Text Size
Lunedì, Marzo 01, 2021
Scienza e Futuro La prima pianta ibridata con un circuito elettronico

La materia di origine biologica sui campioni del meteorite marziano caduto in Marocco,il pericoloso asteroide 2014 KC46 non colpirà la Terra e la necessità dei fermioni di Majorana per costruire il "simulatore universale"

Se Marte sia stato mai ospitale è ancora un mistero. Il rover della NASA Curiosity, che lavora sodo esaminando rocce, praticando fori, e controllando le previsioni, non è il  solo a cercare di ca...

Venere

Venere è uno dei quattro pianeti terrestri del sistema solare, il che significa che, come la Terra, è un corpo roccioso. In dimensioni e massa è molto simile alla Terra, ed è spesso descritta come i...

Il primo hotel spaziale con vista sul pianeta Terra

Se siete stufi delle solite vacanze al mare o in montagna e desiderate allontanarvi per davvero da tutto e da tutti, avete 5 anni di tempo per racimolare un bel gruzzoletto e volare via lontano f...

Konstantin Korotkov, il noto scienziato russo che ha immortalato l'anima umana durante il trapasso

Un noto scienziato russo, con le prove fotografiche sperimentali, asserisce di aver immortalato l'anima umana durante il trapasso. Ma chi era Konstantin Korotkov?   “Konstantin Korotkov è consid...

Il mistero del gioco degli illuminati che pone tanti interrogativi

Qui sopra una immagine della stazione HAARP a Gakona (Alaska) considerata da molti (persino dal presidente del Venezuela Chavez, che non è per questo un nostro beniamino) responsabile dell’innesco d...

Il misterioso segnale registrato a 36 Km dalla Terra

Daniel Bowman, studente dell’università del North Carolina, nel corso di un’esercitazione ha intercettato un misterioso suono a circa 36 chilometri dalla superficie terrestre. «Sembra qualcosa...

  • La materia di origine biologica sui campioni del meteorite marziano caduto in Marocco,il pericoloso asteroide 2014 KC46 non colpirà la Terra e la necessità dei fermioni di Majorana per costruire il "simulatore universale"


    Publish In: News Astronomia
  • Venere


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Il primo hotel spaziale con vista sul pianeta Terra


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Konstantin Korotkov, il noto scienziato russo che ha immortalato l'anima umana durante il trapasso


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il mistero del gioco degli illuminati che pone tanti interrogativi


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il misterioso segnale registrato a 36 Km dalla Terra


    Publish In: Uomini e Misteri

La prima pianta ibridata con un circuito elettronico

Sviluppare sensori che registrano i livelli di ormoni nelle piante e ne controllano la fisiologia, oppure realizzare piante ibride, ovvero con elementi artificiali in grado di convertire in elettricità lo zucchero prodotto nella fotosintesi, o, ancora, alterare i processi biochimici delle piante medicinali per accelerare lo sviluppo di nuovi farmaci.

Sono gli obiettivi dell'integrazione di componenti elettronici nel fusto e nelle foglie di Rosa floribunda, la comune rosa da giardino, descritta su "Science Advances" da Eleni Stavrinidou e colleghi della Linköping University a Norrköping, in Svezia.

Radici, fusto, foglie e sistema vascolare delle piante sono responsabili della produzione di segnali che regolano crescita e funzionalità dell'organismo vegetale. Queste caratteristiche sono analoghe alle interconnessioni tra dispositivi e tra cavi nei circuiti elettronici. Da qui l'idea, nata negli anni novanta, d'integrare circuiti elettronici nelle piante, con l'obiettivo di realizzare dispositivi flessibili, grazie a cui realizzare dispositivi praticamente di qualunque forma voluta. Finora tuttavia la fusione tra circuiti elettronici e funzioni delle piante è stato un compito arduo.

Metà pianta, metà circuito elettronico

Illustrazione dell'integrazione tra la pianta di rosa e i cicuiti elettronici (Credit: Linköping University)

Stavrinidou e colleghi hanno dimostrato il funzionamento di alcuni componenti chiave di un circuito elettronico integrati in una rosa. Gli autori hanno sfruttato il processo naturale usato dalla pianta per assorbire l'acqua attraverso il suo lungo xilema, una struttura che fa parte del suo sistema vascolare, per introdurre all'interno della rosa un polimero conduttore trasparente in soluzione, chiamato PEDOT. È un processo simile a quello che avviene quando si colorano i fiori utilizzando l'assorbimento di acqua colorata.

All'interno dello xilema, il polimero è in grado di auto-organizzarsi, formando un sistema integrato ed elettronicamente attivo, che può condurre elettricità all'interno della pianta e realizzare anche una porta NOR, cioè una delle porte logiche fondamentali per l'elaborazione delle informazioni digitali.

Gli autori sono riusciti a introdurre nella pianta anche un tipo speciale di materiale elettronico che permette di illuminarla e di cambiarne il colore a comando, solo con l'applicazione di una tensione elettrica.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit