Text Size
Domenica, Ottobre 20, 2019
Tv Streaming 2 Al Jazeera

Il Toro di Stanford, un sistema per colonizzare lo spazio

Un Toro di Stanford è un progetto di habitat spaziale proposto nel 1975 da uno studio della NASA presso la Stanford University, capace di ospitare approssimativamente 10.000 residenti permanenti. Ha l...

Le immani esplosioni solari e la formazione delle stelle,la polvere fredda attorno ad un buco nero e le cause misteriose dell'aumento del vento di Venere

7 giugno del 2011: una violenta eruzione solare sconvolge il Sole, proiettando nello spazio una nube di plasma caldo. Non tutto questo materiale però riesce a sfuggire alla forza di gravità della ...

L'Ufo uscito dalle profondità del mare in Puerto Rico

Un Ufo è stato avvistato e fotografato in Puerto Rico da dei testimoni che stavano attraversando in un volo di linea la zona. L'incredibile Ufo era di colore argenteo e emetteva luci di vari colori ...

Il mistero della Caverna dei Cristalli

Alcuni di voi avranno già sentito parlare della Caverna dei Cristalli, un luogo sotterrano dalle temperature estreme, formazioni cristalline di dimensioni ciclopiche e un perfetto terreno di studi...

Progetti futuri della Nasa, la doppia faccia di Giapeto e nuove scoperte sull'atmosfera

Telescopi orbitanti di ultima generazione, navette che sostituiranno gli shuttle, missioni sulla Luna e su Marte. Questo è il futuro spaziale americano. Ma i soldi ci sono? No, secondo una relazione...

La prova che in passato siamo stati visitati dagli alieni. L'antica città di Ollantaytambo

Ollantaytambo è un sito archeologico Inca che si trova nel Parù meridionale, nella regione di Cusco, ad un’altitudine di 2792 metri sopra il livello del mare. Le rovine dell’antica città giacc...

  • Il Toro di Stanford, un sistema per colonizzare lo spazio


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Le immani esplosioni solari e la formazione delle stelle,la polvere fredda attorno ad un buco nero e le cause misteriose dell'aumento del vento di Venere


    Publish In: News Astronomia
  • L'Ufo uscito dalle profondità del mare in Puerto Rico


    Publish In: Le Prove
  • Il mistero della Caverna dei Cristalli


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Progetti futuri della Nasa, la doppia faccia di Giapeto e nuove scoperte sull'atmosfera


    Publish In: News Astronomia
  • La prova che in passato siamo stati visitati dagli alieni. L'antica città di Ollantaytambo


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Al Jazeera

Clicca qui

Al Jazeera (arabo: الجزيرة, al-Ǧazīra, talvolta italianizzato in Al Jazira) è la maggiore emittente televisiva del Qatar, trasmette in lingua araba. Il suo nome significa "L'isola", e ha sede nello stato arabo del Qatar.

Storia Al Jazeera
La nascita di Al Jazeera è dovuta alla volontà di Hamad bin Khalifa Al Thani, emiro del Qatar, di trasformare il suo paese nel centro culturale della regione, ritenuto l'unico metodo per il piccolo e storicamente irrilevante Qatar di assumere maggiore importanza nel panorama politico mediorientale.

Il progetto originale prevedeva che l'emittente, nata grazie agli ingenti finanziamenti dell'emiro, avrebbe dovuto in seguito sostentarsi esclusivamente con gli introiti privati derivanti dalla pubblicità, ma tale indipendenza finanziaria non è mai stata raggiunta in quanto le concessionarie della pubblicità dell'area erano e sono tuttora monopolizzate dall'Arabia Saudita, il cui governo è fortemente ostile ad Al Jazeera. Infatti, l'intenzione dell'emiro al Thani di creare una emittente "libera" ha dato ad Al Jazeera una forte connotazione di media indipendente, e sin dagli inizi i giornalisti che vi lavorano perseguono la ricerca di scoop e hot news (prestando a volte il fianco ad accuse di sensazionalismo). Proprio per questa sua peculiarità, Al Jazeera ha riscosso un immediato successo tra gli spettatori di tutti i paesi di lingua araba, che per la prima volta potevano avere accesso ad una informazione televisiva non censurata né addolcita.

Al Jazeera si è imposta come principale emittente in lingua araba in occasione dell'operazione militare statunitense Desert Fox del 1998 contro l'Iraq, e ha riconfermato la propria leadership nel 2000 con la copertura completa della seconda intifada.

Tutta la storia di Al Jazeera è costellata di tentativi da parte dei regimi arabi (compreso il nuovo governo iracheno) di ostacolarne e reprimerne l'attività, tramite l'allontanamento dei giornalisti e la chiusura degli uffici di corrispondenza (clamorosa è stata, il 27 gennaio 1999, la decisione del governo algerino di imporre un black out alle principali città del paese per impedire la visione di Al Jazeera, il cui palinsesto di quel giorno prevedeva appunto un dibattito sulla guerra civile in Algeria con la presenza in studio di un diplomatico dissidente). Tuttavia questi tentativi non sono riusciti ad arginare la popolarità dell'emittente, tanto che nel 2003 investitori governativi di molti paesi arabi hanno dato vita ad una nuova tv satellitare, Al Arabiya, con lo scopo dichiarato di sottrarre pubblico ad Al Jazeera combattendola ad armi pari, cioè imitandone i format e l'impostazione occidentale, ma con contenuti meno critici e corrosivi nei confronti dei governi della regione vicino-orientale.

Diffusione, organizzazione, palinsesto e ricezione
Per la sua diffusione linguistica, è un'emittente che copre un ampio spazio, che va dall'Africa araba, ai paesi sauditi, fino all'Indonesia.

L'organizzazione è molto semplice, seppure rispettando dei canoni ben definiti. Le edizioni principali dei telegiornali, trasmesse in un ampio studio con bancone convesso, sono affidate ad uno staff di giornalisti composto sia da uomini che da donne. Le edizioni della mattina si svolgono in uno studio più piccolo, con grande schermo sulla parete ed una piccola platea con due poltrone, riservate al conduttore e all'ospite.

In Italia è ricevibile via satellite Hotbird, e anche sulle piattaforme tv SKY. Tivù Sat e Alice Home TV, in entrambe le versioni. Si può inoltre seguirla in streaming, oltre che dal sito stesso di Al Jazeera, da piattaforme come Coolstreaming o Yalp Alice.

Al Jazeera English
Dal 15 novembre 2006, alle ore 12.00 CET, è iniziata la programmazione regolare del canale Al Jazeera English, che trasmette solo in lingua inglese, e che ha quattro sedi da dove partono le trasmissioni, e si trovano a:

* Doha, Qatar sede per Africa, Medio Oriente;
* Washington D.C., U.S.A. sede per l'America
* Kuala Lumpur, Malaysia sede per l'Asia (escluso Medio Oriente);
* Londra, Regno Unito sede per l'Europa.

Nello staff di giornalisti è presente una giornalista di nazionalità italiana, Barbara Serra.

Al Jazeera Sport

Sono quindici canali sportivi, tre in chiaro e gli altri dodici codificati, tra i quali 2 in HD, controllati da Al Jazeera. Essi trasmettono una miriade di eventi sportivi, tra cui i Mondiali di calcio, Campionati europei di calcio e dalla stagione 2009/10 anche la UEFA Champions League e l'Europa League (solitamente in onda sui canali a pagamento).


Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit