Text Size
Domenica, Maggio 28, 2017
Scienza e Futuro Secondo la scienza i robot del futuro sentiranno anche il dolore come un essere umano

Ritrovato il calendario Maya più antico finora scoperto e non mancano le sorprese

Non poteva arrivare che nel 2012 la scoperta del più antico calendario Maya: è una stanza dipinta all'interno di un tempio scoperta in Guatemala, nel complesso archeologico di Xultun. La scoper...

La moneta del 1600 con inciso sopra un Ufo

ROMA – Ufo su moneta del 1600? Secondo quanto riportato dal DailyMail, un ufologo è convinto di aver trovato un disegno inciso su una moneta francese del XVII secolo, che riprodurrebbe un disco vola...

L'enigma irrisolto del popolo più avanzato del X sec AC: il popolo Nok

Nok è il nome di un piccolo villaggio al centro della Nigeria, dove nel 1928 un gruppo di minatori portò alla luce una serie di reperti in terracotta, testimonianza di un’antica civiltà perduta. ...

La nuova generazione di transistor scoperta al MIT

L'enorme capacità osservata nel nuovo semiconduttore sembra essere frutto di un nuovo fenomeno quantistico o di una caratteristica sconosciuta del materiale Negli anni ottanta e no...

Il fantasma della principessa Diana è apparso in una chiesa di Glasgow

Un video,che sta attualmente facendo il giro del web,  sembra mostrare in una vetrata una figura spettrale che assomiglia alla principessa Diana . Il video è stato girato da turisti cinesi in Scozia ...

L'ufo inquadrato dalla Nasa durante la missione STS-48

In questo breve filmato girato nel 1991 durante la missione shuttle STS-48 dalla Nasa c'è celata sullo sfondo una strana sequenza di immagini. In questo caso, il filmato mostra un oggetto non identif...

  • Ritrovato il calendario Maya più antico finora scoperto e non mancano le sorprese


    Publish In: Profezie passate e future
  • La moneta del 1600 con inciso sopra un Ufo


    Publish In: Le Prove
  • L'enigma irrisolto del popolo più avanzato del X sec AC: il popolo Nok


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • La nuova generazione di transistor scoperta al MIT


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il fantasma della principessa Diana è apparso in una chiesa di Glasgow


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'ufo inquadrato dalla Nasa durante la missione STS-48


    Publish In: Le Prove

Secondo la scienza i robot del futuro sentiranno anche il dolore come un essere umano

I ROBOT non sentono dolore, o perlomeno così abbiamo sempre pensato. Mentre se noi lo avvertiamo, una ragione c'è: il dolore fisico ci fa percepire ed evitare il pericolo. Semplicemente, ci impedisce di tenere una mano sul fuoco, e di danneggiarla irreparabilmente. È quindi uno strumento molto utile. Johannes Kuehn e Sami Haddadin (Leibniz University of Hannover) credono che servirebbe anche ai robot. Una macchina capace di "sentire dolore" potrebbe evitare, come nel caso degli umani, di evitare situazioni pericolose.

I due ricercatori hanno quindi sviluppato un "tessuto nervoso" ispirato alla pelle umana, con cui ricoprire il robot. Un sistema che può percepire il dolore e classificarlo su tre diversi livelli. Dopodiché il robot può rispondere adeguatamente, allontanandosi dalla fonte del contatto (l'esempio preso in considerazione), ed eventualmente chiedendo aiuto.

D'altra parte, si legge sulla rivista IEEE Spectrum, il fatto che le macchine non sentano dolore ci permette di metterle a fare lavori pericolosi senza problemi etici di sorta. Con il tempo, invece, un sistema come quello proposto potrebbe anche portarci a sviluppare empatia verso le macchine.

Per il momento la proposta di Kuehn e Haddadin ha solo risvolti positivi, perché potrebbe ridurre sensibilmente i costi di gestione e mantenimento delle macchine. Ancora più importante, questi robot sensibili potrebbero risultare più sicuri per le persone che lavorano accanto ad essi. Una priorità che non possiamo certo sottovalutare.

Una prospettiva positiva, ma allo stesso tempo suona sinistra l'idea di una macchina ricoperta di pelle sintetica in grado di sentire dolore. Un'idea che pone anche un dilemma di non facile soluzione: da una parte tendiamo a costruire le macchine imitando noi stessi, ma dall'altra se diventano "troppo umane" si possono innescare meccanismi relazionali complessi, con conseguenze imprevedibili. Uno scenario verso il quale, sembra, proviamo un timore innato e profondamente radicato.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit