Text Size
Lunedì, Agosto 19, 2019
Scienza e Futuro La creazione di organi funzionanti realizzati con la stampante 3D

Il mistero dei bambini verdi di Woolpit, tra leggenda e realtà

The Green Children di Woolpit, una storia fantastica che potrebbe nascondere molte verità, ed essere legata alla esistenza di vita extraterrestre male interpretata in passato dall'ignoranza e l'...

L'Ufo, circondato da energia blu, fotografato durante la missione Gemini nel 1965

Durante la missione Gemini, che mirava a fare il giro della Terra per 120 volte ad un altitudine di 365 km nel 1965, l'operatore di bordo fotografò un Ufo molto peculiare. L' Ufo in questione era ci...

La misteriosa moria di aringhe avvenuta in Norvegia

Oslo (Norvegia), 3 gen. (LaPresse/AP) - Il giorno di capodanno, decine di migliaia di aringhe morte hanno ricoperto la spiaggia di Kvaenes, vicino a Tromsoe, all'estremo nord della Norvegia, oltre...

Thomas Benedict, l'uomo che è tornato dalla morte

Sulle esperienze di premorte ormai si è fatto un quadro generale davvero interessante che unisce tutti i soggetti che ne hanno fatto esperienza, come l'incontro con i familiari deceduti, il tunnel, la...

Il dito umano più antico del pianeta

Un reperto molto interessante è stato ritrovato al di sopra della zona del circolo artico, precisamente nell'isola di Axel Heiberg nell'artico canadese. Il reperto, scovato fra le vecchie collezioni...

Rinvenuta una testa di bronzo a San Francisco di 6000 anni fa con fattezze aliene

E' La più antica statua in bronzo al mondo sinora ritrovata. Una misteriosa testa californiana... Un artefatto di bronzo risalente a oltre 6000 anni fa è stato recentemente scoperto nel Golden ...

  • Il mistero dei bambini verdi di Woolpit, tra leggenda e realtà


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'Ufo, circondato da energia blu, fotografato durante la missione Gemini nel 1965


    Publish In: Le Prove
  • La misteriosa moria di aringhe avvenuta in Norvegia


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Thomas Benedict, l'uomo che è tornato dalla morte


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il dito umano più antico del pianeta


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Rinvenuta una testa di bronzo a San Francisco di 6000 anni fa con fattezze aliene


    Publish In: Oopart Archeomisteri

La creazione di organi funzionanti realizzati con la stampante 3D

Ripristinare la funzionalità di parti del corpo umano danneggiate con tessuti e organi ottenuti in laboratorio con tecniche di bioingegneria. E' lo scopo della medicina rigenerativa, per cui ora si aprono nuove prospettive grazie alla  stampa in 3D, la tecnica nata nel mondo del design per realizzare in tempo reale modelli e prototipi dei progetti. Lo dimostra un nuovo studio apparso su “Nature Biotechnology” a prima firma Hyun-Wook Kang, del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine a Winston-Salem, nel North Carolina, in cui gli autori sono riusciti a “stampare” frammenti cartilagini, ossa e muscoli.

Una volta impiantate in animali di laboratorio, le "stampe" hanno dato vita a tessuti funzionali, sviluppando un sistema di vasi sanguigni. Un dato particolarmente rilevante è che queste strutture hanno dimensioni, resistenza e funzionalità che le renderebbero adatte all'applicazione nell'essere umano.

“Questa innovativa bio-stampante 3D rappresenta un importante passo avanti nella ricerca di 'organi di ricambio', poiché consente di produrre tessuti di qualunque forma”, ha spiegato Anthony Atala, autore dello studio. “Con ulteriori sviluppi, si potrebbero ottenere organi adatti ai trapianti”.

Gli organi per i trapianti? Si stamperanno in 3D

Due risultati della sperimentazione con la stampante 3D di tessuti bioogici: un frammento di osso mandibolare (a sinistra) e un orecchio (Credit: Wake Forest Institute for Regenerative Medicine)La stampa in 3D, per la sua estrema precisione, ha subito attratto l'attenzione dei bioingegneri come metodo promettente per la replicazione di tessuti e organi. Tuttavia, le tecniche di stampa in 3D convenzionali non possono produrre strutture di dimensioni adatte all'impianto nell'organismo umano.

Ma la difficoltà è ora superata dalla nuova tecnica sviluppata dai ricercatori del Wake Forest Institute, denominata ITOP (Integrated Tissue and Organ Printing System). Il dispositivo funziona depositando strati di materiali biodegradabili associati a una struttura temporanea di sostegno e a un gel a base acquosa, in cui sono immerse le cellule che daranno vita ai tessuti.

La chiave per il successo dello studio è stata l'ottimizzazione sia della composizione dei gel che contengono le cellule sia delle dimensioni di pori e canali nei materiali, che devono lasciare passare nutrienti e ossigeno per sostenere la crescita delle cellule e dei vasi sanguigni.

Per dimostrare la possibilità di realizzare tessuti molli, sono stati impiantati muscoli stampati in alcuni ratti di laboratorio. Dopo due settimane, i test hanno confermato che i muscoli bioartificiali sono robusti abbastanza da mantenere nel tempo le caratteristiche strutturali, si vascolarizzano e inducono la formazione dei nervi. A conferma del fatto che la nuova metodica è in grado di produrre strutture ossee delle dimensioni adatte all'impianto negli esseri umani, gli autori hanno realizzato anche un frammento di osso mandibolare utilizzando cellule staminali umane.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit