Text Size
Lunedì, Marzo 01, 2021
Scienza e Futuro La creazione di organi funzionanti realizzati con la stampante 3D

La raccolta video dei misteriosi artefatti e fossili su Marte

“Vi propongo questo video da Youtube risalente allo scorso novembre 2014. E’ un’antologia molto completa che attesta la presenza di forme di vita su Marte e anche di artefatti.  Il video prende s...

Il mistero della mappa del 1531 di Fineus dove è segnalata anche l'Antartide priva di ghiacci

                  Una famosa mappa, considerata da Graham Hancock e altri appassionati di "misteri" la prova che l'Antartide era già conosciuta secoli prima della sua effett...

Usare il suono per spegnere l'incendio. La nuova scoperta della DARPA

La tecnica standard per spegnere un incendio è quella di interrompere le reazioni chimiche coinvolte nella combustione. Tuttavia, dal punto di vista fisico, le fiamme sono plasmi freddi: per questo ...

Scoperta una nana bruna a 27 gradi di temperatura, l'ultima missione della STARDUST e il suono di Saturno

Appena 27 gradi: meno di quanto fanno registrare i nostri termometri nelle calde giornate d'estate. E' la temperatura superficiale di una nana bruna che dista da noi 63 anni luce. Per gli astronomi...

La sonda spaziale Soho filma un Ufo vicino al Sole

Un oggeto incredibile non identificato è stato filmato dalla sonda spaziale Soho vicino al Sole. L'oggetto in questione ad un certo punto si materializza proprio vicino la corona del Sole e si nota,...

Usate le onde gravitazionali per investigare i buchi neri super massicci, l'influenza delle stelle Magnetar sulle Supernovae e la strana onda che infiamma la corona solare

I buchi neri super-massicci, dalla massa di milioni o miliardi di volte quella del nostro Sole, sono corpi bizzarri ma tutt’altro che rari, visto che molte galassie – se non tutte – ne ospitano un...

  • La raccolta video dei misteriosi artefatti e fossili su Marte


    Publish In: Le Prove
  • Il mistero della mappa del 1531 di Fineus dove è segnalata anche l'Antartide priva di ghiacci


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Usare il suono per spegnere l'incendio. La nuova scoperta della DARPA


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Scoperta una nana bruna a 27 gradi di temperatura, l'ultima missione della STARDUST e il suono di Saturno


    Publish In: News Astronomia
  • La sonda spaziale Soho filma un Ufo vicino al Sole


    Publish In: Le Prove
  • Usate le onde gravitazionali per investigare i buchi neri super massicci, l'influenza delle stelle Magnetar sulle Supernovae e la strana onda che infiamma la corona solare


    Publish In: News Astronomia

La creazione di organi funzionanti realizzati con la stampante 3D

Ripristinare la funzionalità di parti del corpo umano danneggiate con tessuti e organi ottenuti in laboratorio con tecniche di bioingegneria. E' lo scopo della medicina rigenerativa, per cui ora si aprono nuove prospettive grazie alla  stampa in 3D, la tecnica nata nel mondo del design per realizzare in tempo reale modelli e prototipi dei progetti. Lo dimostra un nuovo studio apparso su “Nature Biotechnology” a prima firma Hyun-Wook Kang, del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine a Winston-Salem, nel North Carolina, in cui gli autori sono riusciti a “stampare” frammenti cartilagini, ossa e muscoli.

Una volta impiantate in animali di laboratorio, le "stampe" hanno dato vita a tessuti funzionali, sviluppando un sistema di vasi sanguigni. Un dato particolarmente rilevante è che queste strutture hanno dimensioni, resistenza e funzionalità che le renderebbero adatte all'applicazione nell'essere umano.

“Questa innovativa bio-stampante 3D rappresenta un importante passo avanti nella ricerca di 'organi di ricambio', poiché consente di produrre tessuti di qualunque forma”, ha spiegato Anthony Atala, autore dello studio. “Con ulteriori sviluppi, si potrebbero ottenere organi adatti ai trapianti”.

Gli organi per i trapianti? Si stamperanno in 3D

Due risultati della sperimentazione con la stampante 3D di tessuti bioogici: un frammento di osso mandibolare (a sinistra) e un orecchio (Credit: Wake Forest Institute for Regenerative Medicine)La stampa in 3D, per la sua estrema precisione, ha subito attratto l'attenzione dei bioingegneri come metodo promettente per la replicazione di tessuti e organi. Tuttavia, le tecniche di stampa in 3D convenzionali non possono produrre strutture di dimensioni adatte all'impianto nell'organismo umano.

Ma la difficoltà è ora superata dalla nuova tecnica sviluppata dai ricercatori del Wake Forest Institute, denominata ITOP (Integrated Tissue and Organ Printing System). Il dispositivo funziona depositando strati di materiali biodegradabili associati a una struttura temporanea di sostegno e a un gel a base acquosa, in cui sono immerse le cellule che daranno vita ai tessuti.

La chiave per il successo dello studio è stata l'ottimizzazione sia della composizione dei gel che contengono le cellule sia delle dimensioni di pori e canali nei materiali, che devono lasciare passare nutrienti e ossigeno per sostenere la crescita delle cellule e dei vasi sanguigni.

Per dimostrare la possibilità di realizzare tessuti molli, sono stati impiantati muscoli stampati in alcuni ratti di laboratorio. Dopo due settimane, i test hanno confermato che i muscoli bioartificiali sono robusti abbastanza da mantenere nel tempo le caratteristiche strutturali, si vascolarizzano e inducono la formazione dei nervi. A conferma del fatto che la nuova metodica è in grado di produrre strutture ossee delle dimensioni adatte all'impianto negli esseri umani, gli autori hanno realizzato anche un frammento di osso mandibolare utilizzando cellule staminali umane.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit