Text Size
Domenica, Agosto 09, 2020
Uomini e Misteri Il ragazzo cieco che riusciva a vedere, Ben Underwood

Incredibile storia di un bambino che ha incontrato suo bisnonno in Paradiso

Un bambino americano che ha rischiato di morire di peritonite acuta ha parlato in televisione della sua commovente esperienza, affermando di avere incontrato il bisnonno in Paradiso. OPERATO D...

La Tuta Spaziale

Le tute spaziali sono fondamentali per l'uomo per compiere le varie missioni nello spazio aperto, ma pochi sanno che il progetto è rimasto a quello degli anni '70 facendo poi nei vari anni a seguire d...

La prima stampante 3D che crea i tessuti umani artificiali

Una stampante in 3D potrà essere utilizzata per ricreare tessuti umani artificiali capaci di sostituire le cellule danneggiate. La stampante – costruita su misura da Gabriel Villar, autore princi...

La prima integrazione tra circuiti nervosi ed elettronici

Una ricerca  mostra che è possibile far crescere i neuriti delle cellule nervose all'interno di sottili nanotubi in materiale semiconduttore a base di silicio e germanio Creare un embrio...

Countdown 2012

Quanto manca esattamente al fatidico 21 dicembre 2012?Ecco la risposta al secondo!!!{loadposition advert 10} Inserisci il countdown del 2012 nel tuo sito,email, website, blog, MySpace, Facebook, Blogg...

Le pitture rupestri di antichi visitatori alieni in Italia e Algeria

Le incisioni rupestri della Val Camonica (sito UNESCO n° 94, Arte rupestre della Valcamonica) costituiscono una delle più ampie collezioni di petroglifi preistorici del mond...

Il ragazzo cieco che riusciva a vedere, Ben Underwood


Ben Underwood era un ragazzo di origine afroamericana proveniente da Riverside in California.

Fin dai primi anni di vita Ben ha dovuto combattere con un terribile nemico, un tumore che all’età di 3 anni ha costretto i medici ad operarlo e ad asportargli entrambi gli occhi con un’operazione chirurgica.

Ben Underwood - Il ragazzo cieco che vedeva con i suoni

Questa grande sfortuna non ha però mai tolto a Ben la voglia di affrontare la vita ad occhi aperti.

La sua strordinaria voglia di apprezzare il mondo esterno lo portò all’età di 7 anni a sviluppare una straordinaria abilità chiamata ecolocalizzazione.

L’ecolocalizzazione o Biosonar è per l’appunto una sorta di vista Sonar che permette a chi la possiede, come ad esempio Ben, di identificare la posizione esatta di un oggetto semplicemente emanando un suono e ascoltandone la sua difrazione nello spazio.

Questa straordinaria capacità di vedere attraverso i suoni ha permesso a Ben di fare moltissime cose che un normale cieco avrebbe mai pensato di fare. Il ragazzo ha imparato a giocare con i videogiochi, a pattinare, andare a correre e a dilettarsi con il biliardino.

L’ecolocalizzazione è comune in alcuni animali, soprattutto tra i delfini e i pipistrelli, ma ben pochi conoscono questa capacità appresa da parte di un essere umano.

Il sonar biologico è stato studiato a partire dagli anni ‘50 ma tutt’oggi non sono ancora chiari tutti i meccanismi che portano un essere umano ad acuire l’udito fino al punto tale da identificare la difrazione del suono.

Sicuramente tra i rarissimi casi studiati Ben era l’unica persona ad aver sviluppato questa capacità a livelli tanto incredibili da sembrare un supereroe.

Chiunque abbia avuto a che fare con lui è rimasto letterlmante stupito dalla sua abilità e dalla sua straordinaria voglia di vivere.

Purtroppo il giovane Underwood si è dovuto arrendere alla potenza del tumore che lo aveva costretto a diventare cieco ed è morto a Gennaio dell’anno scorso.

Di lui ci sono rimaste molte testimonianze e racconti. Vi lascio con questo bellissimo video:



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit