Text Size
Mercoledì, Settembre 20, 2017
Scienza e Futuro Secondo la scienza i robot del futuro sentiranno anche il dolore come un essere umano

Il misterioso fantasma senza testa che terrorizza i londinesi

Londra, un monaco senza testa terrorizza i dipendenti di un parco giochi. Forse il terribile fantasma è in cerca di divertimento. Ironia a parte, l'apaprizione dello spettro è stata presa così seri...

Il mistero risolto per 596 Scheila, scoperta una Terra super densa e il progetto SETI non ascolta più

All’inizio era un asteroide come tanti, poi lo scorso dicembre per 596 Scheila è arrivata la notorietà. Inaspettatamente luminoso, avvolto da una nube diffusa che rifletteva la luce solare e con du...

I 50 nuovi pianeti scoperti da HARPS, il pianeta con 2 Soli e lo Space Launch System dela Nasa

Altri 50 pianeti extrasolari si aggiungono in un sol colpo agli oltre 600 finora conosciuti. Merito di HARPS, strumento europeo di alta sensibilità in funzione in Cile, le cui misure hanno permesso...

Il singolare Ufo filmato durante una strana attività vicino una piscina a Naples in Florida

Un video che mostra le luci nel bordo di una piscina fa parlare di Naples in Florida. I residenti e gli esperti dicono di non aver mai visto niente di simile.Lunedi notte al Security Officer Debrale...

Il segreto del Sahara, le strane code dell'asteroide 596 Scheila e i tramonti blu di Marte

Sabbia e caldo. Sono le immagini e le sensazioni che ci vengono in mente quando pensiamo al deserto del Sahara. Eppure un tempo quella regione era ricca di acqua e vegetazione. Come è stato possibi...

Nella giungla di Chiapas in Messico l'incredibile avvistamento di un ufo a forma di rombo

La regione messicana del Chiapas è famosa per i suoi siti archeologici, come ad esempio quello di Palenque o il sito archeologico di Bonampak, che si trova nella giungla, in provincia di Usumacinta...

  • Il misterioso fantasma senza testa che terrorizza i londinesi


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il mistero risolto per 596 Scheila, scoperta una Terra super densa e il progetto SETI non ascolta più


    Publish In: News Astronomia
  • I 50 nuovi pianeti scoperti da HARPS, il pianeta con 2 Soli e lo Space Launch System dela Nasa


    Publish In: News Astronomia
  • Il singolare Ufo filmato durante una strana attività vicino una piscina a Naples in Florida


    Publish In: Le Prove
  • Il segreto del Sahara, le strane code dell'asteroide 596 Scheila e i tramonti blu di Marte


    Publish In: News Astronomia
  • Nella giungla di Chiapas in Messico l'incredibile avvistamento di un ufo a forma di rombo


    Publish In: Le Prove

Secondo la scienza i robot del futuro sentiranno anche il dolore come un essere umano

I ROBOT non sentono dolore, o perlomeno così abbiamo sempre pensato. Mentre se noi lo avvertiamo, una ragione c'è: il dolore fisico ci fa percepire ed evitare il pericolo. Semplicemente, ci impedisce di tenere una mano sul fuoco, e di danneggiarla irreparabilmente. È quindi uno strumento molto utile. Johannes Kuehn e Sami Haddadin (Leibniz University of Hannover) credono che servirebbe anche ai robot. Una macchina capace di "sentire dolore" potrebbe evitare, come nel caso degli umani, di evitare situazioni pericolose.

I due ricercatori hanno quindi sviluppato un "tessuto nervoso" ispirato alla pelle umana, con cui ricoprire il robot. Un sistema che può percepire il dolore e classificarlo su tre diversi livelli. Dopodiché il robot può rispondere adeguatamente, allontanandosi dalla fonte del contatto (l'esempio preso in considerazione), ed eventualmente chiedendo aiuto.

D'altra parte, si legge sulla rivista IEEE Spectrum, il fatto che le macchine non sentano dolore ci permette di metterle a fare lavori pericolosi senza problemi etici di sorta. Con il tempo, invece, un sistema come quello proposto potrebbe anche portarci a sviluppare empatia verso le macchine.

Per il momento la proposta di Kuehn e Haddadin ha solo risvolti positivi, perché potrebbe ridurre sensibilmente i costi di gestione e mantenimento delle macchine. Ancora più importante, questi robot sensibili potrebbero risultare più sicuri per le persone che lavorano accanto ad essi. Una priorità che non possiamo certo sottovalutare.

Una prospettiva positiva, ma allo stesso tempo suona sinistra l'idea di una macchina ricoperta di pelle sintetica in grado di sentire dolore. Un'idea che pone anche un dilemma di non facile soluzione: da una parte tendiamo a costruire le macchine imitando noi stessi, ma dall'altra se diventano "troppo umane" si possono innescare meccanismi relazionali complessi, con conseguenze imprevedibili. Uno scenario verso il quale, sembra, proviamo un timore innato e profondamente radicato.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
www.prestitionline.it
jeux gratuit