Text Size
Lunedì, Marzo 01, 2021
Scienza e Futuro La scienza dimostra che anche quando dormiamo il cervello può eseguire compiti complessi

I cicli evolutivi e le razze nelle 4 ere

La nascita e  l'evoluzione della vita sulla Terra è stata classificata dagli Studiosi Accademici(ai quali va comunque il merito di effettuare un lavoro immane e difficile) in rigidi 'scompartimenti'...

L'enorme Nave aliena stazionata vicino al Sole

Durante il monitoraggio del Sole, da parte della sonda spaziale Soho, è stato rilevato un oggetto alquanto insolito. L'oggetto in questione sembra essere enorme e rimane in fase stazionaria sulla co...

Le 5 sfide dell'intelligenza artificiale secondo google e l'obbligo di una personalità elettronica per tutti i robot del futuro secondo l' UE

L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE che dipinge, compone musica e film, batte l'uomo alla Dama cinese e impara a giocare a calcio. Programmi sempre più evoluti porteranno alla nascita di servizi fino a qu...

Trovato l'ossigeno più antico dell'universo,il prossimo arrivo di Juno alla scoperta dei misteri di Giove e l'abbondanza dei giganti gassosi nell'ammasso stellare M67

Un gruppo internazionale di ricerca, prevalentemente giapponese, ha rilevato gas contenente ossigeno all’interno di una galassia distante 13.1 miliardi di anni luce dalla Terra. La scoperta, pubb...

La lettera segreta del presidente J. F. Kennedy alla CIA sugli Ufo pochi giorni prima di morire

Le autorità statunitensi hanno divulgato il contenuto di una lettera scritta da John F. Kennedy alla Cia, dieci giorni prima di essere ucciso a Dallas il 22 novembre 1963. Nella missiva, finora i...

I quattro nuovi elementi della tavola periodica e la possibilità di fuggire da un buco nero secondo Hawking

Aggiungi un posto a tavola. Anzi quattro. Le vecchia tavola periodica degli elementi è un perenne work in progress: nel 2011 erano stati aggiunti nuovi tasselli, poi lo scorso gennaio l'Unione in...

  • I cicli evolutivi e le razze nelle 4 ere


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'enorme Nave aliena stazionata vicino al Sole


    Publish In: Le Prove
  • Le 5 sfide dell'intelligenza artificiale secondo google e l'obbligo di una personalità elettronica per tutti i robot del futuro secondo l' UE


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Trovato l'ossigeno più antico dell'universo,il prossimo arrivo di Juno alla scoperta dei misteri di Giove e l'abbondanza dei giganti gassosi nell'ammasso stellare M67


    Publish In: News Astronomia
  • La lettera segreta del presidente J. F. Kennedy alla CIA sugli Ufo pochi giorni prima di morire


    Publish In: Le Prove
  • I quattro nuovi elementi della tavola periodica e la possibilità di fuggire da un buco nero secondo Hawking


    Publish In: Scienza e Futuro

La scienza dimostra che anche quando dormiamo il cervello può eseguire compiti complessi

Il nostro cervello è in grado di svolgere compiti linguistici complessi anche durante il sonno. Lo ha dimostrato un gruppo di ricercatori del Laboratorio di scienze cognitive del CNRS francese, a Parigi e dell'Università di Cambridge, che illustrano il loro studio in un articolo pubblicato su “Current Biology”.

Nella prima fase dello studio Sid Kouider e colleghi hanno chiesto ai partecipanti di classificare alcune parole come animali o come oggetti premendo un tasto con la mano destra o sinistra, a seconda dei casi. Per tutta la durata del compito, protratto fino a quando la reazione dei soggetti non è diventata automatica, l'attività cerebrale dei soggetti è stata registrata su un elettroencefalogramma, permettendo ai ricercatori di calcolare il cosiddetto “potenziale di prontezza lateralizzato” (LRP), un marcatore elettrofisiologico che indica che il soggetto si sta preparando a fornire la risposta allo stimolo e quale mano sta per usare, dato che per muovere la mano destra si attivano i motoneuroni dell'emisfero sinistro, e viceversa.

I giochi linguistici del cervello addormentato

Schema dell'esperimento. Nel sonno (in basso) i centri impegnati nella classificazione delle parole rispondono allo stimolo come durante la veglia (in alto), solo la mano non si muove.

I soggetti sono stati poi portati in una stanza buia, fatti sedere su una comoda poltrona, ed è stato chiesto loro di continuare a classificare le parole ascoltate, fino a che si addormentavano. La proposta di nuove parole da classificare e la registrazione dell'attività cerebrale sono continuate anche durante il sonno.

L'analisi dell'attività cerebrale dei dormienti e il confronto con quella rilevata mentre eseguivano il compito da svegli ha quindi mostrato che il cervello dei partecipanti continuava a impegnarsi anche nel sonno, reagendo con la stessa precisione, sia pure più lentamente. Ovviamente la risposta era confinata alle aree cerebrali impegnate nella classificazione delle parole e di pre-allerta dei motoneuroni, dato che nel sonno l'attività di questi ultimi è bloccata da specifici circuiti di controllo (a meno che non si soffra di sonnambulismo).

Ciò dimostra, osserva Kouider, che l'elaborazione vocale e altri compiti complessi "possono essere eseguiti non solo senza essere consapevoli di ciò che si percepisce, ma anche senza essere coscienti."

Secondo il ricercatore l'elaborazione inconscia non è limitata dalla complessità del compito, ma dalla possibilità o meno di renderla  automatica. Si può anche immaginare, prosegue Kouider, che un valente matematico, addormentandosi mentre pensa a qualche equazione, possa continuare a identificare la correttezza dei calcoli durante il sonno.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit