Text Size
Sabato, Gennaio 23, 2021
Scienza e Futuro La pelle artificiale superelastica per i futuri robot

Scoperto il codice che consente di archiviare masse imponenti di dati sul DNA

Ventisei secondi del famosissimo discorso di Martin Luther King I have a dream e 154 sonetti di Shakespeare sono stati memorizzati – rispettivamente come file MP3 e come testo ASCII – in un filame...

Energy Catalyzer, il primo reattore a reazione nucleare debole che potrà cambiare il Mondo

Sono diversi anni che si sente parlare della possibilità di ottenere energia da fusione nucleare fredda, le prime segnalazioni non confermate di esperimenti simili risalgono al 1989 ad opera degli sci...

L'arrivo delle antenne quantistiche

Le particelle intrappolate oscillano come gli elettroni nei poli di un'antenna TV, creando campi elettromagnetici che possono essere accoppiati Coppie di antenne in grado di scambiare ...

Il 2012 e le profezie degli antichi egizi

Anche se non tutti lo sanno ma anche gli antichi egizi sembrano avere una profezia che lega il 10.450 a.c con il 2012. Per la verità ci si è sempre chiesto ‘come’ si siano potute costruire delle op...

Trovato un altro ingresso di una base aliena sulla Luna nel Bancroft Crater

Le immagini che vi mostriamo, sono state documentate ed elaborate dal ricercatore UFO Scott Waring, e mostrano il misterioso ingresso di una base aliena sotterranea. L’ingresso della base è ubicat...

La mummia di un alieno di 2000 anni fa del tipo "grigio" ritrovata in Egitto

Il  corpo di un alieno mummificato è stato trovato sepolto perfettamente conservato con cura  in un'antica piramide. Una creatura misteriosa tra i 150 ei 160 centimetri è stata trovata da un arche...

  • Scoperto il codice che consente di archiviare masse imponenti di dati sul DNA


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Energy Catalyzer, il primo reattore a reazione nucleare debole che potrà cambiare il Mondo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'arrivo delle antenne quantistiche


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il 2012 e le profezie degli antichi egizi


    Publish In: Profezie passate e future
  • Trovato un altro ingresso di una base aliena sulla Luna nel Bancroft Crater


    Publish In: Le Prove
  • La mummia di un alieno di 2000 anni fa del tipo "grigio" ritrovata in Egitto


    Publish In: Oopart Archeomisteri

La pelle artificiale superelastica per i futuri robot

SI ILLUMINA e cambia colore se viene sfiorata, è elastica al punto che riesce ad allungarsi fino al 500%, percepisce il tatto e la pressione: è la pelle hi-tech che si ispira al polpo e che in futuro potrebbe rivestire i robot, illuminandosi se il loro contatto con l'uomo non è abbastanza delicato, o rendendoli mimetici all'occorrenza. Descritta sulla rivista Science, è stata realizzata dal gruppo coordinato da Robert Shepherd, dell'americana Cornell University, in collaborazione con l'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) di Genova. 

"Ci siamo ispirati alla pelle del polpo e abbiamo ottenuto un materiale con proprietà tattili e iper-elastico, al punto che può essere deformato del 500% e tornare all'aspetto originario", ha detto Barbara Mazzolai, dell'Iit, che è fra gli autori della ricerca e recentemente è entrata nella classifica internazionale delle donne geniali della robotica insieme a un'altra italiana, Cecilia Laschi, della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. La pelle artificiale, ha proseguito, è un punto di partenza che potrebbe portare a sviluppi imprevedibili. Il primo riguarda la possibilità che i robot del futuro possano avere una pelle come questa, tanto che i ricercatori l'hanno già utilizzata per rivestire un braccio robotico.

"Quando il braccio si piega il materiale si deforma e cambia colore, inoltre risponde alla stimolazione tattile e permette di controllare la pressione", ha spiegato la ricercatrice. La pelle hi-tech che imita quella del polpo è fatta di silicone al suo interno sono 'incastonati' elettrodi di idrogel e particelle di solfuro di zinco, rame e manganese. A seconda della miscela, la pelle brilla di colori diversi: si illumina in blu se prevale il rame  e di giallo se invece domina il manganese. È un altro passo lungo la strada che punta "a rendere i robot sempre più sicuri nell'interazione con l'uomo", ha osservato ancora. Si possono immaginare anche robot mimetici, insieme a nuovi dispositivi biomedici, una nuova generazione di sensori, fino a tessuti 'cangianti' al servizio della moda o di mobili 'sensibili'


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit