Text Size
Giovedì, Settembre 21, 2017
Scienza e Futuro Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"

Le antiche e misteriose grotte di Mustang costruite a diversi metri da terra da antichi popoli in Nepal

Nascoste tra le cime dell’Himalaya, esiste un luogo con circa 10 mila grotte artificiali scavate nella roccia viva a circa 60 metri d’altezza, in una gola così grande da superare di gran lunga il ...

La prova che in passato siamo stati visitati dagli alieni. L'antica città di Ollantaytambo

Ollantaytambo è un sito archeologico Inca che si trova nel Parù meridionale, nella regione di Cusco, ad un’altitudine di 2792 metri sopra il livello del mare. Le rovine dell’antica città giacc...

Invertiti i processi di invecchiamento, primi passi verso l'immortalità

Per la prima volta un gruppo di ricercatori del Dana-Farber Cancer Institute è riuscito a invertire parzialmente, in un gruppo di topi, i danni degenerativi correlati all'età, osservando u...

La legge che prevede l'andatura dell'evoluzione tecnologica

Fare previsioni è difficile soprattutto se riguardano il futuro, pare abbia detto una volta Niels Bohr. Eppure sembra che il futuro di una qualunque tecnologia segua, almeno con una certa appross...

Dalla collaborazione OPERA CERN-INFN arriva la prima conferma sui neutrini che viaggiano più veloci della luce

I neutrini vìolano effettivamente il limite, finora ritenuto assoluto, della velocità della luce? La notizia del risultato dell’esperimento CERN-Laboratori INFN del Gran Sasso ha fatto il giro del m...

L'enigma irrisolto del popolo più avanzato del X sec AC: il popolo Nok

Nok è il nome di un piccolo villaggio al centro della Nigeria, dove nel 1928 un gruppo di minatori portò alla luce una serie di reperti in terracotta, testimonianza di un’antica civiltà perduta. ...

  • Le antiche e misteriose grotte di Mustang costruite a diversi metri da terra da antichi popoli in Nepal


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La prova che in passato siamo stati visitati dagli alieni. L'antica città di Ollantaytambo


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Invertiti i processi di invecchiamento, primi passi verso l'immortalità


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La legge che prevede l'andatura dell'evoluzione tecnologica


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Dalla collaborazione OPERA CERN-INFN arriva la prima conferma sui neutrini che viaggiano più veloci della luce


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'enigma irrisolto del popolo più avanzato del X sec AC: il popolo Nok


    Publish In: Civiltà Misteriose

Gli ottimi risultati delle neuroprotesi elettriche "intelligenti"

Il movimento delle zampe posteriori di ratti paralizzati può essere ripristinato con una serie di impulsi elettrici trasmessi tramite elettrodi al sistema nervoso degli animali:lo ha dimostrato uno studio condotto nell'ambito del progetto europeo NEUWalk, che riunisce una serie di ricerche sulle tecniche di riabilitazione dei danni neurologici.

Illustrato sulla rivista “Science Translational Medicine” da una collaborazione internazionale di cui fanno parte la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e il Politecnico di Losanna, in Svizzera, lo studio è un primo passo verso la realizzazione di neuroprotesi in grado di ripristinare almeno in parte la trasmissione di impulsi nel midollo spinale daneggiato.

Gli autori hanno studiato ratti in cui il midollo spinale era completamente reciso a livello del tronco: gli animali erano quindi paralizzati nei movimenti delle parti del corpo a valle del danno che impediva il passaggio degli impulsi nervosi.

Verso lo sviluppo di neuroprotesi elettriche "intelligenti"

Uno dei ratti protesizzati usati nello studio: la cattura del movimento delle zampe, evidenziata dagli schemi in rosso, ha permesso di ripristinare una deambulazione naturale

Impiantando chirurgicamente una serie di elettrodi flessibili proprio in corrispondenza del danno spinale, i ricercatori hanno verificato la risposta delle zampe posteriori, quelle paralizzate, a diversi schemi di impulsi nervosi. Sono così riusciti a stabilire che l'altezza a cui veniva sollevata la zampa era direttamente proporzionale alla frequenza del segnale trasmesso.

Questi dati sono poi stati combinati con quelli relativi agli schemi di movimento delle zampe durante la camminata in animali sani, fino a definire esattamente con quanto anticipo occorreva trasmettere l'impulso per permettere al ratto non solo di camminare, ma anche superare ostacoli e salire una scala. Nei test, i roditori protesizzati sono riusciti a compiere fino a 1000 passi senza errori.

“Siamo riusciti ad avere il controllo completo delle zampe posteriori del ratto”, ha sottolineato Grégoire Courtine, che ha partecipato allo studio. “Il ratto non ha più il controllo volontario delle zampe, ma il midollo spinale lesionato può essere riattivato, fino a produrre, con un opportuno schema di stimolazioni elettriche, una deambulazione naturale: possiamo determinare in tempo reale se l'animale si deve muovere in avanti e di quanto deve sollevare le zampe”.

L'obiettivo a lungo termine è arrivare alle applicazioni sull'uomo, in prima battuta su pazienti che hanno subito un danno spinale non completo: in questi casi la neuroprotesi dovrebbe offrire una “assistenza intelligente” e adattativa, fornendo la stimolazione elettrica di volta in volta necessaria al movimento. La sperimentazione dovrebbe iniziare la prossima estate presso il Centro di Neuroprotesi del Politecnico di Losanna.

“Semplici scoperte sul funzionamento del sistema nervoso possono essere sfruttate per sviluppare tecnologie neuroprotesiche efficaci”, ha spiegato Silvestro Micera, ricercatore del Sant'Anna e coautore dello studio. “Riteniamo che questa tecnologia un giorno possa migliorare la qualità della vita delle persone colpite da disturbi neurologici”.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
www.prestitionline.it
jeux gratuit