Text Size
Lunedì, Giugno 24, 2019
Scienza e Futuro La scienza dimostra che anche quando dormiamo il cervello può eseguire compiti complessi

Le "piramidi" fotografate sul pianeta nano Ceres dalla sonda Alba e sulla cometa 67p dalla sonda Rosetta

L’immagine che vi mostriamo oggi, sta facendo il giro del web e riguarda una anomalia molto curiosa registrata sul pianeta nano Cerere (o Ceres). Di cosa si tratta? Le ult...

Un Ufo è stato filmato durante una partita di Football

La passione per immortalare qualsiasi nostro evento quotidiano ormai ci ha abituato ad andare in giro sempre con videocamere e/o macchina fotografiche pronti ad immortalare ogni fatto rilevant...

Una scultura di 3000 anni fa di un alieno

Il fenomeno UFO è esploso in Cina, è l’argomento preferito di tutta la popolazione. Dopo gli ultimi avvistamenti di probabili Ufo, addirittura uno  ultimamente sarebbe fuggito inseguito dai Jet mi...

La più piccola memoria mai realizzata? E' di soli 12 atomi

Utilizza solo 12 atomi per bit e comprime un intero byte (8 bit) in soli 96 atomi: queste le strabilianti caratteristiche della più piccola unità magnetica di immagazzinamento dati mai realizzata, f...

Mercurio

Mercurio è il primo pianeta del sistema solare in ordine di distanza dal Sole e il più piccolo in dimensioni. Si tratta di un pianeta terrestre di dimensioni modeste, con un diametro inferiore alla ...

Gavrinis, il mistero dei tumuli risalenti al neolitico (3500 a.c.) con messaggi in matematica avanzata

Siamo in Bretagna, golfo di Morbihan una zona molto ricca di menhir. Due isolette circondate da correnti impetuose: Er Lannic e Gavrinis. Qui, in cima ad una collinetta, la madre di tutti i ...

  • Le "piramidi" fotografate sul pianeta nano Ceres dalla sonda Alba e sulla cometa 67p dalla sonda Rosetta


    Publish In: Le Prove
  • Un Ufo è stato filmato durante una partita di Football


    Publish In: Le Prove
  • Una scultura di 3000 anni fa di un alieno


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La più piccola memoria mai realizzata? E' di soli 12 atomi


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Mercurio


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Gavrinis, il mistero dei tumuli risalenti al neolitico (3500 a.c.) con messaggi in matematica avanzata


    Publish In: Oopart Archeomisteri

La scienza dimostra che anche quando dormiamo il cervello può eseguire compiti complessi

Il nostro cervello è in grado di svolgere compiti linguistici complessi anche durante il sonno. Lo ha dimostrato un gruppo di ricercatori del Laboratorio di scienze cognitive del CNRS francese, a Parigi e dell'Università di Cambridge, che illustrano il loro studio in un articolo pubblicato su “Current Biology”.

Nella prima fase dello studio Sid Kouider e colleghi hanno chiesto ai partecipanti di classificare alcune parole come animali o come oggetti premendo un tasto con la mano destra o sinistra, a seconda dei casi. Per tutta la durata del compito, protratto fino a quando la reazione dei soggetti non è diventata automatica, l'attività cerebrale dei soggetti è stata registrata su un elettroencefalogramma, permettendo ai ricercatori di calcolare il cosiddetto “potenziale di prontezza lateralizzato” (LRP), un marcatore elettrofisiologico che indica che il soggetto si sta preparando a fornire la risposta allo stimolo e quale mano sta per usare, dato che per muovere la mano destra si attivano i motoneuroni dell'emisfero sinistro, e viceversa.

I giochi linguistici del cervello addormentato

Schema dell'esperimento. Nel sonno (in basso) i centri impegnati nella classificazione delle parole rispondono allo stimolo come durante la veglia (in alto), solo la mano non si muove.

I soggetti sono stati poi portati in una stanza buia, fatti sedere su una comoda poltrona, ed è stato chiesto loro di continuare a classificare le parole ascoltate, fino a che si addormentavano. La proposta di nuove parole da classificare e la registrazione dell'attività cerebrale sono continuate anche durante il sonno.

L'analisi dell'attività cerebrale dei dormienti e il confronto con quella rilevata mentre eseguivano il compito da svegli ha quindi mostrato che il cervello dei partecipanti continuava a impegnarsi anche nel sonno, reagendo con la stessa precisione, sia pure più lentamente. Ovviamente la risposta era confinata alle aree cerebrali impegnate nella classificazione delle parole e di pre-allerta dei motoneuroni, dato che nel sonno l'attività di questi ultimi è bloccata da specifici circuiti di controllo (a meno che non si soffra di sonnambulismo).

Ciò dimostra, osserva Kouider, che l'elaborazione vocale e altri compiti complessi "possono essere eseguiti non solo senza essere consapevoli di ciò che si percepisce, ma anche senza essere coscienti."

Secondo il ricercatore l'elaborazione inconscia non è limitata dalla complessità del compito, ma dalla possibilità o meno di renderla  automatica. Si può anche immaginare, prosegue Kouider, che un valente matematico, addormentandosi mentre pensa a qualche equazione, possa continuare a identificare la correttezza dei calcoli durante il sonno.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit