente conosciuto come il Danvers State Lunatic Asylum) era un ospedale psichiatrico ubicato nella campagna dello stato del Massachusetts. Fu costruito nel 1874 con uno stile architettonico bizzarro, gotico. Celava sotto le sue fondamenta un labirinto di tunnel. Come molti manicomi dell’epoca, anche quello di Danvers era famigerato per i trattamenti disumani a cui venivano sottoposti i suoi malcapitati pazienti. Nel 1955 una di loro, Sarah Eustace, riuscì a fuggire dall’ospedale nei tunnel. Non fu mai trovata e si crede che sia morta nel tentativo di fuggire attraverso quel labirinto. Undici anni dopo un’infermiera dell’ospedale rimase così colpita da questa storia da impiegare molto tempo a cercare la povera Sarah Eustace nel labirinto di gallerie. Un giorno riuscì a scattare questa fotografia.
Ecco, può darsi che Sarah si aggiri ancora lì sotto, alla ricerca di una via d’uscita.

7. Il ritratto della famiglia Stevenson
il ritratto della famiglia Stevenson
Gli Stevenson erano una ricca famiglia di Boston. Questo ritratto fotografico, scattato nel 1945, rappresenta uno sforzo per riunire la famiglia. Bene, il tentativo è riuscito così bene che anche qualche parente dell’oltretomba ha deciso di raggiungere i congiunti per questa foto ricordo. James Stevenson era infatti morto diversi anni prima, ma in questa fotografia compare, in basso sulla sinistra, felicemente seduto tra sua nipote Ginny e suo cugino Alfred.

8. La scomparsa della signora Yurno
La scomparsa della signora Yurno
Josephine Yurno amava fare delle lunghe passeggiate al crepuscolo a Norwich in Connecticut. Il 12 novembre del 1935 la signora si avviò per quella che, apparentemente, fu la sua ultima passeggiata. Josephine Yurno infattì sparì senza lasciare nessuna traccia. Tre anni dopo venne ritrovata in ottima salute nel giardino della casa di un vicino. Non aveva idea di fosse stata. Per lei non era passato nemmeno un giorno. Tornò alla sua vita, e continuò a fare le sue passeggiate. Un altro vicino scattò questa strana foto nell’autunno del 1938, prima della riapparizione della signora.
Il 12 novembre del 1940 (esattamente cinque anni dopo la sua prima scomparsa) Josephine Yuro partì per una nuova passeggiata e scomparve di nuovo. Stavolta, non tornò mai più.

9. La storia di Sally York
La storia di Sally York
Nel 1912 una bambina di nove anni, Sally York, morì nello stabilimento tessile di North Folk nello stato di New York. La sua morte destò all’epoca così tanto scalpore che fu di stimolo alla promulgazione di una delle prime leggi sulla limitazione del lavoro minorile negli Stati Uniti.
Dopo la sua morte, diversi operai dello stabilimento tessile cominciarono a raccontare di zone inspiegabilmente fredde nell’edificio, di strani rumori e di misteriosi colpi sulle spalle mentre non c’era nessuno vicino a loro. Nel 1932 Benny Johnson scattò una foto dell’edificio il giorno di Natale. Quel giorno l’impianto era chiuso e non doveva esserci nessuno al suo interno.
Ecco perché, per molti, la figura che compare alla finestra dello stabilimento tessile di North Folk, in questa foto, è proprio la piccola Sally York.

10. Gli occhi di Lily Palmer
Gli occhi di Lily Palmer
Lily Palmer aveva quattro anni quando i medici le diagnosticarono che a breve avrebbe sofferto di “un’acuta insorgenza di allucinazioni sensoriali”.
Si dice che questa foto catturi il preciso istante della prima manifestazione della malattia. Nella foto si vede la piccola Lily con sua nonna prima di uscire a fare “dolcetto o scherzetto” nella notte di Halloween. La bimba inizia a graffiarsi violentemente gli occhi perché “delle cose stanno strisciando” lì dentro. Pochi giorni dopo, Lily Palmer si infilzò entrambi gli occhi con un ferro da calza appuntito. Fu portata in un ospedale psichiatrico e rimase ricoverata per il resto della sua vita.
Una delle persone che si prendevano cura di lei ha successivamente raccontato che molto spesso Lily Palmer implorava gli infermieri di strapparle via “quelle orribili cose dagli occhi”.

Fonte: Egokick

Video



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
www.prestitionline.it
jeux gratuit