Text Size
Domenica, Aprile 11, 2021
Scienza e Futuro Per il CNR il futuro delle strade sarà senza semafori

La ricerca di acqua su Venere da parte della Nasa, il VLT indaga la nebulosa Testa di Drago ed il sofisticatissimo osservatorio orbitante nei raggi X previsto per il 2028

E’ passata solo una settimana dal lancio di MAVEN, la nuova sonda che orbiterà fra nove mesi attorno a Marte, e la NASA ha già mandato in orbita un razzo per studiare l’atmosfera di Venere. Si chiam...

L'ammasso stellare dove è nato il Sole, il rientro della sonda Phobos Grunt ed il doppio nucleo della galassia Andromeda

Il Sole potrebbe essersi formato in un ammasso di stelle per poi venirne espulso? L’ipotesi è credibile perché buona parte delle stelle si formano negli ammassi. Il candidato ideale risulta M67, che...

Il villaggio addormentato: il misterioso caso del Kazakistan

I residenti del remoto villaggio di Kalachi, nel nord del Kazakistan, sono stati colpiti da una misteriosa malattia che fa dormire fino a quattro giorni di fila. I medici, tuttavia, non sono s...

L'atterraggio Ufo fotografato in Canada

Di atterraggi UFO ci sono stati molti testimoni con frequenza crescente in varie sedi in tutto il mondo che dimostra  come una presenza  aliena su questo pianeta diventa sempre più evidente. La fo...

La stella più grande finora conosciuta, impatto di meteorite in Egitto e la nuova teoria del buco nero

E’ la stella più grande finora conosciuta. Al suo confronto il Sole appare come una biglia. La stella dista da noi 22mila anni luce e si trova all’interno di un ammasso contenente altre stelle giga...

Cosa resterà di noi: la preoccupazione degli scienziati per l'obsolescenza programmata

QUALCHE GIORNO fa ho trovato in un cassetto un vecchio Cd-Rom di Encarta, l'enciclopedia multimediale di Microsoft. Ho provato a farlo girare sul pc ma non ci sono riuscito. "Vecchio" di vent'anni...

  • La ricerca di acqua su Venere da parte della Nasa, il VLT indaga la nebulosa Testa di Drago ed il sofisticatissimo osservatorio orbitante nei raggi X previsto per il 2028


    Publish In: News Astronomia
  • L'ammasso stellare dove è nato il Sole, il rientro della sonda Phobos Grunt ed il doppio nucleo della galassia Andromeda


    Publish In: News Astronomia
  • Il villaggio addormentato: il misterioso caso del Kazakistan


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'atterraggio Ufo fotografato in Canada


    Publish In: Le Prove
  • La stella più grande finora conosciuta, impatto di meteorite in Egitto e la nuova teoria del buco nero


    Publish In: News Astronomia
  • Cosa resterà di noi: la preoccupazione degli scienziati per l'obsolescenza programmata


    Publish In: Scienza e Futuro

Per il CNR il futuro delle strade sarà senza semafori


Roma, 17 marzo 2016 - I ricercatori del Massachusetts institute of technology (Mit), dell’Istituto di informatica e telematica del Consiglio nazionale delle ricerche (Iit-Cnr) di Pisa e del Swiss Institute of Technology (Eth), hanno sviluppato un nuovo sistema per la gestione del traffico veicolare che può sostituire i tradizionali incroci a semaforo, riducendo così code e ritardi. I risultati dello studio, condotto in collaborazione con la Fondazione Centro Studi Enel, sono stati pubblicati sulla rivista PloS ONE.

Il team di ricerca ha sviluppato un nuovo sistema per la viabilità degli incroci che prende spunto dalla gestione degli aerei ed aeroporti, chiamato sistema a 'slot'. Questo sistema garantisce ad ogni veicolo uno 'slot', ossia uno spazio temporale personalizzato per attraversare l’incrocio, eliminando in questo modo la necessità di fermarsi tipica dei semafori. La velocità dei veicoli viene controllata in modo che ogni auto raggiunga l’incrocio in corrispondenza dello 'slot' assegnatole come fossero sulla pista di un aeroporto. Il tutto grazie ad un algoritmo ed a tecnologie già esistenti su molte autovetture che permettono alle stesse di dialogare tra loro.

“La transizione dai semafori a questo innovativo sistema può migliorare sostanzialmente l’efficienza degli incroci”, afferma Paolo Santi, membro del Mit Senseable City Lab e ricercatore dell’Iit-Cnr. “Le nostre analisi mostrano per la prima volta in maniera scientifica che, con i volumi di traffico attuali, le file scomparirebbero ed i ritardi nel raggiungere la destinazione sarebbero quasi nulli”.

Gli incroci a slot possono essere equiparati anche a 'rotonde smart' a cui il mezzo arriva con una velocità rallentata in automatico ma non si ferma mai come invece avviene negli incroci semaforici dove oltre a fermare l’autoveicolo, lo stesso deve ripartire da una velocità pari a zero. I risultati ottenuti nelle stesse condizioni di sicurezza, dimostrano che, rispetto al semaforo, il nuovo sistema raddoppia il numero di auto che l’incrocio può gestire senza la creazione di code.

“Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione ed i veicoli a guida autonoma cambieranno il panorama della mobilità urbana”, spiega Carlo Ratti, direttore del Senseable City Lab del Mit, “ed in un futuro molto prossimo, in cui tutte le auto saranno autonome, possiamo immaginarci che i veicoli non avranno più bisogno di fermarsi agli incroci, ma potranno continuare a muoversi senza collisioni”.
I risultati – ottenuti nelle stesse condizioni di sicurezza – dimostrano che, rispetto al semaforo, il sistema a 'slot' può raddoppiare il numero di auto che l’incrocio può gestire.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit