Text Size
Giovedì, Maggio 24, 2018
Tecnologia Spaziale Dal Voyager al Deep Space One

Gli ufo ripresi in pieno spazio aperto dalla webcam della Nasa

Da qualche tempo la Nasa ha messo a disposizione degli utenti una webcam puntata direttamente nello spazio, e qui iniziano le anomalie. Nel video seguente infatti vengono mostrati una serie di Ufo c...

La prova che in passato siamo stati visitati dagli alieni. L'antica città di Ollantaytambo

Ollantaytambo è un sito archeologico Inca che si trova nel Parù meridionale, nella regione di Cusco, ad un’altitudine di 2792 metri sopra il livello del mare. Le rovine dell’antica città giacc...

Le strane luci apparse nel cielo di Chicago

I titoli dei giornali di questa settimana, a Chicago, non parlavo altro che di strane luci nel cielo. Ecco il resoconto di quanto accaduto. Uno strano gruppo di luci in movimento è stato filmato ...

L'incontro con l'asteroide Lutetia, il satellite innovativo IKARUS e i mini satelliti

Era un incontro ravvicinato atteso da tempo anche se è durato appena un minuto. Protagonisti la sonda europea Rosetta e l’asteroide Lutetia. Un minuto può sembrare poco ma è bastato per riprendere ...

L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane

E’ stato un lampo di raggi gamma lunghissimo, durato quasi sei ore quello avvenuto lo scorso 25 settembre e studiato da un team internazionale di ricercatori guidato da Luigi Piro, dell’INAF. Un’et...

Una luce che nasce dal nulla: l'effetto Casimir dinamico è stato dimostrato

Il vuoto è spesso pensato come uno spazio senza alcun oggetto, ma i fisici ora hanno scoperto un nuovo modo per ottenere qualcosa da questo nulla apparente: un lampo di luce. E si tratta di una sc...

  • Gli ufo ripresi in pieno spazio aperto dalla webcam della Nasa


    Publish In: Le Prove
  • La prova che in passato siamo stati visitati dagli alieni. L'antica città di Ollantaytambo


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Le strane luci apparse nel cielo di Chicago


    Publish In: Le Prove
  • L'incontro con l'asteroide Lutetia, il satellite innovativo IKARUS e i mini satelliti


    Publish In: News Astronomia
  • L'esplosione di una stella di grandissima massa di 4 miliardi di anni fa, la fusione di due Galassie vista da Hubble e le stelle ai confini della nostra galassia incredibilmente lontane


    Publish In: News Astronomia
  • Una luce che nasce dal nulla: l'effetto Casimir dinamico è stato dimostrato


    Publish In: Scienza e Futuro

Dal Voyager al Deep Space One

Il programma Voyager (Voyager in inglese significa Viaggiatore) consistette in due sonde spaziali, la Voyager 1 e la Voyager 2, lanciate nel 1977. Il loro obiettivo era lo studio dei pianeti Giove e Saturno, usando un allineamento planetario vantaggioso che si verificò alla fine degli anni '70. I progettisti della missione avevano però da tempo adocchiato una possibile estensione della missione verso i pianeti più esterni, anche loro allineati in modo favorevole, e il Voyager 2 proseguì per esplorare Urano e Nettuno. Le due sonde erano originariamente parte del programma Mariner, col nome di Mariner 11 e Mariner 12, ma divennero poi un progetto separato.

Entrambe le missioni hanno prodotto grandi quantità di informazioni sui giganti gassosi del sistema solare. Inoltre, sono state usate per porre dei limiti all'ipotetica esistenza di un pianeta post-plutoniano (detto comunemente Pianeta X).

I contatti con le sonde sono stati mantenuti fino ad oggi, mentre stanno viaggiando verso l'esterno del sistema solare. Le loro batterie radioattive sono state utilizzate con parsimonia nella speranza che possano durare abbastanza per poter trovare l'eliopausa. Alla fine del 2003, il Voyager 1 ha mandato dei dati che potrebbero indicare l'attraversamento dell'eliopausa, ma non ve ne è certezza, mentre il 15 agosto 2006 ha raggiunto una distanza di 100 Unità Astronomiche dal sole.

Deep Space 1 è una sonda spaziale della NASA, lanciata da Cape Canaveral il 24 ottobre 1998 per mezzo di un razzo Delta II.

La missione consisteva nel testare nuove tecnologie spaziali, effettuare misurazioni e fotografie dell'asteroideBraille e della cometa 19P/Borrelly nella "fase due" della missione.

La missione è terminata il 18 dicembre 2001 ed è durata il triplo del previsto.

La sonda aveva a bordo 12 tecnologie da sperimentare, durante i nove mesi di viaggio, per la sua missione primaria. Tra questi i principali erano:

  • un propulsore ionico

  • un sistema di navigazione ottica autonomo

  • software basato su un agente autonomo

  • strumentazione e elettronica miniaturizzata

La sonda quindi ha verificato il funzionamento di sistemi che permettessero un intervento minimo da parte dei tecnici a terra, potendo anche gestire la rotta autonomamente tramite un sistema ottico.

Nel video seguente verrà mostrato la straordinaria capacità tecnologica di questa sonda che ha aperto nuovi orizzonti nella tecnologia spaziale

 

 

 


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit