Text Size
Martedì, Ottobre 27, 2020
Scienza e Futuro La pelle artificiale superelastica per i futuri robot

Hyperloop, il treno del futuro che supererà la velocità del suono, già pronto nel 2019

QUELLO che abbiamo visto nel deserto del Nevada, lo scarno prototipo di un treno a velocità sonica, non era nulla. Il bello deve ancora venire e verrà presto. Lo scenario che preannuncia Bibop G. Gr...

Il primo passo verso la comunicazione quantistica

Il dispositivo si basa sugli effetti d’interferenza quantistica in vapori di rubidio all’interno di guide d’onda cave realizzato su un chip al silicio utilizzando tecniche produttive standard ...

L'Ufo a forma di sigaro ripreso in diretta dalla Nasa

Pochi giorni fa una delle telecamere della Stazione Spaziale Internazionale, ha casualmente documentato la presenza di un enorme oggetto discoidale, che entrava nell’atmosfera terrestre. La notizi...

La stella più grande finora conosciuta, impatto di meteorite in Egitto e la nuova teoria del buco nero

E’ la stella più grande finora conosciuta. Al suo confronto il Sole appare come una biglia. La stella dista da noi 22mila anni luce e si trova all’interno di un ammasso contenente altre stelle giga...

Marte e l'incredibile strada fotografata in stile degli antichi egizi

Marte continua a far parlare di sè infatti, come vedrete nel video seguente, le immagini di Rover Curiosity hanno fotografato quello che sembra essere una antica pavimentazione in stile egiziano. Di...

Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"

Il movimento delle zampe posteriori di ratti paralizzati può essere ripristinato con una serie di impulsi elettrici trasmessi tramite elettrodi al sistema nervoso degli animali:lo ha dimostrato uno...

  • Hyperloop, il treno del futuro che supererà la velocità del suono, già pronto nel 2019


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il primo passo verso la comunicazione quantistica


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'Ufo a forma di sigaro ripreso in diretta dalla Nasa


    Publish In: Le Prove
  • La stella più grande finora conosciuta, impatto di meteorite in Egitto e la nuova teoria del buco nero


    Publish In: News Astronomia
  • Marte e l'incredibile strada fotografata in stile degli antichi egizi


    Publish In: Le Prove
  • Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"


    Publish In: Scienza e Futuro

La pelle artificiale superelastica per i futuri robot

SI ILLUMINA e cambia colore se viene sfiorata, è elastica al punto che riesce ad allungarsi fino al 500%, percepisce il tatto e la pressione: è la pelle hi-tech che si ispira al polpo e che in futuro potrebbe rivestire i robot, illuminandosi se il loro contatto con l'uomo non è abbastanza delicato, o rendendoli mimetici all'occorrenza. Descritta sulla rivista Science, è stata realizzata dal gruppo coordinato da Robert Shepherd, dell'americana Cornell University, in collaborazione con l'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) di Genova. 

"Ci siamo ispirati alla pelle del polpo e abbiamo ottenuto un materiale con proprietà tattili e iper-elastico, al punto che può essere deformato del 500% e tornare all'aspetto originario", ha detto Barbara Mazzolai, dell'Iit, che è fra gli autori della ricerca e recentemente è entrata nella classifica internazionale delle donne geniali della robotica insieme a un'altra italiana, Cecilia Laschi, della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. La pelle artificiale, ha proseguito, è un punto di partenza che potrebbe portare a sviluppi imprevedibili. Il primo riguarda la possibilità che i robot del futuro possano avere una pelle come questa, tanto che i ricercatori l'hanno già utilizzata per rivestire un braccio robotico.

"Quando il braccio si piega il materiale si deforma e cambia colore, inoltre risponde alla stimolazione tattile e permette di controllare la pressione", ha spiegato la ricercatrice. La pelle hi-tech che imita quella del polpo è fatta di silicone al suo interno sono 'incastonati' elettrodi di idrogel e particelle di solfuro di zinco, rame e manganese. A seconda della miscela, la pelle brilla di colori diversi: si illumina in blu se prevale il rame  e di giallo se invece domina il manganese. È un altro passo lungo la strada che punta "a rendere i robot sempre più sicuri nell'interazione con l'uomo", ha osservato ancora. Si possono immaginare anche robot mimetici, insieme a nuovi dispositivi biomedici, una nuova generazione di sensori, fino a tessuti 'cangianti' al servizio della moda o di mobili 'sensibili'


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit