Text Size
Lunedì, Agosto 19, 2019
Scienza e Futuro L'espansione della mente dei funghi allucinogeni spiegata dalla scienza

Prove giapponesi sugli Ufo

Nel video seguente viene mostrato come non solo la Nasa è a conoscenza di prove inconfutabili dell'esistenza di visitatori alieni. Nel video seguente si vede una flotta, composta da circa una 50ina di...

L'òmero dell' uomo moderno trovato a Kanapoi in Kenya risalente a 5 milioni di anni fa

Nel 1880, in Italia, a Castenedolo, il geologo G. Ragazzoni trovò ossa fossili di diversi individui di Homo sapiens sapiens in strati di sedimenti del Pliocene, di 3 a 4 milioni di anni fa. Nel 1913...

Le misteriose strutture biologiche scoperte in Perù di cui anche la scienza ignora l'origine

Una serie di bizzarre, quanto enigmatiche, strutture biologiche è stata scoperta nella foresta amazzonica del Perù, formazioni molto simili a piccole guglie circondate da staccionate. La prima...

Secondo il Cnr: ciò che vediamo è influenzato da visioni precedenti. E' il cervello a fare la media

Chi si è accorto che la maglietta di Harry Potter, nel film "L'Ordine della Fenice" cambiava da girocollo a scollatura in una frazione di secondo? E chi ha notato che il croissant di Julia Robert...

Un altro passo verso l'immortalità. Topi di laboratorio ringiovaniti artificialmente

Il tempo è tornato indietro, per un gruppo di topolini del Salk Insitute in California. Dopo essere diventati anziani, gli scienziati sono riusciti a farli ringiovanire. L’estensione della loro v...

Gli Ufo filmati mentre si avvicinano al tornado in Oklahoma

Durante il disastroso tornado avvenuto in Oklahoma diversi Ufo sembrano interessati al fenomeno, di fatti, vengono ripresi mentre si avvicinano, come per studiarlo, al tornado. E, inoltre, si fa not...

  • Prove giapponesi sugli Ufo


    Publish In: Le Prove
  • L'òmero dell' uomo moderno trovato a Kanapoi in Kenya risalente a 5 milioni di anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Le misteriose strutture biologiche scoperte in Perù di cui anche la scienza ignora l'origine


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Secondo il Cnr: ciò che vediamo è influenzato da visioni precedenti. E' il cervello a fare la media


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Un altro passo verso l'immortalità. Topi di laboratorio ringiovaniti artificialmente


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Gli Ufo filmati mentre si avvicinano al tornado in Oklahoma


    Publish In: Le Prove

L'espansione della mente dei funghi allucinogeni spiegata dalla scienza

I funghi magici e l'espansione della mente

Gli effetti allucinogeni della psilocibina, il principio attivo dei “funghi magici”, ovvero funghi con sostanze psicoattive, sono legati a un potenziamento dell'attività nelle parti evolutivamente più antiche del cervello, come l'ippocampo e il giro del cingolo anteriore, fortemente legate alla modalità emotiva di pensare, e a una contemporanea disorganizzazione delle aree che presiedono al pensiero di alto livello. Ma non solo: oltre a questo schema di attività che ricorda molto quello che si osserva durante il sogno, le diverse aree cerebrali entrano in comunicazione fra loro lungo percorsi che normalmente non vengono attivati, o quanto meno non vengono attivati tutti nello stesso momento. Una circostanza, questa, che potrebbe dar conto della descrizione dell'esperienza psichedelica come di una “espansione della mente”.

I funghi magici e l'espansione della mente

La scoperta - pubblicata su “Human Brain Mapping” - è opera di un gruppo di neuroscienziato della Goethe-Universität di Francoforte, dell'Imperial College di Londra e dell'argentino Consejo Nacional de Investigaciones Cientificas y Tecnologicas. “Conoscere i meccanismi alla base di quello che accade sotto l'effetto di droghe psichedeliche può anche aiutare a capire i loro possibili usi. Attualmente stiamo studiando l'effetto dell'LSD sul pensiero creativo e la possibilità che la psilocibina possa essere d'aiuto nell'alleviare i sintomi della depressione, consentendo ai pazienti di cambiare i loro modelli rigidamente pessimistici di pensiero. Tentativi di sfruttare le sostanze psichedeliche a fini terapeutici erano stati effettuati già negli anni cinquanta e sessanta, ma ora stiamo finalmente cominciando a capire la loro azione sul cervello e come eventualmente farne un buon uso”, osserva Robin Carhart-Harris, uno degli autori.

Per chiarire le basi biologiche dell'esperienza con le sostanze psichedeliche, i ricercatori hanno analizzato i dati di imaging cerebrale di 15 volontari ai quali è stata iniettata per via endovenosa la psilocibina mentre erano sottoposti a risonanza magnetica funzionale (fMRI).

Dai dati raccolti sembra che una delle principali azioni della psilocibina, come verosimilmente di altre sostanze allucinogene, sia di far “saltare” la sincronizzazione generale fra le attività delle diverse aree cerebrali superiori. Al contrario, diverse aree sottocorticali legate all'emotività e alla memoria mostravano di lavorare in modo più sincronizzato e più intenso.

Successivamente i ricercatori hanno analizzato i dati modellandoli come un sistema dinamico, calcolandone l'entropia, una misura che permette di quantificare il livello di casualità nell'evoluzione di un sistema. In questo modo hanno rilevato che che nel sottosistema costituito dalla parte più primitiva del cervello si verificava un notevole incremento dell'entropia, interpretabile come un aumento del numero di tipi di attività possibili sotto l'influenza della psilocibina. Per esempio, in uno stato di coscienza normale i diversi circuiti che collegano il giro del cingolo dell'emisfero sinistro e di quello destro, l'ippocampo sinistro e quello destro, si possono attivare in rapida successione, ma non in contemporanea, cosa che invece avviene sotto lo stimolo della psilocibina.

I funghi magici e l'espansione della mente

Rivendita di "funghi magici" ad Amsterdam.

Precedenti ricerche hanno tra l'altro suggerito che ci sia un numero ottimale di reti dinamiche contemporaneamente attive nel cervello, che permette di ottimizzare l'equilibrio tra la stabilità e la flessibilità della coscienza, un requisito importante dal punto di vista evolutivo. Se il numero di questi circuiti supera quel punto critico ottimale, osservano gli autori, la mente passa a operare come un sistema dinamico sempre più caotico, con l'apertura di “percorsi di pensiero” imprevedibili e potenzialmente pericolosi.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit