Text Size
Sabato, Maggio 27, 2017
Uomini e Misteri Lloyd William Rudy l' importante cardiochirurgo che provò il distacco dell'anima dal corpo

Lloyd William Rudy l' importante cardiochirurgo che provò il distacco dell'anima dal corpo


Nel corso degli ultimi anni, alcuni ricercatori olandesi hanno raccolto più di 70 casi sulle esperienze di pre-morte (Nde), registrando i racconti di persone che avrebbero lasciato i loro corpi e osservato scene poi descritte con impressionante precisione.

I dettagli di ciò che hanno visto (le azioni dei medici in ospedale, per esempio) si sono rivelate corrette, fornendo alcune delle prove più significative sull’esistenza della capacità mentali extracerebrali.

Titus Rivas, Anny Dirven e Rudolf Smit hanno pubblicato questa serie di registrazioni in un libro in lingua olandese intitolato “Wat een stervend brein niet kan” (Ciò che un cervello morente non può fare).

Come riporta The Epoch Times, in un caso riferito dal chirurgo cardiaco Lloyd W. Rudy (1934-2012), un paziente dichiarato morto da almeno venti minuti è incredibilmente ritornato in vita. Non solo è stato insolito il suo ritorno alla vita, ma anche il racconto del periodo in cui è stato morto sfida tutte le spiegazioni razionali.

Il dottor Rudy si è laureato alla Scuola di Medicina dell’Università di Washington, è stato preside del “Programma Cuore” presso la Scuola di Medicina dell’Università della Georgia ed è stato membro della primo team di trapianti di cuore presso l’Università di Stanford.

Il dottor Rudy e il suo assistente Roberto Amado-Cattaneo, avevano eseguito un intervento chirurgico per sostituire una valvola cardiaca infetta. L’infezione aveva causato al paziente un aneurisma e l’uomo poteva essere tenuto in vita solo tramite un respiratore automatico.

Verso la fine dell’intervento, la situazione è precipitata e il paziente non ha dato più cenni di vita. Rammaricati, i chirurghi hanno quindi redatto il certificato di morte, hanno informato la moglie dell’uomo del suo decesso e hanno spento i macchinari.

«Alla fine dell’intervento, i chirurghi avevano dimenticato di spegnere la macchina che misura alcune funzioni del corpo quali la pressione del sangue. Inoltre, poco prima che il paziente morisse, avevano introdotto nel suo corpo un lungo tubo con un sensore all’estremità per rilevare con precisione determinate funzioni, come il suo battito cardiaco», scrivono i ricercatori olandesi.

«Rudy e il suo assistente si erano già tolti i camici, i guanti e le mascherine ed erano in piedi davanti alla porta aperta. Stavano discutendo su cosa che avrebbero potuto fare e su quali farmaci avrebbero potuto somministrare al paziente per salvarlo. Erano ormai trascorsi circa venti o venticinque minuti da quando il paziente era stato dichiarato morto.

Improvvisamente, è sembrato esserci come un’attività elettrica… Rudy e il suo assistente hanno pensato che potesse essere l’effetto di una sorta di convulsioni cardiache, tuttavia l’attività è aumentata fino a divenire un battito cardiaco, prima lento poi sempre più veloce».

Nessuno aveva fatto niente per rianimare il paziente da quando era stato dichiarato morto: il risveglio era stato spontaneo. Ci sono voluti un paio di giorni perché il paziente riprendesse conoscenza, tuttavia il recupero è stato completo, senza alcun segno di danno cerebrale.

«In passato, avevo sperimentato alcune situazioni in cui i pazienti si erano ripresi da uno shock lungo e profondo, tuttavia queste persone erano ancora in vita, in questo caso invece l’uomo era morto», ricorda il dottor Amado-Cattaneo.

Come con molte persone che hanno riferito di aver lasciato il corpo durante una Nde, il paziente ha descritto una luce brillante alla fine di un tunnel. Tuttavia, sono gli avvenimenti che ha osservato all’interno dell’ospedale che incuriosiscono coloro che cercano di verificare scientificamente le esperienze di pre-morte.

Il paziente ha raccontato di aver visto i dottori Rudy e Amado-Cattaneo parlare, ha descritto con precisione la loro posizione nella stanza e il fatto che stessero con le braccia incrociate sul petto e ha visto l’anestesista entrare nella stanza.

Ancor più interessante, racconta di aver visto il monitor del computer nella postazione di una infermiera con dei post-it attaccati e allineati uno sopra l’altro. In effetti, l’infermiera aveva annotato sui foglietti adesivi alcuni messaggi telefonici per il dottor Rudy e li aveva disposti proprio in quel modo.

«Rudy precisò che il paziente non avrebbe potuto vedere i foglietti degli appunti prima dell’operazione. Ovviamente, il modo in cui i post-it erano stati disposti sul monitor era differente da quello in cui erano collocati su altri computer e il paziente non avrebbe potuto indovinare l’ordine in cui erano stati attaccati», scrivono gli autori.

Rudy concluse che il paziente doveva realmente essersi trovato fuori dal suo corpo, perché altrimenti non avrebbe potuto descrivere le circostanza in maniera così precisa. A suo avviso, la coincidenza o la semplice preveggenza non possono essere delle spiegazioni realistiche.

Anche il dottor Amado-Cattaneo non riusciva a spiegarsi il fenomeno. Ha confermato che il paziente ha descritto con precisione gli eventi e che, dal momento che i suoi occhi erano tenuti chiusi con del nastro per proteggere la cornea durante l’operazione, non poteva aver visto niente.

Le macchine che stavano monitorando i suoi segnali vitali funzionavano perfettamente, il suo cuore si era fermato e non ha mostrato segni di respirazione per almeno venti minuti.

Rivas e Smit concludono affermando che la raccolta di tali prove aneddotiche stia rendendo sempre più difficile archiviare questo tipo di casi come semplice suggestione.

Video


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit