Text Size
Giovedì, Novembre 23, 2017
Scienza e Futuro La creazione di organi funzionanti realizzati con la stampante 3D

L'incredibile osservatorio astronomico di 4000 anni fa: Arkaim, la Stonehenge russa

Le pietre circolari del Wiltshire sono diventate famose, conquistandosi il loro posto nella cultura popolare di tutto il mondo. Eppure, con somma sorpresa, ci si sta rendendo sempre più conto ch...

L'Ufo fotografato su Google Earth a Fangliao in Taiwan

Un altro Ufo è stato "trovato" in google earth. L'ufo in questione si trova a queste coordinate di Google Earth 22 20 06.58 N 120 37 28.11 E che si trova a Fangliao in Taiwan. Certo  l'oggeto potreb...

I numerosi avvistamenti sempre più frequenti in Cina

Eventi di UFO e alieni stanno diventando quotidiani in Cina, provocando il panico tra alcuni cittadini e curiosità in altri. In risposta a questa situazione il governo cinese ha preso l'insolita...

Large Hadron Collider

Il Large Hadron Collider (LHC) è un acceleratore di particelle, collaudato presso il CERN di Ginevra, per collisioni tra protoni e ioni pesanti. LHC è l'acceleratore di particelle più grande e potente...

La memoria complessiva dell'umanità

RADIO e televisioni diffondono ogni anno 1,9 zettabyte di informazioni. Cosa vuol dire questa cifra? Che ogni essere umano, neonati inclusi, ha a disposizione un numero di parole equivalente a 1...

L'arrivo delle antenne quantistiche

Le particelle intrappolate oscillano come gli elettroni nei poli di un'antenna TV, creando campi elettromagnetici che possono essere accoppiati Coppie di antenne in grado di scambiare ...

  • L'incredibile osservatorio astronomico di 4000 anni fa: Arkaim, la Stonehenge russa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • L'Ufo fotografato su Google Earth a Fangliao in Taiwan


    Publish In: Le Prove
  • I numerosi avvistamenti sempre più frequenti in Cina


    Publish In: Le Prove
  • Large Hadron Collider


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • La memoria complessiva dell'umanità


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'arrivo delle antenne quantistiche


    Publish In: Scienza e Futuro

La creazione di organi funzionanti realizzati con la stampante 3D

Ripristinare la funzionalità di parti del corpo umano danneggiate con tessuti e organi ottenuti in laboratorio con tecniche di bioingegneria. E' lo scopo della medicina rigenerativa, per cui ora si aprono nuove prospettive grazie alla  stampa in 3D, la tecnica nata nel mondo del design per realizzare in tempo reale modelli e prototipi dei progetti. Lo dimostra un nuovo studio apparso su “Nature Biotechnology” a prima firma Hyun-Wook Kang, del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine a Winston-Salem, nel North Carolina, in cui gli autori sono riusciti a “stampare” frammenti cartilagini, ossa e muscoli.

Una volta impiantate in animali di laboratorio, le "stampe" hanno dato vita a tessuti funzionali, sviluppando un sistema di vasi sanguigni. Un dato particolarmente rilevante è che queste strutture hanno dimensioni, resistenza e funzionalità che le renderebbero adatte all'applicazione nell'essere umano.

“Questa innovativa bio-stampante 3D rappresenta un importante passo avanti nella ricerca di 'organi di ricambio', poiché consente di produrre tessuti di qualunque forma”, ha spiegato Anthony Atala, autore dello studio. “Con ulteriori sviluppi, si potrebbero ottenere organi adatti ai trapianti”.

Gli organi per i trapianti? Si stamperanno in 3D

Due risultati della sperimentazione con la stampante 3D di tessuti bioogici: un frammento di osso mandibolare (a sinistra) e un orecchio (Credit: Wake Forest Institute for Regenerative Medicine)La stampa in 3D, per la sua estrema precisione, ha subito attratto l'attenzione dei bioingegneri come metodo promettente per la replicazione di tessuti e organi. Tuttavia, le tecniche di stampa in 3D convenzionali non possono produrre strutture di dimensioni adatte all'impianto nell'organismo umano.

Ma la difficoltà è ora superata dalla nuova tecnica sviluppata dai ricercatori del Wake Forest Institute, denominata ITOP (Integrated Tissue and Organ Printing System). Il dispositivo funziona depositando strati di materiali biodegradabili associati a una struttura temporanea di sostegno e a un gel a base acquosa, in cui sono immerse le cellule che daranno vita ai tessuti.

La chiave per il successo dello studio è stata l'ottimizzazione sia della composizione dei gel che contengono le cellule sia delle dimensioni di pori e canali nei materiali, che devono lasciare passare nutrienti e ossigeno per sostenere la crescita delle cellule e dei vasi sanguigni.

Per dimostrare la possibilità di realizzare tessuti molli, sono stati impiantati muscoli stampati in alcuni ratti di laboratorio. Dopo due settimane, i test hanno confermato che i muscoli bioartificiali sono robusti abbastanza da mantenere nel tempo le caratteristiche strutturali, si vascolarizzano e inducono la formazione dei nervi. A conferma del fatto che la nuova metodica è in grado di produrre strutture ossee delle dimensioni adatte all'impianto negli esseri umani, gli autori hanno realizzato anche un frammento di osso mandibolare utilizzando cellule staminali umane.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit