Text Size
Giovedì, Novembre 23, 2017
Scienza e Futuro L' incredibile resistenza del DNA alle dure condizioni del volo spaziale

Rinvenuta una testa di bronzo a San Francisco di 6000 anni fa con fattezze aliene

E' La più antica statua in bronzo al mondo sinora ritrovata. Una misteriosa testa californiana... Un artefatto di bronzo risalente a oltre 6000 anni fa è stato recentemente scoperto nel Golden ...

La fine di Betelgeuse e il 2012, quando la Terra verrà illuminata per alcuni giorni da due Soli

Il cosmo da spettacolo. Betelgeuse, una delle stelle più brillanti del firmamento che si trova nella costellazione di Orione potrebbe presto esplodere, regalandoci l’effetto di un secondo sole pr...

La scienza cerca di spiegare le sfere di luce

Già dalla seconda guerra mondiale, la razza umana è venuta a conoscenza diretta del fenomeno misterioso delle sfere di luce (clicca qui per capire cosa sono), tramite le testimonianze video e fotogr...

Trovato un tunnel segreto a Teotihuacan

Nel sito archeologico di Teotihuacan un gruppo di archeologi ha scoperto un tunnel che potrebbe rivelare molti indizi su una delle più importanti civiltà antiche della regione. La prima indicaz...

Quelle fotocelle che si assemblano sa sole

Le piante com’è noto sono un ottimo modello dei “dispositivi” di conversione dell’energia luminosa, non solo il termini di efficienza ma anche di affidabilità.Ora, dopo decenni di rice...

L'apprendimento durante il sonno? E' possibile secondo la scienza

Il sonno non consente soltanto di consolidare i ricordi di eventi vissuti durante la veglia, sma anche di formare nuove associazioni tra sensazioni acquisite con  organi di senso diversi: è questa...

  • Rinvenuta una testa di bronzo a San Francisco di 6000 anni fa con fattezze aliene


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La fine di Betelgeuse e il 2012, quando la Terra verrà illuminata per alcuni giorni da due Soli


    Publish In: Profezie passate e future
  • La scienza cerca di spiegare le sfere di luce


    Publish In: Le Prove
  • Trovato un tunnel segreto a Teotihuacan


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Quelle fotocelle che si assemblano sa sole


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'apprendimento durante il sonno? E' possibile secondo la scienza


    Publish In: Scienza e Futuro

L' incredibile resistenza del DNA alle dure condizioni del volo spaziale

La presenza di DNA in campioni provenienti dallo spazio è un indicatore prezioso per chi deve stabilire la presenza di forme di vita extrarrestre. Ma potrebbe resistere alle sollecitazioni di un viaggio spaziale, se per esempio fosse riportato sulla Terra all'interno di un campione?

È difficile dare una risposta esauriente in termini generali, ma un test condotto da Cora Thiel e Oliver Ullrich e colleghi dell'Università di Zurigo, in Svizzera, illustrato sulla rivista PLOS ONE, ha fornito preziose informazioni: un frammento di DNA posto sulla superficie di un razzo sonda è in grado di resistere al lancio, alla permanenza nello spazio e al rientro in atmosfera, mantenendo in buona percentuale la sua funzione di supporto dell'informazione genetica.

La resistenza del DNA al volo spaziale

Il lancio del razzo suborbitale TEXUS-51, con cui sono stati condotti i test

Gli autori hanno applicato tre diversi campioni di materiale genetico alla superficie esterna del razzo TEXUS-49, lanciato nel marzo 2011 dalla base spaziale di ESRANGE (European Space and Sounding Rocket Range) di Kiruna, in Svezia, con lo scopo di testare le catatteristiche e il comportamento di materiali, sostanze chimiche e campioni biologici in condizioni di microgravità. I campioni erano costituiti da plasmidi, filamenti di DNA a doppia elica che si trovano nelle cellule batteriche, diversi dal materiale genetico contenuto nei cromosomi, e da gruppi di geni batterici chiamati cassette geniche, che spesso contengono geni di resistenza agli antibiotici.

Si è trattato di un volo suborbitale che ha raggiunto la quota di 268 chilometri ed è durato circa 13 minuti. Le analisi condotte immediatamente dopo il rientro hanno rivelato che il DNA sopravvive a notevoli sbalzi di temperatura, con picchi che arrivano fino a 1000 °C. Inoltre, si è riusciti a recuperare il DNA da tutti i punti in cui era stato applicato al razzo, con percentuali variabili fino a un massimo del 53 per cento nei punti più protetti, come le scanalature o le teste delle viti. Inoltre, il 35 per cento del DNA ha dimostrato di aver conservato la sua funzione biologica.

“L'esperimento era stato progettato come test per la stabilità dei biomarker durante i voli spaziali e il rientro: in realtà non ci aspettavamo di recuperare una quantità così ingente di DNA ancora intatto e funzionale”, ha spiegato Thiel. “Non è un problema che riguarda solo i voli dallo spazio verso la Terra, ma anche per quelli dalla Terra verso lo spazio: i risultati devono mettere in guardia sulla possibilità di contaminazione delle sonde spaziali, dei lander e siti di atterraggio con DNA di origine terrestre”.

Al di là dei risultati ottenuti, secondo gli autori questo disegno sperimentale  può rappresentare un banco di prova universale e affidabile per testare la stabilità del DNA durante il transito in atmosfera e il rientro, ma anche un modello per testare altri potenziali biomarker per la vita extraterrestre come gli acidi nucleici.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit