Text Size
Giovedì, Aprile 26, 2018
Scienza e Futuro Secondo la scienza i robot del futuro sentiranno anche il dolore come un essere umano

Secondo lo scienziato russo Andrei Finkelstein, incontreremo gli alieni nel 2031

Lo scienziato russo Andrei Finkelstein, uno dei maggiori studiosi del Paese, è sicuro: nel 2031 scatterà l'incontro con forme di vita extraterrestre. C'è la vita su altri pianeti, e sicuramente in ...

Le "piramidi" fotografate sul pianeta nano Ceres dalla sonda Alba e sulla cometa 67p dalla sonda Rosetta

L’immagine che vi mostriamo oggi, sta facendo il giro del web e riguarda una anomalia molto curiosa registrata sul pianeta nano Cerere (o Ceres). Di cosa si tratta? Le ult...

La sostanza dell'isola di Pasqua che ci permetterà di vivere a lungo

  E' il sogno dell'umanità da sempre. Un elisir di lunga vita, una sostanza cioè che faccia vivere a lungo, anzi a lunghissimo, meglio se si evita anche l'invecchiamento. Dalla lontana e misteri...

Dimostrata ufficialmente dagli scienziati l'interfaccia cervello-macchina per azione complesse

La possibilità di creare interfacce cervello-macchina in grado di gestire movimenti complessi, che prevedono una successione articolata di singoli movimenti, è stata dimostrata da un gruppo di ricer...

La misteriosa scritta ebraica trovata su una roccia antica in New Messico

Nel 1933, nello Stato del New Mexico negli Stati Uniti, ai piedi del pianoro nei pressi della cittadina di Los Lunas venne fatta una scoperta sorprendente; una pietra, costellata di alcuni strani...

Per la scienza tutti possiamo avere la supermemoria, basta addestrarsi col metodo giusto

Li chiamano “atleti della memoria” e il loro sport è ricordare lunghissime sequenze di numeri, parole o di simboli senza nessuna correlazione tra loro. Molte di queste persone attribuiscono la loro...

  • Secondo lo scienziato russo Andrei Finkelstein, incontreremo gli alieni nel 2031


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le "piramidi" fotografate sul pianeta nano Ceres dalla sonda Alba e sulla cometa 67p dalla sonda Rosetta


    Publish In: Le Prove
  • La sostanza dell'isola di Pasqua che ci permetterà di vivere a lungo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Dimostrata ufficialmente dagli scienziati l'interfaccia cervello-macchina per azione complesse


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La misteriosa scritta ebraica trovata su una roccia antica in New Messico


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Per la scienza tutti possiamo avere la supermemoria, basta addestrarsi col metodo giusto


    Publish In: Scienza e Futuro

Secondo la scienza i robot del futuro sentiranno anche il dolore come un essere umano

I ROBOT non sentono dolore, o perlomeno così abbiamo sempre pensato. Mentre se noi lo avvertiamo, una ragione c'è: il dolore fisico ci fa percepire ed evitare il pericolo. Semplicemente, ci impedisce di tenere una mano sul fuoco, e di danneggiarla irreparabilmente. È quindi uno strumento molto utile. Johannes Kuehn e Sami Haddadin (Leibniz University of Hannover) credono che servirebbe anche ai robot. Una macchina capace di "sentire dolore" potrebbe evitare, come nel caso degli umani, di evitare situazioni pericolose.

I due ricercatori hanno quindi sviluppato un "tessuto nervoso" ispirato alla pelle umana, con cui ricoprire il robot. Un sistema che può percepire il dolore e classificarlo su tre diversi livelli. Dopodiché il robot può rispondere adeguatamente, allontanandosi dalla fonte del contatto (l'esempio preso in considerazione), ed eventualmente chiedendo aiuto.

D'altra parte, si legge sulla rivista IEEE Spectrum, il fatto che le macchine non sentano dolore ci permette di metterle a fare lavori pericolosi senza problemi etici di sorta. Con il tempo, invece, un sistema come quello proposto potrebbe anche portarci a sviluppare empatia verso le macchine.

Per il momento la proposta di Kuehn e Haddadin ha solo risvolti positivi, perché potrebbe ridurre sensibilmente i costi di gestione e mantenimento delle macchine. Ancora più importante, questi robot sensibili potrebbero risultare più sicuri per le persone che lavorano accanto ad essi. Una priorità che non possiamo certo sottovalutare.

Una prospettiva positiva, ma allo stesso tempo suona sinistra l'idea di una macchina ricoperta di pelle sintetica in grado di sentire dolore. Un'idea che pone anche un dilemma di non facile soluzione: da una parte tendiamo a costruire le macchine imitando noi stessi, ma dall'altra se diventano "troppo umane" si possono innescare meccanismi relazionali complessi, con conseguenze imprevedibili. Uno scenario verso il quale, sembra, proviamo un timore innato e profondamente radicato.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit