Text Size
Martedì, Marzo 09, 2021
Scienza e Futuro L'incredibile scoperta del battito cardiaco sincronizzato tra cavalli e esseri umani

La misteriosa malattia dell'uomo di pietra

Felice come lo sono i bambini di quattro anni, Sophie è apparentemente una bambina come tutte le altre. A colazione, le canzonette per bambini si mescolano al profumo della cioccolata. Ma Soph...

Profezia Meteorite

Diverse profezie vedono nel 21 Dicembre 2012 la fine del mondo a causa di un meteorite. Ma cosa succederebbe se davvero un meteorite dovesse colpire il nostro bellissimo pianeta? Nel video di seguito ...

La vita dopo la morte. La straordinaria esperienza di Brian Miller

Brian Miller, 41 anni, è un camionista dell’Ohio. Mentre era intento ad aprire un contenitore, si è reso conto che c’era qualcosa che non andava. L’uomo ha immediatamente chiamato la polizia. ...

Il mistero di Stonehenge

Una delle costruzioni più enigmatiche del passato è senza dubbio il sito di Stonehenge. Stonehenge (pietra sospesa, da stone, pietra, ed henge, che deriva da hang, sospendere: in riferimento agli a...

Le straordinarie immagini di come sarebbero le albe ed i tramonti in un pianeta alieno.

I quadri spaziali di Drew sono dei concept molto particolari. L'artista viaggia con l'immaginazione su pianeti lontanissimi, alcuni ipotizzati, altri realmente esistenti in orbita attorno a stelle re...

Derinkuyu, l’antica città sotterranea costruita per proteggere l’umanità

La Cappadocia, nella Turchia orientale, è delimitata al nord dal Mar Nero e a sud dalla catena montuosa del Tauro. Nel 1963, una semplice ristrutturazione nella città di Derinkuyu porta ad una s...

L'incredibile scoperta del battito cardiaco sincronizzato tra cavalli e esseri umani

ROMA - Forse chi va a cavallo l'ha sempre saputo. Ora però c'è anche la conferma scientifica: quando esseri umani ed equini interagiscono i loro cuori si sincronizzano ed è come se battessero all'unisono.  Il risultato è stato ottenuto da un gruppo di etologi e ingegneri dell'Università di Pisa e pubblicato sulle riviste internazionali PlosOne, Electronics e Proceedings of Engineering in Medicine and Biology Society.

Ma sarà nel corso di Fieracavalli a Verona, la grande kermesse del mondo equestre giunta alla sua 118esima edizione, che i ricercatori italiani esporrano le loro conclusioni al grande pubblico.

Non è un caso che sia stato scelto il tradizionale appuntamento autunnale nella città scaligera: migliaia di cavalli e di visitatori si incontrano nei padiglioni dedicati alle attività sportive, a quelle ricreative, alla monta western e a quella inglese, all'allevamento delle razze tipiche italiane e alle tecniche di addestramento. Rinnovando così quel legame nato oltre 5000 anni fa in qualche steppa asiatica e resistito fino a oggi, nonostante il motore a scoppio abbia da tempo soppiantato i quadrupedi come alleati dell'uomo, dalla guerra ai trasporti.

Un legame, dicono adesso i ricercatori pisani, è persino misurabile con un elettrocardiogramma. "Abbiamo registrato i parametri fisiologici di esseri umani e cavalli in tre diverse situazioni" spiega a Repubblica Paolo Baragli, ricercatore del dipartimento di Veterinaria dell'Università di Pisa. "Nella prima i soggetti esaminati non avevano alcuni tipo di contatto, nella seconda l'essere umano era seduto e il cavallo era libero di annusarlo, nel terzo la persona si avvicinava all'animale per spazzolarlo".

I risultati? "Abbiamo osservato che soprattutto nella seconda fase, ma anche nella terza, i parametri fiologici della persona e del cavallo finiscono per avere lo stesso andamento" risponde Baragli. "Possiamo davvero dire che è come se i cuori battessero all'unisono".

Veterinari ed etologi hanno però dovuto rivolgersi a un team di bioingegneri: "Sono stati loro che ci hanno aiutati a rilevare i segnali fisiologici umani ed equini e ad analizzare i segnali per poterli poi comparare" continua Baragli. Alla base della tecnica utilizzata ci sono sensori integrati all'interno di tessuti con cui realizare capi fatti poi indossare a cavalli e esseri umani durante la sperimentazione: una fascia toracica per i primi e una maglietta per i secondi.

“Il nostro è uno studio pionieristico" dice Baragli "che apre importanti prospettive per quanto riguarda ad esempio la pet therapy, e più in generale la comprensione dell’interazione emotiva fra cavallo ed essere umano, alla luce delle attuali conoscenze sull’empatia negli animali. Sembra che durante l’interazione accada “qualcosa” nell’organismo del cavallo e dell’essere umano dovuto proprio alla qualità di tale interazione e che questo “qualcosa” sia misurabile”.

Ma lo studio, puntualizzano gli autori, non è che l'inizio. "Vogliamo ampliare il campione, sia umano che equino" conferma Baragli. "Ma soprattutto, fondi per la ricerca permettendo, vogliamo estendere le misure ad altre attività: per esempio misurare cosa accade quando cavallo e cavaliere sono una cosa sola. Abbiamo già realizzato un tessuto da mettere sotto la sella per registrare l'elettrocardiogramma dell'animale quando è montato".

Negli sport equestri lo si definisce binomio, quell'essere quasi mitologico che unisce potenza, coraggio e fiducia reciproca. "Sarebbe bellissimo" concude Baragli "poter studiare gli elettrocardiogrammi di cavalieri e cavalli durante le attività agonistiche. E scoprire, magari, che le prestazioni migliori si hanno quando i due cuori battono davvero all'unisono".


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit