Text Size
Venerdì, Agosto 07, 2020
Scienza e Futuro Internet per tutti e dappertutto: l'accesso universale di Zuckerberg

La misteriosa origine dei monoliti di Asuka in Giappone

Asuka affonda le sue origini nel periodo della storia giapponese definito Jidai Kofun (250-552 d.C.), caratterizzato dalla realizzazione di numerosi tumuli funerari. La zona è conosciuta anche...

Scoperto un nuovo tipo di superconduttività

Nel centenario della scoperta della superconduttività, ricercatori dell'Università del Massachusetts ad Amherst e del Royal Institute of Technology svedese hanno pubblicato una serie di t...

Le tecnologie segrete sperimentali basate sugli UFO

Il controllo della gravità e della propulsione avanzata e’ ritenuto attualmente appannaggio della fantascienza o della tecnologia di un futuro ancora molto lontano. L’autore della collana di libr...

Rapiti dagli alieni: l'incredibile caso di Antonio Villas Boas

La data: 22 febbraio 1958 Il soggetto: Antonio Villas Boas. La posizione: Il Chirurgo Dott. Olavo T. Fontes, Rio De Janeiro. La dichiarazione dei testimoni: Dott. Olav...

I strani volti di Bélmez

Volti di Bélmez (Caras de Bélmez in spagnolo) è il nome dato ad alcuni fenomeni paranormali, presentatisi per la prima volta in una casa di Bélmez de la Moraleda, paesino spagnolo di 3695 anime nella ...

La battaglia Ufo di Los Angeles

In prima pagina, sul “Los Angeles Times” del 26 febbraio 1942, il titolo a caratteri cubitali dice: “L’esercito dichiara che l’allarme è reale”.25 FEBBRAIO 1942 PRIME ORE DEL MATTINODozzine di riflett...

  • La misteriosa origine dei monoliti di Asuka in Giappone


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Scoperto un nuovo tipo di superconduttività


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Le tecnologie segrete sperimentali basate sugli UFO


    Publish In: Le Prove
  • Rapiti dagli alieni: l'incredibile caso di Antonio Villas Boas


    Publish In: Le Prove
  • I strani volti di Bélmez


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La battaglia Ufo di Los Angeles


    Publish In: Le Prove

Internet per tutti e dappertutto: l'accesso universale di Zuckerberg

ERA STATA lanciata esattamente un anno fa Internet.org. Una ong, sostenuta da diverse sigle ma in cui il ruolo da protagonista spettava senza alcun dubbio a Mark Zuckerberg, fondatore e deus ex machina di Facebook. L'obiettivo era e continua a essere quello di connettere i cinque miliardi di abitanti del pianeta tagliati fuori da qualsiasi tipo di connessione al web. O almeno a qualche sua versione alleggerita.

"'La connessione è un diritto umano", aveva detto il fondatore di Facebook, capofila insieme ad altri giganti hi tech di solito in competizione fra loro come Nokia, Qualcomm e Samsung. Ripetendolo nei mesi successivi a ogni occasione utile. Adesso, in piena estate, finalmente il primo passo concreto: la connessione dati gratuita in Zambia, il Paese dell'Africa centro-meridionale stretto fra gli altri fra Angola, Mozambico, Tanzania, Congo e Zimbabwe. È da lì, da un'area poverissima in cui l'aspettativa di vita media non supera i 40 anni e dove il 60% della popolazione vive sotto la soglia di povertà, che il folletto della Silicon Valley vuol dare il calcio d'inizio alla sua strategia per abbattere il digital divide fra ricchi e poveri.

"Più dell'85% della popolazione mondiale vive in zone con coperture cellulari esistenti e attive", si legge in una nota di Internet.org, "tuttavia solo il 30% ha accesso a internet. Consapevolezza e possibilità economica sono barriere significative all'adozione di internet per moltissimi. Per questo annunciamo oggi l'applicazione Internet.org: per rendere internet accessibile a più persone attraverso un pacchetto di servizi essenziali".

Quali sono questi servizi? Spaziano fondamentalmente fra salute (Mama, Zambia uReport per l'Aids, piaga del Paese), impiego (Go Zambia Jobs), informazioni sui servizi locali. Ovviamente, e questo è uno dei punti che hanno sollevato diverse polemiche nei mesi scorsi, c'è anche Facebook, il social network di Menlo Park, insieme alla sua versione per comunicare via chat, Messenger. Non mancano poi le previsioni del tempo di AccuWeather, le ricerche di Google Search e l'enciclopedia libera Wikipedia. In totale, 13 sezioni accessibili gratuitamente a tutti gli abitanti del Paese africano con un cellulare servito dall'operatore Airtel, a cui sono abbonati circa 5 milioni di persone.

"Fornendo servizi basilari attraverso quest'applicazione speriamo di portare più persone online e aiutarle a scoprire opportunità di cui altrimenti non potrebbero disporre", continua il comunicato, "l'applicazione Internet.org sarà inizialmente disponibile per i clienti Airtel in Zambia e continueremo a lavorare sul progetto, sviluppandolo ed espandendolo in altre parti del pianeta". Come accederanno i nuovi utenti? Tramite l'app Internet.org scaricabile dal Google Play Store, dunque per Android, dal sito Internet.org o direttamente dall'applicazione Facebook.

Zuckerberg era tornato sul punto nel corso dell'ultimo Mobile World Congress di Barcellona: "Il costo maggiore di possedere uno smartphone e rimanere connessi a internet non è lo smartphone: sono i dati". Ecco dunque che lo sbarco in Zambia dell'applicazione è una mossa pienamente in linea con la strategia: sostenere chi non può permettersi un piano tariffario per la connessione dati. In sintonia, oltre tutto, con simili progetti offerti dal gruppo in giro per il mondo col programma Zero Facebook, molto apprezzato ma limitato all'app e poco tempo a disposizione. Qualcosa di sensibilmente diverso da Internet.org, che inizialmente durerà un anno per ciascun utente. "Abbiamo superato due delle principali barriere", ha spiegato Guy Rosen, product management director della ong, "la prima è la possibilità economica. La seconda è la consapevolezza: le persone non sanno quanto possono ottenere da internet".


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit