Text Size
Venerdì, Gennaio 19, 2018
Scienza e Futuro Il lancio del modulo Bean. La casa spaziale gonfiabile

I 14 robot più strani e innovativi creati finora dagli scienziati

Umani, disumani, super umani: comunque "bestiali", come appena usciti dalle pagine di un catalogo di creature immaginarie, eppure già in mezzo a noi. Ecco i robot del terzo millennio, macchine co...

Le misteriose impronte del Diavolo

L'inverno del 1885 fu eccezionalmente severo per il sudovest dell'Inghilterra, regione ...

Il futuro degli oggetti comuni sarà touch - Video

OLTRE IL TOUCHSCREEN c'è un mondo nuovo, come quello di Alice nel paese delle meraviglie e di Fantasia. E forse non è un caso se dietro tutte queste raffigurazioni di universi fantastici compare il ...

Secondo alcuni ricercatori russi lo Yeti esiste e mostrano le prove

Lo yeti, versione europea dell’American Bigfoot, esisterebbe realmente. A dirlo alcuni ricercatori russi  che avrebbero portato a sostegno di questa teoria prove, secondo loro, inconfutabili.Certo, no...

Allarme Ufo nel messinese

Capo d'Orlandi (Messina) - E' già allarme Ufo a Capo d'Orlando, paese della costa tirrenica messinese nel quale ieri sera numerose persone hanno osservato, fotografato e filmato, n...

Il pianeta cometa, missione congiunta per Marte e il più potente raggio x registrato dal satellite Swift

Qualcuno lo ha definito il pianeta cometa, perché proprio come le comete possiede una coda. Il pianeta, di tipo gigante gassoso, orbita attorno a unastella distante da noi 150 anni luce ed era tenu...

  • I 14 robot più strani e innovativi creati finora dagli scienziati


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le misteriose impronte del Diavolo


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il futuro degli oggetti comuni sarà touch - Video


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Secondo alcuni ricercatori russi lo Yeti esiste e mostrano le prove


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Allarme Ufo nel messinese


    Publish In: Le Prove
  • Il pianeta cometa, missione congiunta per Marte e il più potente raggio x registrato dal satellite Swift


    Publish In: News Astronomia

Il lancio del modulo Bean. La casa spaziale gonfiabile

La NUOVA "casa" abitabile, a disposizione degli astronauti, verrà lanciata in orbita il prossimo 8 aprile: si chiama Beam (Bigelow Expandable Activity Module) ed è un modulo gonfiabile che verrà agganciato al nodo Tranquillity della Stazione Spaziale Internazionale.

Realizzato dalla Nasa in collaborazione con l'azienda privata Bigelow Aerospace, il modulo sarà abitato per un breve periodo di tempo dagli astronauti, che vi entreranno per alcune ore quattro volte l'anno per due anni, in modo da provarne sicurezza e affidabilità come potenziale casa del futuro per gli esploratori dello spazio, nella prospettiva delle possibili future colonie sulla Luna e su Marte. Lo hanno comunicato gli stessi ingegneri della Bigelow Aerospace in una conferenza stampa congiunta con la Nasa.

Beam, con i suoi 1.400 chili di peso, è già stato sistemato a bordo della navetta Dragon della Space X, il cui lancio è in programma il prossimo 8 aprile da Cape Canaveral.

Quando Dragon sarà arrivata a destinazione, il modulo sarà prelevato dal braccio robotico della Stazione spaziale per essere poi agganciato al nodo Tranquillity. Quindi gli astronauti cominceranno a gonfiare la loro nuova stanza, in un'operazione che dovrebbe durare all'incirca 45 minuti. Una volta pronto, il modulo Beam offrirà 16 metri cubi di spazio abitabile. A bordo saranno installati dei sensori che verificheranno la resistenza dell'habitat alle radiazioni e all'impatto di piccoli frammenti spaziali.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit