Text Size
Mercoledì, Giugno 03, 2020
Scienza e Futuro La creazione di organi funzionanti realizzati con la stampante 3D

L'incredibile video della Nasa che riprende un essere alieno nello spazio aperto

Nel seguente incredibile filmato viene ripreso dalle telecamere della NASA della Stazione Spaziale Internazionale una strana entità,simile ad un pesce o ad un invertrebato che sembra attraversare se...

Turritopsis nutricula, la medusa immortale

Fino alla fine dei tempi: è l'unico essere vivente che può definirsi «immortale», nel vero senso della parola. La medusa Turritopsis nutricula è capace di invertire il proprio ciclo biologico e...

Alla ricerca della mitica El Dorado

Da quando è stata scoperta l'America la ricerca di El Dorado non si è mai fermata, ma cosa sappiamo di questa leggendaria città?   L'El Dorado (abbreviazione spagnola di El indio Dorado) è un luogo ...

Il mistero di Waffle Rock, la pietra di 250 milioni di anni fa

È uno dei più grandi enigmi e ancora conosciuti dell’America, e sono molti i motivi per cui la Waffle Rock è considerata un mistero. L’intricata rete di motivi geometrici è talmente regolare ch...

A seconda della forma la velocità della luce cambia e l'alfabeto usato dai nostri neuroni per le future protesi robotiche

Una delle certezze dei fisici è la velocità della luce nel vuoto, pari a quasi 300.000 chilometri al secondo. Deve essere stata una grande soddisfazione, quindi, quella provata da un gruppo di ric...

Il missile americano RBSB e l'Ufo filmati durante il lancio

Uno staro oggetto è stato filmato durante il lancio del missile americano RBSB, avvanuto a Cape Canaveral il 30 agosto 2012. usando un paio di filtri si nota che l'oggetto in questione è molto vicin...

  • L'incredibile video della Nasa che riprende un essere alieno nello spazio aperto


    Publish In: Le Prove
  • Turritopsis nutricula, la medusa immortale


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Alla ricerca della mitica El Dorado


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Il mistero di Waffle Rock, la pietra di 250 milioni di anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • A seconda della forma la velocità della luce cambia e l'alfabeto usato dai nostri neuroni per le future protesi robotiche


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il missile americano RBSB e l'Ufo filmati durante il lancio


    Publish In: Le Prove

La creazione di organi funzionanti realizzati con la stampante 3D

Ripristinare la funzionalità di parti del corpo umano danneggiate con tessuti e organi ottenuti in laboratorio con tecniche di bioingegneria. E' lo scopo della medicina rigenerativa, per cui ora si aprono nuove prospettive grazie alla  stampa in 3D, la tecnica nata nel mondo del design per realizzare in tempo reale modelli e prototipi dei progetti. Lo dimostra un nuovo studio apparso su “Nature Biotechnology” a prima firma Hyun-Wook Kang, del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine a Winston-Salem, nel North Carolina, in cui gli autori sono riusciti a “stampare” frammenti cartilagini, ossa e muscoli.

Una volta impiantate in animali di laboratorio, le "stampe" hanno dato vita a tessuti funzionali, sviluppando un sistema di vasi sanguigni. Un dato particolarmente rilevante è che queste strutture hanno dimensioni, resistenza e funzionalità che le renderebbero adatte all'applicazione nell'essere umano.

“Questa innovativa bio-stampante 3D rappresenta un importante passo avanti nella ricerca di 'organi di ricambio', poiché consente di produrre tessuti di qualunque forma”, ha spiegato Anthony Atala, autore dello studio. “Con ulteriori sviluppi, si potrebbero ottenere organi adatti ai trapianti”.

Gli organi per i trapianti? Si stamperanno in 3D

Due risultati della sperimentazione con la stampante 3D di tessuti bioogici: un frammento di osso mandibolare (a sinistra) e un orecchio (Credit: Wake Forest Institute for Regenerative Medicine)La stampa in 3D, per la sua estrema precisione, ha subito attratto l'attenzione dei bioingegneri come metodo promettente per la replicazione di tessuti e organi. Tuttavia, le tecniche di stampa in 3D convenzionali non possono produrre strutture di dimensioni adatte all'impianto nell'organismo umano.

Ma la difficoltà è ora superata dalla nuova tecnica sviluppata dai ricercatori del Wake Forest Institute, denominata ITOP (Integrated Tissue and Organ Printing System). Il dispositivo funziona depositando strati di materiali biodegradabili associati a una struttura temporanea di sostegno e a un gel a base acquosa, in cui sono immerse le cellule che daranno vita ai tessuti.

La chiave per il successo dello studio è stata l'ottimizzazione sia della composizione dei gel che contengono le cellule sia delle dimensioni di pori e canali nei materiali, che devono lasciare passare nutrienti e ossigeno per sostenere la crescita delle cellule e dei vasi sanguigni.

Per dimostrare la possibilità di realizzare tessuti molli, sono stati impiantati muscoli stampati in alcuni ratti di laboratorio. Dopo due settimane, i test hanno confermato che i muscoli bioartificiali sono robusti abbastanza da mantenere nel tempo le caratteristiche strutturali, si vascolarizzano e inducono la formazione dei nervi. A conferma del fatto che la nuova metodica è in grado di produrre strutture ossee delle dimensioni adatte all'impianto negli esseri umani, gli autori hanno realizzato anche un frammento di osso mandibolare utilizzando cellule staminali umane.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit