Text Size
Domenica, Ottobre 20, 2019
Scienza e Futuro Il futuro che ci aspetta: la telepresenza olografica in 3D

Le stelle più brillanti osservate da Hubble, la mappa 3D navigabile online e le tracce di un nuovo pianeta nel nostro sistema solare

Raramente capita di studiare una singola stella, poiché si presta maggiore attenzione alle strutture che sono in grado di formare. C’è da dire che quando le stelle si raggruppano riescono a creare ...

Il teologo che già nel medioevo ipotizzava gli Universi paralleli

Chi l’avrebbe detto che in pieno Medioevo, periodo storico non certo aperto alla scienza, sarebbero stati gettati, seppur involontariamente, i semi di una delle teorie oggi più avanzata e dibattut...

Il test riuscito della navetta orbitale per turisti Spaceship 2, lo scontro tra comete e gli anelli di Saturno e l'enorme uragano al polo Nord di Saturno

Turismo spaziale. Un sogno che potrebbe presto diventare realtà. SpaceShip Two, la navetta della azienda privata Virgin Galactic, ha infatti completato con successo uno dei suoi test più important...

Michel Lotito, l'uomo che riusciva a mangiare (e digerire) il metallo

Michel Lotito (Grenoble, 15 giugno 1950 – 25 giugno 2007) è stato intrattenitore francese. Nacque a Grenoble e divenne famoso in tutto il mondo per il suo picacismo, sotto il nome d'arte di Monsie...

Ecco Palazzo, il camper futuristico più caro del mondo

Sembra l'interno di una villa di lusso ma invece è il cocktail bar del motorhome più caro del mondo: costa 2,2 milioni di dollari ed è lungo 12 metri. Questo palazzo su ruote ha anche una terrazza...

La galassia J2240 eccezionalmente luminosa, la formazione di pianeti rocciosi attorno alle Nane Brune e le molecole organiche di Marte

Una galassia lontana e di un verde brillante: è questo oggetto che ha catturato l’attenzione di un gruppo internazionale di astronomi mentre analizzavano immagini dell’Universo profondo. A 3,7 mili...

  • Le stelle più brillanti osservate da Hubble, la mappa 3D navigabile online e le tracce di un nuovo pianeta nel nostro sistema solare


    Publish In: News Astronomia
  • Il teologo che già nel medioevo ipotizzava gli Universi paralleli


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il test riuscito della navetta orbitale per turisti Spaceship 2, lo scontro tra comete e gli anelli di Saturno e l'enorme uragano al polo Nord di Saturno


    Publish In: News Astronomia
  • Michel Lotito, l'uomo che riusciva a mangiare (e digerire) il metallo


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Ecco Palazzo, il camper futuristico più caro del mondo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La galassia J2240 eccezionalmente luminosa, la formazione di pianeti rocciosi attorno alle Nane Brune e le molecole organiche di Marte


    Publish In: News Astronomia

Il futuro che ci aspetta: la telepresenza olografica in 3D

http://www.magictech.it/wp-content/uploads/2010/06/ologramma-3d.jpg

Fino a pochi anni fa, una videochiamata con una persona che sta dall'altra parte del mondo, oggi alla portata di chiunque abbia un computer e una connessione internet, poteva sembrare fantascienza. Eppure questa modalità d'interazione potrebbe sembrare obsoleta già tra qualche anno, se prenderà piede, com'è prevedibile, una nuova tecnologia tutta italiana: la telepresenza olografica.

Co-finanziata dalla Regione Val d’Aosta e sviluppata dall’Istituto nazionale di ottica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ino-Cnr) in collaborazione con la società privata Quintetto di Pont Saint Martin (Ao), la nuova tecnologia permette di percepire un'immagine bidimensionale in un ambiente tridimensionale: l'interlocutore è percepito in modo molto realistico, come se fosse effettivamente presente.

"L'obiettivo del progetto è incentivare le tecnologie che riguardano il rapporto uomo-macchina e che possano migliorare la fornitura di migliori servizi alla cittadinanza: la telepresenza olografica ha proprio il fine di agevolare le trattative commerciali o comunque le interazioni tra persone a distanza”, ha spiegato a "Le Scienze" Elisabetta Baldanzi, dell'Ino-Cnr.

Si tratta di una tecnologia di base che è già stata utilizza per esempio in rappresentazioni teatrali. Ma l'adattamento alle precise finalità del progetto ha rappresentato una sfida tecnologica non indifferente.

“Iniziando questo progetto, abbiamo analizzato le metodologie disponibili per ottenere la rappresentazione tridimensionale di un soggetto che avrebbe dovuto trovarsi 'di fronte' all'utente, nel modo più realistico possibile”, ha spiegato a “Le Scienze” Luca Mercatelli, tecnologo dell'Ino-CNR che ha partecipato allo studio. “Avevamo sostanzialmente tre possibilità: sfruttare la sensazione di tridimensionalità che si ottiene dando un'informazione diversa ai due occhi – gli stessi utilizzati nel cinema – oppure utilizzare uno schermo volumetrico, proiettando un'immagine su un supporto tridimensionale, per esempio il vapore, o ancora inserire un'immagine bidimensionale in un contesto tridimensionale: alla fine abbiamo scelto quest'ultima opzione”.

Il sistema è pensato sostanzialmente sul modello di un servizio al cittadino o di un rapporto commerciale in cui un utente riceve l'ologramma di un operatore: il dispositivo si basa su uno schermo semitrasparente che prende l'immagine bidimensionale dell'operatore e la “immerge” in un contesto tridimensionale di un ufficio reale, rendendo molto bene la sensazione di tridimensionalità.

“A tutto questo si aggiunge una serie di utility software, sviluppate dalla Quintetto, per lo scambio di documenti o per la condivisione dello schermo di un computer eccetera, che consentono all'operatore di guidare l'utente nella compilazione di un modulo, per esempio”, ha continuato Mercatelli.

Ma di quali sviluppi tecnologici si è occupato nello specifico l'Ino-Cnr? “Abbiamo lavorato molto sugli aspetti illuminotecnici e cromatici per far sì che lo schermo semitrasperente fosse percepito il meno possibile e che l'immagine olografica fosse il più fedele possibile, conferendo al tutto la massima verosimiglianza”, spiega Mercatelli.

Uno degli aspetti più interessanti del progetto è che la telepresenza olografica si basa su dispositivi di costo limitato, e quindi gestibili anche in ambito commerciale, e collegabili alla rete Internet ordinaria.

Video



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit