Text Size
Lunedì, Luglio 16, 2018
Scienza e Futuro La nuova frontiera dei biomateriali ibridi in 3D

L'enigma delle Torri Segrete in Himalaya

Nel 1982, l’esploratore francese Michel Peissel era impegnato in una spedizione in Tibet, quando notò per la prima volta una serie di alte e misteriose torri di pietra a forma di stella che puntel...

Bioluminescenza: come la scienza rende brillanti gli esseri viventi

Di organismi dotati di bioluminescenza ce ne sono molti sul nostro pianeta, basti pensare alle lucciole. La bioluminescenza è un fenomeno attraverso il quale alcuni esseri viventi sono in grado di e...

Benjamin Solari Parravicini. L'uomo che disegnava il futuro

L'11 Settembre del 2001 l'umanità rimase commossa per un avvenimento inaspettato dalle caratteristiche orrende. In un attentato, le torri gemelle di New York furono colpite da aerei di l...

La coscienza collettiva e l'esperimento Global Consciousness Project

Nei sotterranei d'una polverosa libreria di Edinburgo, giace una scatoletta nera non più grande did ue pacchetti di sigarette affiancati, che sforna continuamente numeri a caso. A prima vistasembra u...

La foto di un'antica probabile tomba su Marte

Le prove che su Marte una volta c'è stata vita del tipo complesso, e molto probabilmete umana, ci continua ad arrivare dalle foto di strane rovine che ci invia la sonda Curiosity. Infatti, in una de...

La Galassia più lontana nell'Universo, la fine della missione del satellite Planck ed i nuovi scatti della sonda Cassini su Titano

Un viaggio lungo quasi come l’età dell’universo stesso: 13 miliardi e 100 milioni di anni. Così tanto ha impiegato la luce della più distante galassia mai scoperta finora per arrivare alla Terra. ...

  • L'enigma delle Torri Segrete in Himalaya


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Bioluminescenza: come la scienza rende brillanti gli esseri viventi


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Benjamin Solari Parravicini. L'uomo che disegnava il futuro


    Publish In: Profezie passate e future
  • La coscienza collettiva e l'esperimento Global Consciousness Project


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La foto di un'antica probabile tomba su Marte


    Publish In: Le Prove
  • La Galassia più lontana nell'Universo, la fine della missione del satellite Planck ed i nuovi scatti della sonda Cassini su Titano


    Publish In: News Astronomia

La nuova frontiera dei biomateriali ibridi in 3D


ROMA - La ricetta si basa su due ingradienti, le applicazioni sono moltissime. I primi biomateriali in 3D sono stati sviluppati con acqua e proteine. Materiali al confine tra mondo vivente e inanimato, che possono essere programmati per compiere funzioni biologiche, come cambiare colore quando sotto sforzo, o rilasciare farmaci o ancora riparare le ossa. Questo risultato - pubblicato sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas), è stato ottenuto nell'americana Tufts University dal gruppo coordinato dagli italiani Fiorenzo Omenetto e Benedetto Marelli.

La proteina utilizzata nel nuovo materiale è la fibroina, che rende resistente la seta e si auto-assembla. Grazie a queste proprietà, è possibile costruire solidi di dimensioni molto diverse, anche piccolissime, per compiere determinate funzioni. In passato la stessa proteina è stata utilizzata per ottenere delle spugne, ma adesso si è deciso di sfruttare altre proprietà, come la solidità e la resistenza: "Il nuovo materiale si comporta come una plastica dura", spiega all'Agenzia Ansa Omenetto.

I ricercatori sono riusciti a costruire anche delle viti di fibroina: quando vengono esposte ai raggi infrarossi e scaldate fino alla temperatura di 160 gradi rilasciano enzimi o farmaci."Abbiamo ottenuto le viti che si riscaldano aggiungendo delle nanoparticelle d'oro e in futuro - continua Omenetto - aggiungere dei fattori di crescita permetterà di ottenere delle viti ortopediche, capaci di aiutare la ricrescita delle ossa".


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit