Text Size
Domenica, Luglio 05, 2020
Scienza e Futuro L'esoscheletro parziale da indossare come un paio di stivali

Nuova disclosure della Cia sugli Ufo. Rilasciati oltre 1000 files

ROMA – In contemporanea del ritorno televisivo di X-Files, la CIA ha deciso di rilasciare documenti fino ad oggi top secret che presentano oltre 1000 casi “non convenzionali” relativi a UFO, alieni...

Gli ultimi successi della Spacex, i problemi tecnici spaziali dell'India, la sonda Stardust torna operativa e news dell'astronauta Nespoli

SPACEX FA SUL SERIO Importante risultato per la compagnia spaziale privata SpaceX: lo scorso 8 dicembre è riuscita a mandare in orbita una delle sue capsule Dragon e a farla poi ridiscendere con un ...

Le antiche statuette di Acambaro che pongono tanti interrogativi

L'autenticità dei ritrovamenti di Julsrud fu messa in discussione in quanto l'enorme collezione includeva dei dinosauri; la maggior parte degli archeologi ritiene che i dinosauri siano estinti da 65 m...

Viaggiare nel Tempo è possibile? Secondo la scienza sì, ecco le prove

L’uomo riuscirà mai a viaggiare attraverso il tempo? La maggior parte delle persone risponderebbe con un secco no, eppure, secondo diverse teorie, il viaggio potrebbe esser intrapreso al verifica...

Come sarà il futuro? Tra robot, spazio e biotecnologie la scienza risponde

Che ne sarà di noi? Come esseri umani, abbiamo cambiato il pianeta Terra e stiamo trasformando la nostra stessa specie, siamo consapevoli del potere che scienza e tecnologia ci hanno dato, ma anc...

La prova che in passato siamo stati visitati dagli alieni. L'antica città di Ollantaytambo

Ollantaytambo è un sito archeologico Inca che si trova nel Parù meridionale, nella regione di Cusco, ad un’altitudine di 2792 metri sopra il livello del mare. Le rovine dell’antica città giacc...

  • Nuova disclosure della Cia sugli Ufo. Rilasciati oltre 1000 files


    Publish In: La Nostra Storia
  • Gli ultimi successi della Spacex, i problemi tecnici spaziali dell'India, la sonda Stardust torna operativa e news dell'astronauta Nespoli


    Publish In: News Astronomia
  • Le antiche statuette di Acambaro che pongono tanti interrogativi


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Viaggiare nel Tempo è possibile? Secondo la scienza sì, ecco le prove


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Come sarà il futuro? Tra robot, spazio e biotecnologie la scienza risponde


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La prova che in passato siamo stati visitati dagli alieni. L'antica città di Ollantaytambo


    Publish In: Oopart Archeomisteri

L'esoscheletro parziale da indossare come un paio di stivali

Milioni di anni di bipedismo hanno plasmato lo scheletro umano per raggiungere un’ottima efficienza biomeccanica. Eppure c'è ancora un ampio margine di miglioramento, secondo Steven Collins della Carnegie Mellon University a Pittsbourgh e colleghi dell’Università del North Carolina a Chapel Hill, che hanno realizzato un esoscheletro da indossare come un paio di stivali, che consente di ridurre l’energia spesa durante la locomozione del 7 per cento.

Gli "stivali" meccanici che facilitano la camminata

Il nuovo esoscheletro in una fase dei test

Si tratta di un risparmio apparentemente modesto, ma va paragonato a quello di analoghi dispositivi che funzionano con una fonte di energia esterna. Il prototipo di Collins e colleghi, descritto in un articolo su "Nature", invece si basa esclusivamente su forze elastiche, immagazzinando grazie a una serie di molle parte dell’energia comunicata dal movimento del corpo, in particolare del polpaccio, e restituendola al momento opportuno, assecondando la spinta del piede.

“L’idea di partenza era che invece di aggiungere una nuova fonte di energia per aiutare la camminata avremmo potuto costruire un esoscheletro che semplicemente rendesse l'apparato biomeccanico della camminata più efficiente dal punto di vista energetico”, ha spiegato Collins.

Gli "stivali" meccanici che facilitano la camminata

Test del nuovo esoscheletro su tapis roulant

Il risultato è un calo netto del metabolismo muscolare, cioè dell’energia richiesta all’organismo per produrre il movimento.  “Per i primi 10 minuti di utilizzo, la sensazione è che il movimento sia più viscoso, ma poi non si avverte più nulla: è come se l’esoscheletro venisse integrato dal corpo,”, ha sottolineato Gregory S. Sawicki, coautore dello studio. “Quando lo si toglie poi si capisce quanto il sistema elastico dell’esoscheletro aiuti la spinta durante la camminata”.

Una volta terminata la fase di sviluppo del dispositivo, il nuovo esoscheletro potrà avere diverse applicazioni, per esempio come protesi per aiutare la deambulazione in persone colpite da una paralisi parziale.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit