Text Size
Domenica, Gennaio 21, 2018
Scienza e Futuro Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"

La nuova tecnologia che allungherà la durata della batteria dello smartphone

La ricerca spasmodica di una spina per attaccare il telefono potrebbe finire se il progetto del professor You-jip Won dovesse funzionare: si chiama WALDIO (Write Ahead Logging Direct IO) ed è una t...

Profezia Meteorite

Diverse profezie vedono nel 21 Dicembre 2012 la fine del mondo a causa di un meteorite. Ma cosa succederebbe se davvero un meteorite dovesse colpire il nostro bellissimo pianeta? Nel video di seguito ...

Gli avvistamenti Ufo ripresi dalla Nasa nel 2012

Anche durante quest'ultimo anno la Nasa, durante le varie missioni spaziali, è stata testimone involontaria di alcuni avvistamenti Ufo immortalati inconfutabilmente nei suoi video e foto. La Nasa no...

Il misterioso morbo di Morgellons, quando la pelle produce strane fibre

Sembra una storia uscita dai nostri peggiori incubi, eppure è vera, e sta facendo ammattire i ricercatori in tutto il mondo, alle prese con un morbo tanto sconosciuto, quanto inquietante.Si tratta...

Il geode di Coso, il manufatto impossibile di 500.000 anni fa

Uno degli oggetti "impossibili", che sono stati trovati dove non avrebbero dovuto essere è il famoso  geode ritrovato nei pressi di olancha, in California, nelle montagne di Coso, il 13 febbraio 1961,...

La misteriosa struttura fotografata su Marte e presente anche sulla Terra

In questi giorni Marte continua a far parlare di sè, infatti dopo l'apparizione della misteriosa pietra fotografata, ecco spuntare subito un nuovo enigma. Il fatto riguarda un immagine scattata dai ...

  • La nuova tecnologia che allungherà la durata della batteria dello smartphone


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Profezia Meteorite


    Publish In: Profezie passate e future
  • Gli avvistamenti Ufo ripresi dalla Nasa nel 2012


    Publish In: Le Prove
  • Il misterioso morbo di Morgellons, quando la pelle produce strane fibre


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il geode di Coso, il manufatto impossibile di 500.000 anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La misteriosa struttura fotografata su Marte e presente anche sulla Terra


    Publish In: Le Prove

Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"

Il movimento delle zampe posteriori di ratti paralizzati può essere ripristinato con una serie di impulsi elettrici trasmessi tramite elettrodi al sistema nervoso degli animali:lo ha dimostrato uno studio condotto nell'ambito del progetto europeo NEUWalk, che riunisce una serie di ricerche sulle tecniche di riabilitazione dei danni neurologici.

Illustrato sulla rivista “Science Translational Medicine” da una collaborazione internazionale di cui fanno parte la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e il Politecnico di Losanna, in Svizzera, lo studio è un primo passo verso la realizzazione di neuroprotesi in grado di ripristinare almeno in parte la trasmissione di impulsi nel midollo spinale daneggiato.

Gli autori hanno studiato ratti in cui il midollo spinale era completamente reciso a livello del tronco: gli animali erano quindi paralizzati nei movimenti delle parti del corpo a valle del danno che impediva il passaggio degli impulsi nervosi.

Verso lo sviluppo di neuroprotesi elettriche "intelligenti"

Uno dei ratti protesizzati usati nello studio: la cattura del movimento delle zampe, evidenziata dagli schemi in rosso, ha permesso di ripristinare una deambulazione naturale

Impiantando chirurgicamente una serie di elettrodi flessibili proprio in corrispondenza del danno spinale, i ricercatori hanno verificato la risposta delle zampe posteriori, quelle paralizzate, a diversi schemi di impulsi nervosi. Sono così riusciti a stabilire che l'altezza a cui veniva sollevata la zampa era direttamente proporzionale alla frequenza del segnale trasmesso.

Questi dati sono poi stati combinati con quelli relativi agli schemi di movimento delle zampe durante la camminata in animali sani, fino a definire esattamente con quanto anticipo occorreva trasmettere l'impulso per permettere al ratto non solo di camminare, ma anche superare ostacoli e salire una scala. Nei test, i roditori protesizzati sono riusciti a compiere fino a 1000 passi senza errori.

“Siamo riusciti ad avere il controllo completo delle zampe posteriori del ratto”, ha sottolineato Grégoire Courtine, che ha partecipato allo studio. “Il ratto non ha più il controllo volontario delle zampe, ma il midollo spinale lesionato può essere riattivato, fino a produrre, con un opportuno schema di stimolazioni elettriche, una deambulazione naturale: possiamo determinare in tempo reale se l'animale si deve muovere in avanti e di quanto deve sollevare le zampe”.

L'obiettivo a lungo termine è arrivare alle applicazioni sull'uomo, in prima battuta su pazienti che hanno subito un danno spinale non completo: in questi casi la neuroprotesi dovrebbe offrire una “assistenza intelligente” e adattativa, fornendo la stimolazione elettrica di volta in volta necessaria al movimento. La sperimentazione dovrebbe iniziare la prossima estate presso il Centro di Neuroprotesi del Politecnico di Losanna.

“Semplici scoperte sul funzionamento del sistema nervoso possono essere sfruttate per sviluppare tecnologie neuroprotesiche efficaci”, ha spiegato Silvestro Micera, ricercatore del Sant'Anna e coautore dello studio. “Riteniamo che questa tecnologia un giorno possa migliorare la qualità della vita delle persone colpite da disturbi neurologici”.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit