Text Size
Sabato, Giugno 23, 2018
Scienza e Futuro La nuova teoria sulla funzione del sonno pubblicata su Science

E' stato realizzato dal MIT il mantello dell'invisibilità anche per gli elettroni

Un mantello dell’invisibilità per gli elettroni è stato proposto da un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT), che illustrano i risultati a cui sono giunti in un ar...

La recente scoperta della galassia più lontana, il meteo spaziale e la tecnica per calcolare la distanza e l'età dei Quasar

La sua luce ha fatto un viaggio lungo quasi quanto l’età del nostro universo. E probabilmente non saremmo riusciti a captarla se a frapporsi tra lei e i nostri telescopi non ci fosse stato un amma...

Il missile russo sabotato da un Ufo

Un UFO ha intercettato il razzo russo Proton-M che stava lanciando in orbita un satellite avanzato , che poi stranamente si è schiantato al di fuori del territorio del Kazakhstan il Venerdì. Sono s...

Gigantesco Ufo entra nel vulcano Etna in Sicilia

Incredibili le immagini registrate il 30 Ottobre 2015, dallo skywatcher Giavedoni Eric, che mentre visitava il sito web delle telecamere di sorveglianza dell’istituto Nazionale di Geologia e Vulcano...

Il progetto misterioso denominato HAARP

Uno dei progetti più controversi degli Stati Uniti è senza dubbio la gigantesca antenna chiamata HAARP. HAARP è l'abbreviazione di High Frequency Active Auroral Research Program, un'installazione ci...

Armi moderne: nEUROn dassault, il nuovo drone stealth europeo

Il nEUROn è un programma europeo, cominciato dalla francese Dassault, per la progettazione di un aeromobile da combattimento a pilotaggio remoto (APR) dalle accentuate caratteristiche stealth. Ques...

  • E' stato realizzato dal MIT il mantello dell'invisibilità anche per gli elettroni


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La recente scoperta della galassia più lontana, il meteo spaziale e la tecnica per calcolare la distanza e l'età dei Quasar


    Publish In: News Astronomia
  • Il missile russo sabotato da un Ufo


    Publish In: Le Prove
  • Gigantesco Ufo entra nel vulcano Etna in Sicilia


    Publish In: Le Prove
  • Il progetto misterioso denominato HAARP


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Armi moderne: nEUROn dassault, il nuovo drone stealth europeo


    Publish In: Scienza e Futuro

La nuova teoria sulla funzione del sonno pubblicata su Science

ROMA - E' stato osservato per la prima volta nei topi, dove la maggior parte delle connessioni tra neuroni (sinapsi) si rimpicciolisce in media del 20% nel sonno. Ora la scoperta è pubblicata su Science dal gruppo di ricerca di Luisa De Vivo, Chiara Cirelli e Giulio Tononi all'Università del Wisconsin, a cui ha collaborato anche Michele Bellesi dell'Università Politecnica delle Marche.

Lo studio fissa un punto fermo nell'annoso dibattito sul ruolo del sonno nel processo di apprendimento, confermando una teoria che Cirelli e Tononi avevano elaborato già diversi anni fa. "Secondo la loro ipotesi - racconta Bellesi - l'interazione con l'ambiente durante la veglia determina un progressivo potenziamento delle sinapsi, perché apprendiamo continuamente cose nuove anche senza accorgercene, mentre il sonno al contrario serve a depotenziarle, per farle tornare a livelli energeticamente più sostenibili e per permetterci di imparare ancora nuove cose il giorno successivo. Grazie a questo studio, siamo riusciti per la prima volta ad ottenere la prova visiva di questo fenomeno".

Lo scopo del sonno? Dimenticare i ricordi inutili

Uno degli autori dello studio, il professor Giulio Tononi, dell'Università del Wisconsin

Usando un sofisticato microscopio elettronico 3D, i ricercatori hanno misurato e ricostruito quasi 7.000 sinapsi prelevate dalla corteccia sensoriale e motoria dei topi, prima e dopo il riposo, costruendo così "il più grande database di sinapsi al mondo", sottolinea Bellesi. Dopo quattro anni di lavoro "lungo e meticoloso - prosegue il ricercatore - abbiamo verificato che otto sinapsi su dieci (soprattutto quelle piccole e medie) si rimpiccioliscono in modo proporzionale alle loro dimensioni, mentre quelle più grandi, che conservano le informazioni più importanti, rimangono stabili". Partendo da questi risultati, i ricercatori intendono ora indagare gli effetti scatenati a livello cellulare dalla carenza di sonno e dagli alterati ritmi di sonno-veglia tipici della vita moderna.

Lo stesso Bellesi proseguirà i suoi studi in Italia esaminando in particolar modo le cellule gliali, che hanno funzione nutritiva e di sostegno per i neuroni.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit