Text Size
Sabato, Giugno 23, 2018
Scienza e Futuro L'immortalità sempre più vicina: individuate i tre elementi chiave per "spegnere" l'invecchiamento

Mars One: la missione che porterà l'uomo su Marte nel 2023

Tra undici anni potrebbe essere realtà: un gruppo di professionisti e sognatori ha messo a punto il progetto Mars One che prevede la possibilità di inviare i primi quattro uomini sul Marte nel 202...

Il mistero archeologico nel deserto della Giordania che confonde i ricercatori."Le ruote i pietra"

Nel marzo del 2006, mentre sorvola i campi di lava nera vicino l’oasi di Azraq in Giordania, il satellite QuickBird fotografa una serie di rozze sagome a forma di ruota. Le dimensioni di queste ...

La retroingegneria aliena è davvero un vantaggio per l'umanità?

Ormai tutti hanno sentito parlare dei vari casi di complotto americani riguardanti il tenere nascosto le tecnologie aliene, anche veri e propri dischi volanti funzionanti, che riescono a raccogli...

Lo scontro galattico immortalato da Hubble, i proiettili di dimensioni planetarie scagliati da un buco nero e lo studio dei pesci per i problemi legati lla microgravità

Solo lo spazio profondo può offrirci delle immagini così mozzafiato, come questa “macchia” luminosa a oltre un miliardo di anni luce di distanza da noi. Si tratta di IRAS 14348-1447, il risultato...

Lo strano caso degli Ufo delle Berwyn Mountains

Ogni volta che Huw Lloyd passeggia sulle colline che circondano la sua casa colonica situata nel nord del Galles i pensieri lo riconducono inevitabilmente ad una notte di 40 anni fa e ad un mistero ...

Il raggio laser che cercò di abbattere un Ufo ripreso in videodalla Macquarie Island, Antartide

Era il16 Aprile 2016 quando uno Skywatcher tedesco, mentre guardava il live feed (video diretta) dalla ISS, osservò un UFO che era al di fuori dell’atmosfera terrestre e visibile quindi dalla Stazi...

  • Mars One: la missione che porterà l'uomo su Marte nel 2023


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il mistero archeologico nel deserto della Giordania che confonde i ricercatori."Le ruote i pietra"


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La retroingegneria aliena è davvero un vantaggio per l'umanità?


    Publish In: La Nostra Storia
  • Lo scontro galattico immortalato da Hubble, i proiettili di dimensioni planetarie scagliati da un buco nero e lo studio dei pesci per i problemi legati lla microgravità


    Publish In: News Astronomia
  • Lo strano caso degli Ufo delle Berwyn Mountains


    Publish In: Le Prove
  • Il raggio laser che cercò di abbattere un Ufo ripreso in videodalla Macquarie Island, Antartide


    Publish In: Le Prove

L'immortalità sempre più vicina: individuate i tre elementi chiave per "spegnere" l'invecchiamento


ROMA - Se in natura vi sono animali che invecchiano pochissimo e vivono molto più a lungo dell'uomo, la causa sta nella stabilità delle reti genetiche, cioè tutta la catena di azioni regolata dai geni che determina il comportamento delle cellule, e nella loro resistenza allo stress. E' questa la conclusione dello studio, pubblicato sulla rivista Scientific reports, che fornisce una spiegazione matematica della diversa longevità nel regno animale, indicando in tre parametri gli elementi chiave su cui intervenire per "spegnere" l'invecchiamento: una rete di connessioni genetiche efficaci, la grandezza del genoma (cioè tutto il materiale genetico di un organismo) e un efficiente sistema di riparazione dei danni al Dna.

Una conclusione cui gli studiosi, coordinati dall'azienda biotech Gero in collaborazione con uno dei massimi esperti del campo, Robert Shmookler Reis, sono arrivati utilizzando un modello matematico del normale invecchiamento e partendo dalla constatazione che alcuni animali, come la talpa nuda o un particolare riccio di mare, non mostrano quasi segni di invecchiamento.

Studiando la stabilità della rete genetica con diverse equazioni matematiche, i ricercatori hanno scoperto che nelle normali circostanze in cui si vive, le reti genetiche sono naturalmente instabili. Nel tempo accumulano tante anomalie che a loro volta causano una minore e progressiva resistenza allo stress e un aumento della mortalità con l'avanzare degli anni.
Gli animali che invecchiano poco non solo hanno reti genetiche più stabili, ma anche più resistenti allo stress.

Ciò dimostra che esistono due diverse dinamiche di invecchiamento, regolate da questi tre parametri e dalla stabilità delle reti genetiche. Se il tasso di riparazione è alto o le connessioni della rete genetica abbastanza basse, allora la rete di comando rimane stabile e la mortalità indipendente dal tempo trascorso, allo stesso modo in cui avviene negli animali che non invecchiano. Se il sistema di riparazione invece non è abbastanza efficiente, allora le reti genetiche diventano instabili, e iniziano ad accumularsi errori nella regolazione del genoma, con un processo che porta ad un invecchiamento rapido e un aumento di mortalità.

Negli esseri umani e molte altre specie il tasso di mortalità aumenta con l'età. Le funzioni riproduttive, rigenerative e di resistenza allo stress si riducono con il passare degli anni. Secondo il modello sviluppato nello studio, la durata della vita può quindi essere aumentata "ritoccando" o "violando" uno di questi tre parametri. Per i ricercatori bisogna approfondire il legame tra la stabilità della rete genetica e l'invecchiamento per aprire la strada a nuove terapie per le malattie legate all'età.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit