Text Size
Giovedì, Dicembre 13, 2018
Tecnologia Spaziale Cosa occorre agli astronauti per andare nello spazio

L'origine della polvere stellare, la potente tempesta di Saturno e il nuovo radiotelescopio SKA

Polvere nelle galassie. Sappiamo che è presente in grandi quantità ma da dove ha origine? La risposta ci viene dal telescopio spaziale Herschel che ha studiato una supernova distante 160.000 anni l...

Scoperti i primi pianeti extragalattici,le comete del sistema solare e i cambiamenti di Giove

Tra i pianeti della nostra galassia c’è forse un intruso. Lo hanno individuato gli astronomi all’interno del gruppo di Helmi, un insieme di stelle con orbite anomale. Probabilmente il gruppo è ciò ...

Stampa in 4D. Il futuro è già tra noi

Le stampanti 3D non hanno ancora finito di stupire il mondo con le loro incredibili realizzazioni che sui tavoli dei laboratori dei più avanzati Istituti di ricerca tecnologica, come il Self-Assem...

Jelena Momcilov, la bambina calamita

Jelena Momcilov, 10 anni, è un piccola bambina Serba con una stranissima capacità. Le sue mani sono in grado di attrarre gli oggetti metallici. I medici non si spiegano come possa essere possibil...

Il ragazzo cieco che riusciva a vedere, Ben Underwood

Ben Underwood era un ragazzo di origine afroamericana proveniente da Riverside in California. Fin dai primi anni di vita Ben ha dovuto combattere con un terribile nemico, un tumore che all’età di...

L'Ufo a forma di sigaro ripreso in diretta dalla Nasa

Pochi giorni fa una delle telecamere della Stazione Spaziale Internazionale, ha casualmente documentato la presenza di un enorme oggetto discoidale, che entrava nell’atmosfera terrestre. La notizi...

  • L'origine della polvere stellare, la potente tempesta di Saturno e il nuovo radiotelescopio SKA


    Publish In: News Astronomia
  • Scoperti i primi pianeti extragalattici,le comete del sistema solare e i cambiamenti di Giove


    Publish In: News Astronomia
  • Stampa in 4D. Il futuro è già tra noi


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Jelena Momcilov, la bambina calamita


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il ragazzo cieco che riusciva a vedere, Ben Underwood


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'Ufo a forma di sigaro ripreso in diretta dalla Nasa


    Publish In: Le Prove

Cosa occorre agli astronauti per andare nello spazio

Tutte le missioni spaziali con uomini a bordo richiedono i requisiti minimi per la sopravvivenza degli astronauti, i quali si trovano a vivere in un ambiente ostile come lo spazio. Per questo motivo al fine di dare agli astronauti la possibilità di lavorare in un ambiente simile a quello della terra, devono essere soddisfatte le loro esigenze primarie.

Queste includono:

  • Respirazione – lo spazio è un vuoto, dove non c’è aria. Per la sopravvivenza degli esseri umani invece è necessaria la presenza di aria, inoltre è necessario un continuo apporto di ossigeno per la respirazione. Una navicella spaziale (spacecraft) che trasporta persone utilizza un gas, ovvero una miscela di azoto e ossigeno. Questo gas viene fatto circolare in cabina grazie all’ausilio di ventole. Una sostanza chimica denominata litio-idrossido assorbe l’anidride carbonica, che è prodotta dalla respirazione.
  • Pressione – il corpo umano deve trovarsi alla giusta pressione. L’assenza di pressione causa delle alterazioni del sistema cardiovascolare, del sistema scheletrico e del sistema nervoso. Per risolvere questo problema le capsule sono propriamente pressurizzate, e gli astronauti devono trovarsi necessariamente in queste aree.
  • Controllo della temperatura – la temperatura dello spazio esterno varia drasticamente. Per questo motivo il veicolo spaziale è dotato di un sistema di controllo temperatura per mantenere la temperatura adatta alla sopravvivenza. Le funzioni che vengono svolte da questo sistema sono le seguenti:
    • Distribuire equamente il calore
    • Disperdere gli eccessi di calore
  • La temperatura nello spacecraft è controllabile con sistemi attivi e passivi. I primi prevedono un sistema di refrigerazione liquida dell’ambiente, il secondo sfrutta l’isolamento termico di alcuni materiali e il riscaldamento elettrico.
  • Alimentazione – gli alimenti dati agli astronauti devono essere nutrienti, semplici da preparare e non devono essere deperibili. Gli spacecraft moderni sono equipaggiati con le attrezzature necessarie per riscaldare e congelare i cibi. Questi sono disponibili in varie forme (disidratati, naturali, liofilizzati o freschi). L’orbiter ha un modulo cucine nello stile di un galley di un aereo, equipaggiato con:
    • Compartimenti per l’immagazzinamento degli alimenti
    • Strumenti per il riscaldamento del cibo
    • Un’area di preparazione con rubinetti di acqua calda e fredda
    • Vassoi in metallo per non far fluttuare i pacchetti di cibo e le posate in giro per la cabina


L’acqua è un requisito essenziale. Questa è composta da ossigeno liquido e idrogeno. Nello space shuttle ci sono delle cellule apposite, in grado di erogare 11 litri di acqua all’ora. L’acqua di queste celle passa per un separatore di idrogeno per eliminare l’idrogeno intrappolato all’interno: l’eccesso viene scaricato fuori dalla navetta. L’acqua è quindi immagazzinata in quattro taniche. In una missione a lungo raggio, l’acqua deve essere riciclata e riutilizzata. Vengono usati deumidificatori per estrarre l’umidità dall’aria. L’acqua riciclata è principalmente utilizzata per motivi igienici.


  • Smaltimenti dei rifiuti organici – a causa della microgravità, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti è un grande problema. Una attrezzatura simile a una normale toilet deve essere dotata di contenitori per la raccolta dei rifiuti liquidi, e sacchetti di plastica per i rifiuti solidi. Quando si lavora nello spazio, degli equipaggiamenti speciali vengono indossati, al fine di consentire una agevole raccolta dei rifiuti.
  • L’igiene personale – la maniera più semplice per consentire agli astronauti di lavarsi è con una spugna e degli asciugamani umidi. C’è anche una sorta di doccia che può spruzzare l’acqua sotto forma di spray. La doccia viene poi asciugata da degli appositi aspiratoi.
  • Dormire – vengono usati dei sacchi a pelo con dei cuscini, che vengono legati a delle superfici morbide. Gli astronauti possono indossare delle mascherine per ovviare al problema della luce del sole. Alcuni astronauti invece preferiscono galleggiare in aria con alcuni legacci per evitare di rimbalzare qua e là per la cabina.
  • Divertimenti – per distrarre gli astronauti nella stazione spaziale ci sono dei libri, giochi per computer e film. L’esercizio fisico inoltre aiuta questi ragazzi a rilassarsi.
  • Organizzazione – per ordinare e organizzare tutti gli oggetti, vengono disposte delle cassettiere ai muri. Nel computer di bordo è disponibile una lista per tenere traccia di tutti gli oggetti a bordo.

blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit