Text Size
Domenica, Settembre 24, 2017
Scienza e Futuro La nuova teoria sulla funzione del sonno pubblicata su Science

La nascita della Supernova più luminosa causata da un buco nero, le nuove stime per dichiarare un pianeta abitabile ed i neutrini solari che influenzano il decadimento beta

Preparatevi a un viaggio nell’estremo, in cui i numeri di cui parleremo saranno talmente smisurati da sembrare quasi impossibili. Partiamo da questo: 570 miliardi, il totale dei Soli che sarebbe ...

Costruire l'arca sulla Luna per salvare l'umanità

«Guardiamo alla Luna, potrebbe diventare la nostra arca di Noè e garantirci un futuro». Bernard Foing sorride raccontandoci la sua idea al telefono, precisando però «che al momento opportuno bisognerà...

L'Onu crea un'agenzia per tenere rapporti con gli alieni

Le Nazioni Unite hanno creato un'agenzia che tra i suoi compiti ha proprio quello di tenere i rapporti con eventuali extraterrestri che dovessero bussare alle nostre porte. Il capo è un'astrofisic...

La Materia Oscura

Nel 1933 l'astronomo Fritz Zwicky stava studiando il moto di ammassi di galassie lontani e di grande massa, nella fattispecie l'ammasso della Chioma e quello della Vergine. Zwicky stimò la massa di og...

Il primo viaggio della capsula spaziale Dragon, l'atterraggio della sonda Huygens su Titano e le news sul Pianeta di Diamante

Dopo il primo volo di test dello scorso maggio, ha presto il via durante la notte la prima missione commerciale della capsula Dragon verso la Stazione Spaziale Internazionale. Il lancio è av...

La base sotterranea di Dulce e l'incredibile scontro a fuoco contro gli alieni

Secondo gli ufologi che sostengono la sua esistenza, questa base sotterranea fungerebbe da guscio, per nascondere una cooperazione tra l’esercito statunitense e inglese e alcune razze aliene. Non è ...

  • La nascita della Supernova più luminosa causata da un buco nero, le nuove stime per dichiarare un pianeta abitabile ed i neutrini solari che influenzano il decadimento beta


    Publish In: News Astronomia
  • Costruire l'arca sulla Luna per salvare l'umanità


    Publish In: Preparativi 2012
  • L'Onu crea un'agenzia per tenere rapporti con gli alieni


    Publish In: Le Prove
  • La Materia Oscura


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Il primo viaggio della capsula spaziale Dragon, l'atterraggio della sonda Huygens su Titano e le news sul Pianeta di Diamante


    Publish In: News Astronomia
  • La base sotterranea di Dulce e l'incredibile scontro a fuoco contro gli alieni


    Publish In: Le Prove

La nuova teoria sulla funzione del sonno pubblicata su Science

ROMA - E' stato osservato per la prima volta nei topi, dove la maggior parte delle connessioni tra neuroni (sinapsi) si rimpicciolisce in media del 20% nel sonno. Ora la scoperta è pubblicata su Science dal gruppo di ricerca di Luisa De Vivo, Chiara Cirelli e Giulio Tononi all'Università del Wisconsin, a cui ha collaborato anche Michele Bellesi dell'Università Politecnica delle Marche.

Lo studio fissa un punto fermo nell'annoso dibattito sul ruolo del sonno nel processo di apprendimento, confermando una teoria che Cirelli e Tononi avevano elaborato già diversi anni fa. "Secondo la loro ipotesi - racconta Bellesi - l'interazione con l'ambiente durante la veglia determina un progressivo potenziamento delle sinapsi, perché apprendiamo continuamente cose nuove anche senza accorgercene, mentre il sonno al contrario serve a depotenziarle, per farle tornare a livelli energeticamente più sostenibili e per permetterci di imparare ancora nuove cose il giorno successivo. Grazie a questo studio, siamo riusciti per la prima volta ad ottenere la prova visiva di questo fenomeno".

Lo scopo del sonno? Dimenticare i ricordi inutili

Uno degli autori dello studio, il professor Giulio Tononi, dell'Università del Wisconsin

Usando un sofisticato microscopio elettronico 3D, i ricercatori hanno misurato e ricostruito quasi 7.000 sinapsi prelevate dalla corteccia sensoriale e motoria dei topi, prima e dopo il riposo, costruendo così "il più grande database di sinapsi al mondo", sottolinea Bellesi. Dopo quattro anni di lavoro "lungo e meticoloso - prosegue il ricercatore - abbiamo verificato che otto sinapsi su dieci (soprattutto quelle piccole e medie) si rimpiccioliscono in modo proporzionale alle loro dimensioni, mentre quelle più grandi, che conservano le informazioni più importanti, rimangono stabili". Partendo da questi risultati, i ricercatori intendono ora indagare gli effetti scatenati a livello cellulare dalla carenza di sonno e dagli alterati ritmi di sonno-veglia tipici della vita moderna.

Lo stesso Bellesi proseguirà i suoi studi in Italia esaminando in particolar modo le cellule gliali, che hanno funzione nutritiva e di sostegno per i neuroni.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
www.prestitionline.it
jeux gratuit