Text Size
Lunedì, Agosto 19, 2019
Scienza e Futuro Gli smartphone del futuro, ecco come saranno

L'immagine molto dettagliata della Nebulosa Omega e il frammento del meteorite di quasicristallo

Chiamatela Omega, Cigno, Ferro di Cavallo o anche Aragosta: è sempre la stessa nebulosa. Molto popolare fra gli astronomi, questa regione ricca di gas e polveri dove si formano nuove stelle...

L'antica profezia sull'Arcangelo Gabriele

I rotoli del Mar Morto sono stati scoperti tra il 1947 e il 1956. Alcune di queste pergamene, databili al primo secolo aC, hanno confermato l'autenticità del libro di Isaia. Questo brano descr...

Il nuovo Large Binocular Telescope e il ritorno della sonda Hayabusa

Il telescopio LBT, in Arizona, ha superato perfino l’Hubble Space Telescope, che si trova in orbita e che è considerato l’imbattibile rivale dei telescopi terrestri. Tutto merito di un sistema di o...

La materia "stealth" oscura, il gigantesco buco nero della galassia SAGE0536AGN e l'evoluzione della Nebulosa del Velo

Stealth come furtiva. Stealth come imprendibile. Stealth come quei minacciosi aerei da guerra dal profilo sagomato così da essere invisibili ai radar. Da quanto emerge dai calcoli dei fisici dell’...

Il volto marziano di Cydonia

Il Volto su Marte (talvolta anche detto Faccia su Marte o Volto di Cydonia) è un'ampia area della superficie del pianeta Marte, situata nella regione di Cydonia. Misura approssimativamen...

Lo scoppio anomalo delle Supernove, preoccupazione per il cargo Progress e la polvere riportata da Hayabusa

Nell’Universo ci sono anche stelle che esplodono a modo loro. Sono una classe particolare di supernovae, quelle che gli astronomi classificano come di tipo Ia. Come le altre supernovae, quando espl...

  • L'immagine molto dettagliata della Nebulosa Omega e il frammento del meteorite di quasicristallo


    Publish In: News Astronomia
  • L'antica profezia sull'Arcangelo Gabriele


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il nuovo Large Binocular Telescope e il ritorno della sonda Hayabusa


    Publish In: News Astronomia
  • La materia "stealth" oscura, il gigantesco buco nero della galassia SAGE0536AGN e l'evoluzione della Nebulosa del Velo


    Publish In: News Astronomia
  • Il volto marziano di Cydonia


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Lo scoppio anomalo delle Supernove, preoccupazione per il cargo Progress e la polvere riportata da Hayabusa


    Publish In: News Astronomia

Gli smartphone del futuro, ecco come saranno

"IL MERCATO degli smartphone è ormai maturo". Il mantra si ripete in ogni angolo del mondo, ed è una verità indiscutibile che già era evidente da qualche tempo. Gli smartphone che arriveranno nei prossimi mesi potranno avere fotocamere migliori, magari avere app sempre più ricche di funzionalità, potranno e dovranno integrarsi sempre di più con altri device, ma sostanzialmente le "varianti" alla formula base non saranno più in grado di smuovere legioni di acquirenti in tutto il pianeta. E' vero, lo smartphone come oggi ci si presenta è arrivato alla sua maturazione, come c'era arrivato il computer, come è accaduto ad altri device, la fase evolutiva si è probabilmente conclusa, anche per aziende innovative come Samsung e Apple si sta chiudendo un'era.

Ma il futuro, come sempre, è dietro l'angolo, e quello che è vero oggi non è detto lo sia domani. Nel senso che gli smartphone e i tablet di oggi fanno parte di un'era, quella degli schermi touch, che ha fatto il suo tempo. Il sistema di input con il tocco delle dita ha rivoluzionato completamente il nostro rapporto con le macchine, ha portato in una dimensione più "naturale" il nostro modo di dialogare con i device, di impartire comandi, di ottenere risultati, di interagire con questi. Ha cambiato in buona sostanza il nostro modo di relazionarci con le macchine. E' una rivoluzione iniziata pian pianino negli anni ottanta e esplosa da una dozzina di anni e che, anche se per molti versi non si è ancora conclusa perché sono molti altri gli schermi che possono trasformarsi o si trasformeranno in superfici tattili, per quello che riguarda gli smartphone, si può dire che abbia raggiunto il traguardo.

Se è vero, quindi, che i "telefoni intelligenti" hanno raggiunto la loro forma definitiva e che le varianti non saranno in grado di convincere milioni di persone a cambiare device "vecchio" per il modello più "nuovo" e altrettanto vero che il mercato è pronto per una nuova generazione di macchine, che superando il touch offriranno ai consumatori nuove e inedite possibilità. No, non stiamo parlando della tanto annunciata "realtà virtuale", che pure ha un futuro interessante, quanto di una tecnologia che è già tra noi ma che è ancora in uno stadio iniziale, che ha possibilità di sviluppo molto elevate e che è ancora più "naturale" del touch. La prossima forma di interattività sarà quella vocale e la prossima generazione di device in grado di cambiare ancora una volta lo scenario tecnologico sarà quella che la integrerà nella maniera migliore.

Chi di voi ha in casa figli al di sotto dei trent'anni sa benissimo che è già così: i ragazzi nati o cresciuti nell'era degli smartphone, dei tablet, già oggi usano, per quello che la tecnologia consente, i comandi vocali, la messaggeria vocale, la dettatura. Difficilmente scrivono con la tastiera, se non quando non si può fare altrimenti, usano i messaggi vocali al posto delle telefonate, dettano testi lì dove andrebbero scritti. E usano l'intelligenza artificiale rappresentata da Siri o da Cortana o Google Play per fare quello che prima facevano con la tastiera e il mouse, o con gli schemi tattili. Credete che sia un uso unicamente generazionale e limitato? Vuol dire che non ascoltate le radio, dove ormai i messaggi vocali vengono trasmessi in diretta al posto dei vecchi sms o delle mail. La voce sta sostituendo anche le "virtual keyboard" che comparivano sui nostri schermi e che avevano mandato in pensione le tastiere fisiche.

Quello che, insomma, cambierà di nuovo il mondo sarà il prossimo device, che magari avrà ancora qualche comando tattile, così come oggi gli smartphone touch hanno ancora una tastiera virtuale sullo schermo, ma che sarà basato sulla straordinaria capacità di interazione tra la nostra voce e le macchine in grado di comprendere il significato di quello che noi diciamo. Già oggi Siri è in grado di fare molto, Cortana segue da vicino, Google Play è ancora limitato, ma quello che fanno adesso è ovviamente poco e nulla rispetto a quello che faranno tra breve. E a quel punto gli smartphone saranno ancora più intelligenti, interattivi, personali. Non saranno, insomma, migliori fotocamere o straordinari effetti speciali a farci cambiare telefonino, sarà l'"intelligenza" che queste macchine metteranno a nostra disposizione. Tra breve Hal 9000 sarà nelle nostre tasche e a quel punto anche la minima barriera d'ingresso che oggi è rappresentata dallo schermo touch (che ha reso comprensibile l'uso degli smartphone persino ai bambini di due anni) sarà completamente superata, interagiremo con le macchine personali, mobili, tascabili, in maniera assolutamente naturale. Già ora questo accade, accadrà sempre di più. E noi andremo a comprare la prossima generazione di device, sempre più "smart", legato all'intelligenza, e sempre più "fono", legato al suono.

Fonte. La repubblica


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit