Text Size
Lunedì, Ottobre 21, 2019
Tecnologia Spaziale La propulsione a curvatura, secondo gli scienziati, è possibile

Dal Voyager al Deep Space One

Il programma Voyager (Voyager in inglese significa Viaggiatore) consistette in due sonde spaziali, la Voyager 1 e la Voyager 2, lanciate nel 1977. Il loro obiettivo era lo studio dei pianeti Giove e S...

Gli astronomi: troveremo gli alieni cercando tracce di inquinamento nei pianeti; il successore del James Webb Space Telescope e come è nata la stella più vecchia della nostra galassia

C’è qualcuno lì fuori? È la domanda che tutti da sempre ci facciamo, ma più di tutti gli astronomi e gli appassionati di vita extraterrestre. Se cerchiamo forme di vita aliena nell’Universo sem...

La colonizzazione umana dello spazio: un sogno possibile?

La colonizzazione dello spazio è sempre stato un sogno umano, ma è possibile colonizzare lo spazio con le conoscenze attuali? Il problema più importante da affrontare nel viaggio spaziale, sono le ...

Winston Churchill e la prima censura inglese sugli Ufo

LONDRA - Ai dischi volanti, Winston Churchill fu iniziato nel 1912: nel cielo di Sheerness, in Essex, sopra la base-scuola della Royal Navy qualcuno osservò un oggetto strano che luccicava e rimas...

Il misterioso segnale registrato a 36 Km dalla Terra

Daniel Bowman, studente dell’università del North Carolina, nel corso di un’esercitazione ha intercettato un misterioso suono a circa 36 chilometri dalla superficie terrestre. «Sembra qualcosa...

Gli ologrammi colorati in luce bianca

Una nuova tecnica consente di produrre ologrammi multicolori in cui i colori restano gli stessi anche cambiando direzione di vista, come nell'oggetto originale Una nuova tecnica che sf...

  • Dal Voyager al Deep Space One


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Gli astronomi: troveremo gli alieni cercando tracce di inquinamento nei pianeti; il successore del James Webb Space Telescope e come è nata la stella più vecchia della nostra galassia


    Publish In: News Astronomia
  • La colonizzazione umana dello spazio: un sogno possibile?


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Winston Churchill e la prima censura inglese sugli Ufo


    Publish In: Le Prove
  • Il misterioso segnale registrato a 36 Km dalla Terra


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Gli ologrammi colorati in luce bianca


    Publish In: Scienza e Futuro

La propulsione a curvatura, secondo gli scienziati, è possibile

Viaggiare alla velocità della luce, anzi superarla per raggiungere mondi lontani decine di anni luce dalla Terra, utilizzando la «propulsione a curvatura» (warp drive). Ci stanno studiando due scienziati americani, Gerald Cleaver e Richard Obousy della Baylor University , che hanno rubato l'idea alla quarantennale e fantascientifica saga di Star Trek, di ritorno in questi giorni sugli schermi con il capitolo 11.

La propulsione a curvatura è un immaginario tipo di propulsione che permette alle navi stellari dell'universo immaginario, ma molto creativo di Star Trek, di intraprendere viaggi interstellari ad una velocità superiore a quella della luce per cercare nuovi mondi e nuove civiltà. E', in pratica, il sogno nel cassetto di molti scienziati, che nella finzione cinematografica è già diventato «realtà».

Ma come pensano i due scienziati di viaggiare ad una velocità superiore a quella della luce, senza scontrarsi con le leggi della fisica e di trasferire nella scienza la finzione cinematografica?

Sull'ultimo numero del Journal of the British Interplanetary Society, Cleaver e Obousy teorizzano di poter manipolare, utilizzando una grandissima quantità di energia, le dimensioni dello spazio-tempo che circondano una navicella spaziale, allo scopo di creare una «bolla», che lancerebbe il veicolo ad una velocità maggiore di quella della luce.

Per creare la «bolla» , i ricercatori dovrebbero, innanzitutto, come riporta oggi il Science daily, creare energia oscura intervenendo sull'11ma dimensione prevista dalla M-teoria o Teoria del Tutto (TOE), un perfezionamento della teoria delle stringhe, che si manifesta , appunto, in 11 dimensioni. Per i ricercatori, è questa undicesima dimensione che può far viaggiare la navicella più velocemente della luce.

Il metodo da seguire per realizzare tutto questo si basa sul concetto di velocità superluminale, una velocità che permette di propagare le informazioni o di spostare la materia ad una velocità superiore a quella della luce nel vuoto. In realtà, un problema in un universo in cui vige la teoria della relatività di Einstein. Ma grazie ad un fisico messicano, Miguel Alcubierre , che ha teorizzato la possibilità di viaggiare nello spazio utilizzando una «bolla di curvatura», la stessa alla quale si rifanno i due fisici americani e Star Trek, in cui lo spazio di fronte alla bolla, nella quale si trova il veicolo spaziale, viene contratto mentre quello dietro viene espanso, sarebbe possibile far viaggiare la navicella all'interno della bolla più velocemente di un raggio di luce che viaggia all'esterno della bolla , senza infrangere i limiti della relatività.

I fisici hanno valutato che la quantità di energia necessaria per «manipolare» l'11ma dimensione e trasformare in realtà Star Trek, è equivalente all'intera massa di Giove convertita in energia. Troppo anche per scienziati così audaci, che ammettono che per ora i viaggi interstellari ad una velocità superiore alla luce, si possono fare solo partecipando alla saga di Star Trek, a meno che non si riesca a realizzare tecnologie che possano sfruttare energie infinite o molto, molto grandi come viene mostrato nel video-documentario sotto.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit