Text Size
Giovedì, Dicembre 12, 2019
Scienza e Futuro L'esoscheletro parziale da indossare come un paio di stivali

Il perchè della differenza tra Venere e la Terra, l'asteroide 1998 qe2 e l'astronauta italiano nello spazio Luca Parmitano

Perchè la Terra è un paradiso e Venere un inferno? E’un dilemma per chi studia i pianeti ma forse siamo vicini alla soluzione. Venere è il pianeta che precede la Terra. E’ grande quasi come la Ter...

Come diventare invisibili in modo economico

John Howell, professore di Fisica presso l'Università di Rochester (USA), ha ideato un congegno per rendere 'invisibili' persone e oggetti di grandi dimensioni. E' composto da tre dispositivi di ...

La batteria di Baghdad:l'uomo conosceva l'energia elettrica già 2000 anni fa

Con il termine Batteria di Baghdad si indica un manufatto creato durante la dinastia dei Parti (150 a.C.–226 d.C.), in Persia, e probabilmente scoperto nel 1936 vicino al villaggio di Khujut Rabu, pre...

Per il 2012? Mi costruisco il bunker

L'ansia per la fine del mondo può diventare un vero business. Un gruppo di circa settanta italiani, la cui identità resta misteriosa, come riporta il quotidiano La Stampa, ha costruito una cittadi...

Il panificio tecnologico che usa la tecnologia NanoBak

C'è un nuovo ingrediente nell'antica ricetta per preparare il pane a Emden, in Germania. Il sistema NanoBak permette alla famiglia Sikken di ridurre i costi legati all'energia durante la produzione,...

Nikola Tesla ed i segnali radio alieni

Secondo Tesla, sulla Terra vivono da millenni creature di un altro pianeta; infiltrate tra noi, controllerebbero eventi e persone per guidare secondo un piano preciso l'evoluzione dell'umanità. S...

  • Il perchè della differenza tra Venere e la Terra, l'asteroide 1998 qe2 e l'astronauta italiano nello spazio Luca Parmitano


    Publish In: News Astronomia
  • Come diventare invisibili in modo economico


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La batteria di Baghdad:l'uomo conosceva l'energia elettrica già 2000 anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Per il 2012? Mi costruisco il bunker


    Publish In: Preparativi 2012
  • Il panificio tecnologico che usa la tecnologia NanoBak


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Nikola Tesla ed i segnali radio alieni


    Publish In: Le Prove

L'esoscheletro parziale da indossare come un paio di stivali

Milioni di anni di bipedismo hanno plasmato lo scheletro umano per raggiungere un’ottima efficienza biomeccanica. Eppure c'è ancora un ampio margine di miglioramento, secondo Steven Collins della Carnegie Mellon University a Pittsbourgh e colleghi dell’Università del North Carolina a Chapel Hill, che hanno realizzato un esoscheletro da indossare come un paio di stivali, che consente di ridurre l’energia spesa durante la locomozione del 7 per cento.

Gli "stivali" meccanici che facilitano la camminata

Il nuovo esoscheletro in una fase dei test

Si tratta di un risparmio apparentemente modesto, ma va paragonato a quello di analoghi dispositivi che funzionano con una fonte di energia esterna. Il prototipo di Collins e colleghi, descritto in un articolo su "Nature", invece si basa esclusivamente su forze elastiche, immagazzinando grazie a una serie di molle parte dell’energia comunicata dal movimento del corpo, in particolare del polpaccio, e restituendola al momento opportuno, assecondando la spinta del piede.

“L’idea di partenza era che invece di aggiungere una nuova fonte di energia per aiutare la camminata avremmo potuto costruire un esoscheletro che semplicemente rendesse l'apparato biomeccanico della camminata più efficiente dal punto di vista energetico”, ha spiegato Collins.

Gli "stivali" meccanici che facilitano la camminata

Test del nuovo esoscheletro su tapis roulant

Il risultato è un calo netto del metabolismo muscolare, cioè dell’energia richiesta all’organismo per produrre il movimento.  “Per i primi 10 minuti di utilizzo, la sensazione è che il movimento sia più viscoso, ma poi non si avverte più nulla: è come se l’esoscheletro venisse integrato dal corpo,”, ha sottolineato Gregory S. Sawicki, coautore dello studio. “Quando lo si toglie poi si capisce quanto il sistema elastico dell’esoscheletro aiuti la spinta durante la camminata”.

Una volta terminata la fase di sviluppo del dispositivo, il nuovo esoscheletro potrà avere diverse applicazioni, per esempio come protesi per aiutare la deambulazione in persone colpite da una paralisi parziale.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit