Text Size
Venerdì, Agosto 23, 2019
Uomini e Misteri Lo strano caso delle pietre che bruciano a San Diego in USA

Il pianeta nano Makemake, il buco nero della nostra galassia ed i vuoti cosmici per l'energia oscura

Makemake è un pianeta nano, come Plutone, e si trova al di là dell’orbita di quest’ultimo. La sua lontananza, le dimensioni ridotte (il diametro è circa la metà di quello della Luna), il fatto ch...

La misteriosa collana d'oro trovata a Morrisonville risalente a 300.000 anni fa

Un resoconto giornalistico estratto dal "Morrisonville Times", un piccolo quotidiano locale edito nella cittadina di Morrisonville, in Illinois, nel 1892 riferisce di una donna che stava mettendo dei...

Swedenborg, lo scienziato veggente che descrisse l'aldilà

Se vi passasse per la mente la curiosità di sapere chi fosse e cosa abbia fatto nella vita un tale svedese di nome Emanuel Swedenborg vissuto a cavallo tra il 1600 e il 1700 vi consiglio di regala...

Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"

Il movimento delle zampe posteriori di ratti paralizzati può essere ripristinato con una serie di impulsi elettrici trasmessi tramite elettrodi al sistema nervoso degli animali:lo ha dimostrato uno...

Ripreso in Alaska un nuovo "mostro di Lochness"

La leggenda di Loch Ness si trasferisce nelle terre selvagge dell’Alaska. Un gruppo di pescatori ha filmato nel 2009 una creatura lunga da 6 a 9 metri, con varie gobbe sulla schiena, mentre nuotava...

Nel 1983 incontro ravvicitato Ufo in Turchia: lo rivela ex generale in tv

              ANKARA (25 ottobre) - Un incontro ravvicinato tra otto caccia dell'aeronautica turca e alcuni oggetti volanti non identificati avvenuto nel maggio 1983 nei cieli della ...

  • Il pianeta nano Makemake, il buco nero della nostra galassia ed i vuoti cosmici per l'energia oscura


    Publish In: News Astronomia
  • La misteriosa collana d'oro trovata a Morrisonville risalente a 300.000 anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Swedenborg, lo scienziato veggente che descrisse l'aldilà


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Ripreso in Alaska un nuovo "mostro di Lochness"


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Nel 1983 incontro ravvicitato Ufo in Turchia: lo rivela ex generale in tv


    Publish In: Le Prove

Lo strano caso delle pietre che bruciano a San Diego in USA

Una donna ustionata da due sassi raccolti in riva all’oceano, a San Diego: un fenomeno eccezionale, che nonostante le analisi di laboratorio per molti versi resta ancora un mistero da chiarire e sul quale gli esperti non trovano una spiegazione soddisfacente.

L’episodio sconcertante è accaduto tre settimane fa, in California. La donna, Lyn Hiner, 43 anni, passeggiava con i figli sulla spiaggia di San Onofre, nella contea di San Diego. I bambini hanno trovato due pietre strane, una color arancione e l’altra tutta verde, e le hanno date alla madre che le ha messe nella tasca degli shorts. Un’ora dopo, i pantaloncini hanno preso fuoco, senza apparente motivo. La signora ha riportato ustioni di secondo e terzo grado ed è stata ricoverata in ospedale.

“Il mistero delle pietre bollenti“, come l’ha ribatezzato la stampa locale, è finito su tutte le prime pagine e ha sollevato molti interrogativi. I sassi, di solito, non vanno a fuoco, di certo non per autocombustione. Il fatto che le pietre si trovassero poi in un luogo frequentato anche da bambini ha ulteriormente allarmato l’opinione pubblica. Ecco perchè sono scattati subito i controlli. I primi risultati sono arrivati poche ore fa.

“I test di laboratorio confermano un elevato livello di fosforo sulle rocce”, dice un breve comunicato rilasciato dall’agenzia per la salute pubblica della Contea di Orange. Nel testo, si specifica però che il luogo del ritrovamento è proprietà della Marina degli Stati Uniti ed è gestito dai Ranger, quindi ogni futura indagine sarà condotta dalle “appropriate autorità”. Quelle militari, si intuisce.

I Media hanno cercato di contattare i portavoce della base, Camp Pendleton, senza successo. Per quanto riguarda il corpo forestale, non sembra intenzionato ad approfondire la questione. Pure il dipartimento di salute ambientale di San Diego, stranamente, non ha mostrato molto interesse in materia. “Non ci sono indizi che suggeriscono che possa succedere di nuovo- ha detto il portavoce Gig Conaughton- non abbiamo idea di quale sia l’origine del fenomeno, ma in assenza di elementi non possiamo trarre alcuna conclusione.”

Il responsabile dell’ ufficio “Materiali pericolosi“, Mike Vizzier, ha negato di voler andare alla ricerca di altre simili sassi:” Abbiamo parlato con la Contea di Orange, ci hanno detto di aver controllato e di non aver trovato niente”, ha detto alla stampa. Però anche lui ha dovuto ammettere di non aver mai visto nulla del genere nei 20 anni trascorsi in Marina e nei venti presso il dipartimento. E ha concluso:”Non siamo ancora convinti che fosse fosforo.”

Dunque questo insolito incidente rischia di rimanere insoluto, visto che nessuno finora ha stabilito come e perchè si sia scatenata la combustione, nè come e perchè la sostanza chimica sia finita su quei sassi sulla spiaggia. Alcuni studiosi sono piuttosto scettici, come il geologo Pat Abbot, professore emerito all’Univeristà di San Diego, intervistato dalla nota trasmissione “Good Morning America.”

“Deve trattarsi di qualcosa che prende fuoco a basse temperature- ha detto il docente- per questo ipotizzo che la materia color arancione sia un prodotto umano… E probabilmente è qualcosa ideato per bruciare“. Ha escluso però che possa aver qualche rapporto con la vicina centrale nucleare di San Onofre, come si è affrettata a confermare anche la portavoce dell’impianto. “Non è roba nostra”, ha assicurato Jennifer Manfre. ” Non usiamo sostanze chimiche del genere nè esse sono un prodotto della nostra attività.”

Resta un’altra possibilità: quegli strani sassi che vanno a fuoco hanno a che vedere con la base militare? Chissà. Un professore di chimica presso l’università di Irvine, Ken Shea, ritiene che la presenza del fosforo sulle rocce sia opera dell’uomo e probabilmente proviene da munizioni o razzi. Il fosforo si trova solitamente disciolto nell’acqua. “Solo quando viene in contatto con l’ossigeno, può far luogo a fiamme spontanee”, spiega.

In ogni caso, i test di laboratorio effettuati finora non bastano. Altri sono ancora in corso, gli esiti saranno resi noti tra due settimane. Il professor Abbott esplicita il suo malcontento su come la vicenda sia stata gestita finora. “Non sono soddisfatto”, ha detto. “Dobbiamo stabilire di cosa si tratti, in modo da individuarne la fonte e garantire che non capiterà ancora.” Come dargli torto?


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit