Text Size
Lunedì, Febbraio 24, 2020
Scienza e Futuro Un altro passo verso l'immortalità. Topi di laboratorio ringiovaniti artificialmente

Il mistero della maledizione degli antichi Faraoni

Il 26 novembre del 1922 l'archeologo Howard Carter, tenendo una candela tra le mani tremanti per l'emozione, penetrava attraverso una piccola apertura ricavata nella porta nella tomba di Tutankhamon...

Nibiru e il 2012

Negli anni recenti, il lavoro di Zecharia Sitchin ha generato molta attenzione da parte di ufologi e vari cospiratori. Zecharia afferma di aver scoperto, tramite le sue traduzioni dei testi Sumeri, ev...

L'incontro alieno avvenuto nei boschi in Bulgaria e ripreso da degli escursionisti

Un gruppo di giovani escursionisti, mentre attraversavano il denso bosco di Plovdiv in Bulgaria, si sono imbattuti in un vero e prorpio extraterrestre del tipo grigio. L'alieno, inquadrato nel video...

L'incontro tra il buco nero e la grande nube,la cometa Lovejoy e gli astromateriali persi della Nasa

  Per il buco nero gigante al centro della nostra Galassia è tempo di risvegliarsi e prepararsi per un pasto inatteso. Una grande nube di gas ci sta finendo dentro ma prima sarà ridotta in tanti l...

Ex militari chiedono chiarimenti sugli Ufo interessati ai siti nucleari

Sul sito del Centro Ufologico Nazionale qualche giorno fa è uscita una notizia piuttosto interessante e, per certi versi, sconcertante. Oggi, lunedì 27 settembre, un gruppo di ex militari, al Natio...

La sorpresa nel trovare silice su Marte, i raggi energetici lanciati da una giovane stella ed il lancio della sonda DAMPE cinese

La silice è abbastanza comune sulla Terra, dove può essere trovata sotto forma di quarzo. I ricercatori adesso stanno studiando questo composto chimico su Marte, dove è stato trovato qualche mese...

  • Il mistero della maledizione degli antichi Faraoni


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Nibiru e il 2012


    Publish In: Profezie passate e future
  • L'incontro alieno avvenuto nei boschi in Bulgaria e ripreso da degli escursionisti


    Publish In: Le Prove
  • L'incontro tra il buco nero e la grande nube,la cometa Lovejoy e gli astromateriali persi della Nasa


    Publish In: News Astronomia
  • Ex militari chiedono chiarimenti sugli Ufo interessati ai siti nucleari


    Publish In: Le Prove
  • La sorpresa nel trovare silice su Marte, i raggi energetici lanciati da una giovane stella ed il lancio della sonda DAMPE cinese


    Publish In: News Astronomia

Un altro passo verso l'immortalità. Topi di laboratorio ringiovaniti artificialmente

Usa, topolini ringiovaniti in laboratorio: è la prima volta

Il tempo è tornato indietro, per un gruppo di topolini del Salk Insitute in California. Dopo essere diventati anziani, gli scienziati sono riusciti a farli ringiovanire. L’estensione della loro vita, pari a un mese e mezzo, sarebbe equivalente a quasi vent’anni per un uomo. I loro tessuti al microscopio sono apparsi più sani e privi di quei danni che si accumulano con l'età.

L’esperimento – raccontato sulla rivista Cell – non è in realtà facilmente riproducibile sulla nostra specie. Ha richiesto infatti un intervento di ingegneria genetica per attivare nell’organismo dei topolini quattro geni speciali: geni che sono in grado di invertire la freccia del tempo nello sviluppo delle cellule.

La scoperta di questi quattro geni – e la premessa dell’esperimento di oggi - risalgono  al 2006, quando lo scienziato giapponese Shinya Yamanaka scopre quattro sostanze chimiche capaci di attivare quattro geni capaci di far tornare bambine le cellule adulte. La sua scoperta è stata premiata con il Nobel per la medicina nel 2012.  Da cellule completamente mature, il trattamento di Yamanaka riesce a ottenere cellule staminali del tutto simili a quelle degli embrioni.

Fino a ieri tutto questo era sempre avvenuto in vitro, cioè in provetta, su un numero limitato di cellule. La novità oggi è aver riprodotto lo stesso esperimento in un intero organismo vivente. Il poker dei geni di Yamanaka è stato attivato con un intervento di ingegneria sul Dna che è però difficile da riprodurre sugli uomini, per ragioni etiche oltre che tecniche.

“L’invecchiamento per noi biologi è ancora un processo misterioso” ha spiegato Juan Carlos Izpisua Belmonte, il coordinatore della ricerca. “Quel che conosciamo bene sono le conseguenze dell’invecchiamento, non le sue cause. Ma oggi abbiamo dimostrato che questo processo può essere manipolato ed è quindi reversibile”.

Tentativi simili, in passato, si erano sempre scontrati con una grande difficoltà: le cellule ringiovanite con il metodo di Yamanaka all’interno di organismi interi rischiano di 'ringalluzzirsi' troppo, causando tumori. Gli autori di Cell hanno pensato allora di usare dosi molto blande dei fattori di Yamanaka, limitando a piccole finestre di tempo l’attivazione dei geni “di lunga vita” e circoscrivendo l’azione sul Dna solo a una modifica della struttura, del vestito, della doppia elica: quello che in gergo tecnico gli scienziati chiamano epigenetica.

E proprio l’epigenetica – il modo in cui il Dna varia la sua struttura spaziale ed è rivestito di molecole – si sta rivelando uno degli attori principali di quel processo dell’invecchiamento che ora non solo comprendiamo meglio, ma riusciamo anche a manipolare.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit