Text Size
Giovedì, Giugno 21, 2018
Scienza e Futuro La prima pianta ibridata con un circuito elettronico

Le prove sull'Etna del telescopio CTA, il sistema planetario anomalo e i viaggi spaziali alla portata di tutti

Deserto della Namibia o altipiani delle Ande? Forse meglio il complesso dell’Osservatorio astronomico del Leoncito in Argentina? La scelta del sito che ospiterà la porzione a sud dell’equatore del...

L'esoscheletro parziale da indossare come un paio di stivali

Milioni di anni di bipedismo hanno plasmato lo scheletro umano per raggiungere un’ottima efficienza biomeccanica. Eppure c'è ancora un ampio margine di miglioramento, secondo Steven Collins della Ca...

L'ufo inquadrato dalla Nasa durante la missione STS-48

In questo breve filmato girato nel 1991 durante la missione shuttle STS-48 dalla Nasa c'è celata sullo sfondo una strana sequenza di immagini. In questo caso, il filmato mostra un oggetto non identif...

Le misteriose sorgenti energetiche rilevate dal telescopio spaziale Fermi della Nasa

L’occhio umano è lo strumento per eccellenza dell’astronomia. Senza la sua capacità di percepire la luce, non potremmo ammirare stelle, pianeti e galassie. Tuttavia, gli astronomi non possono ...

Il mistero dei resti archeologici scoperti a Nan Madol (in Micronesia) che mette in difficoltà gli scienziati

Nan Madol è uno straordinario sito archeologico che, insieme a diversi altri sparsi nell'area dell'Oceano Pacifico, costituisce uno dei grandi misteri della storia e un notevole elemento di disturbo...

Il passaggio di Venere davanti al Sole e l'effetto eco a raggi x dei buchi neri

Avete mai visto un pianeta passare davanti al Sole? Qualunque sia la risposta, all’alba del 6 giugno tenetevi pronti. Da quando il Sole sorge sino a quasi le sette del mattino un puntino nero pass...

  • Le prove sull'Etna del telescopio CTA, il sistema planetario anomalo e i viaggi spaziali alla portata di tutti


    Publish In: News Astronomia
  • L'esoscheletro parziale da indossare come un paio di stivali


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'ufo inquadrato dalla Nasa durante la missione STS-48


    Publish In: Le Prove
  • Le misteriose sorgenti energetiche rilevate dal telescopio spaziale Fermi della Nasa


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il mistero dei resti archeologici scoperti a Nan Madol (in Micronesia) che mette in difficoltà gli scienziati


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il passaggio di Venere davanti al Sole e l'effetto eco a raggi x dei buchi neri


    Publish In: News Astronomia

La prima pianta ibridata con un circuito elettronico

Sviluppare sensori che registrano i livelli di ormoni nelle piante e ne controllano la fisiologia, oppure realizzare piante ibride, ovvero con elementi artificiali in grado di convertire in elettricità lo zucchero prodotto nella fotosintesi, o, ancora, alterare i processi biochimici delle piante medicinali per accelerare lo sviluppo di nuovi farmaci.

Sono gli obiettivi dell'integrazione di componenti elettronici nel fusto e nelle foglie di Rosa floribunda, la comune rosa da giardino, descritta su "Science Advances" da Eleni Stavrinidou e colleghi della Linköping University a Norrköping, in Svezia.

Radici, fusto, foglie e sistema vascolare delle piante sono responsabili della produzione di segnali che regolano crescita e funzionalità dell'organismo vegetale. Queste caratteristiche sono analoghe alle interconnessioni tra dispositivi e tra cavi nei circuiti elettronici. Da qui l'idea, nata negli anni novanta, d'integrare circuiti elettronici nelle piante, con l'obiettivo di realizzare dispositivi flessibili, grazie a cui realizzare dispositivi praticamente di qualunque forma voluta. Finora tuttavia la fusione tra circuiti elettronici e funzioni delle piante è stato un compito arduo.

Metà pianta, metà circuito elettronico

Illustrazione dell'integrazione tra la pianta di rosa e i cicuiti elettronici (Credit: Linköping University)

Stavrinidou e colleghi hanno dimostrato il funzionamento di alcuni componenti chiave di un circuito elettronico integrati in una rosa. Gli autori hanno sfruttato il processo naturale usato dalla pianta per assorbire l'acqua attraverso il suo lungo xilema, una struttura che fa parte del suo sistema vascolare, per introdurre all'interno della rosa un polimero conduttore trasparente in soluzione, chiamato PEDOT. È un processo simile a quello che avviene quando si colorano i fiori utilizzando l'assorbimento di acqua colorata.

All'interno dello xilema, il polimero è in grado di auto-organizzarsi, formando un sistema integrato ed elettronicamente attivo, che può condurre elettricità all'interno della pianta e realizzare anche una porta NOR, cioè una delle porte logiche fondamentali per l'elaborazione delle informazioni digitali.

Gli autori sono riusciti a introdurre nella pianta anche un tipo speciale di materiale elettronico che permette di illuminarla e di cambiarne il colore a comando, solo con l'applicazione di una tensione elettrica.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit