Text Size
Giovedì, Dicembre 12, 2019
Scienza e Futuro Il futuro oscuro del nostro Universo

La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili

È una sorta di gioco di specchi astronomico quello utilizzato dai ricercatori del Very Large Telescope per osservare la Terra come se fosse un pianeta alieno. Infatti, la radiazione solare incide su...

Origine del Sistema Solare

L'ipotesi sull'origine del sistema solare che attualmente gode di maggior credito è quella della nebulosa, proposta inizialmente da Immanuel Kant nel 1755 e indipendentemente da Pierre-Simon Laplace. ...

Le enigmatiche tavolette ritrovate a Glozel

In Francia dal 1924 al 1930, nel villaggio di Glozel a sud est di Vichy, sono stati scoperti circa 3000 reperti preistorici, molti dei quali presentano delle misteriose iscrizioni. Si tratta di tav...

Tramite le nuove osservazioni satellitari è stato risolto il mistero della corona solare

Le onde di Alfven sono un centinaio di volte più intense di quanto precedentemente stimato, con ampiezze di 20 chilometri al secondo. Lo strato esterno dell'atmosfera solare, la corona, è 20 vo...

Soddisfazioni italiane e i buchi neri di taglia media

Sei ricercatori, in gran parte italiani, e un’idea vincente: realizzare un grande archivio su web, con dentro i risultati ottenuti dalle simulazioni teoriche sull’evoluzione delle stelle. Che l’archiv...

L'immagine spettacolare della Nebulosa del Gambero, la mappa stellare che dovrà realizzare il satellite Gaia e la quiete al centro degli ammassi di Galassie

A circa 6000 anni luce dalla Terra, nella costellazione dello Scorpione, la nebulosa, nota ufficialmente come IC 4628, è una grande regione ricca di gas e mucchi di polvere oscura. Queste nubi di ...

  • La polarimetria: la nuova tecnica per trovare Pianeti abitabili


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Origine del Sistema Solare


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Le enigmatiche tavolette ritrovate a Glozel


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Tramite le nuove osservazioni satellitari è stato risolto il mistero della corona solare


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Soddisfazioni italiane e i buchi neri di taglia media


    Publish In: News Astronomia
  • L'immagine spettacolare della Nebulosa del Gambero, la mappa stellare che dovrà realizzare il satellite Gaia e la quiete al centro degli ammassi di Galassie


    Publish In: News Astronomia

Il futuro oscuro del nostro Universo

Se il modello standard della fisica delle particelle è corretto, e se la massa del Bosone di Higgs è quella misurata grazie agli esperimenti del Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra, allora l'universo è metastabile: cioè stabile su tempi cosmologici, ma destinato a un inevitabile collasso. È questa la conclusione di un nuovo studio teorico condotto da Vadim A. Bednyakov del Joint Institute for Nuclear Research di Dubna, in Russia, che firma con i colleghi un articolo apparso sulla rivista "Physical Review Letters".

Nella meccanica quantistica, un sistema può trovarsi in uno stato di “vero” vuoto, stabile, che corrisponde alla minima energia globale, oppure in uno stato di vuoto “falso”, che corrisponde al minimo dell'energia solo localmente. Questa situazione può essere immaginata in prima approssimazione come l'analogo delle montagne russe, in cui i punti più elevati sono punti di massimo del potenziale gravitazionale e quelli più bassi come i punti di minimo: una vettura può trovarsi ferma in una piccola “valle”, che è un punto di minimo solo locale dell'energia potenziale gravitazionale. In questo caso, lo stato della vettura è metastabile, perché con una piccola spinta la vettura può finire in una discesa molto ripida.

Il futuro dell'universo è un abisso senza fondo?

Lo stato fondamentale dell'universo dipende dal campo di Higgs: se l'universo si trova neL minimo globale dell'energia – uno stato di vuoto “vero” – allora è stabile. Ma se il minimo è locale ed esiste un minimo più profondo, il vuoto è “falso”: l'universo potrebbe muoversi verso uno stato di vuoto vero con conseguenze catastroficheL'universo nel suo insieme è rimasto nello stato attuale per circa 10 miliardi di anni, ma questo non consente di affermare se è stabile o solo metastabile: se si trova nel suo stato di minima energia globale, il suo futuro non è a rischio, mentre se si trova in un punto di minimo locale, significa che il suo stato potrebbe evolvere, prima o poi, verso un abisso senza fondo, passando per stati in cui la vita è impossibile.

Per azzardare qualche previsione, l'unico modo è fare riferimento alla fisica delle particelle elementari, le cui caratteristiche e il cui comportamento sono strettamente collegati alla storia e al destino dell'universo. Proprio in relazione al problema del vuoto, il campo di Higgs e il bosone omonimo, che può essere pensato come un'increspatura del campo corrispondente, hanno un ruolo privilegiato.

Se si elimina idealmente tutta la materia, lo spazio in realtà non è vuoto, ma riempito in modo uniforme dal campo di Higgs: in questo modo, l'energia è inferiore a quella che si avrebbe se lo spazio fosse effettivamente vuoto. Il campo di Higgs è da immaginare come un “mare” in cui è immerso ogni corpo: la resistenza all'accelerazione che ne deriva è quella che in fisica viene chiamata massa.

Questo è il contesto in cui la massa del bosone di Higgs è decisiva per determinare il destino dell'universo: secondo Bednyakov e colleghi, il suo valore misurato con LHC, insieme con quello del quark top, la particella elementare più massiccia, indica un universo metastabile. I valori dei parametri sono però vicini alla regione di assoluta stabilità, già indicata da precedenti studi. Se solo il valore di questi parametri fosse solo 1,3 deviazioni standard dalla miglior stima attuale, è possibile che l'universo sia assolutamente stabile.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit